ANNO XV Ottobre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 02 Febbraio 2018 05:43

Politiche ed elezioni, il punto di raccolta delle news, Vico su Arpa, parte la campagna di Stefàno

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Confermiamo l'obiettivo di fare il solito pastone dei comunicati che arrivano in questa campagna elettorale per non dare spazi privilegiati a candidati. Cominciamo con  il Sen Dario Stefàno (in copertina) che corre con il centro sinistra nel salento e che ha svolto una presentazione pubblica il cui resoconto è qui di seguito.

Parte da Lecce la campagna elettorale di Stefàno, da domani inizia il tour nel territorio allargato del Collegio uninominale

“Avverto tutta la responsabilità di questa doppia candidatura, ma sono convinto che tutti insieme possiamo fare veramente un buon lavoro. Partiamo dai territori, come ci invita a fare la stessa legge elettorale con il ritorno ai collegi. Anche se per noi è più esatto dire ripartiamo, continuiamo insomma a misurarci con i problemi e le risorse di questo nostro territorio, proseguiamo quell’impegno speso quotidianamente da ciascuno di noi, qui nella nostra terra, tra la nostra gente, provando a dare soluzione ai problemi e una prospettiva alle nostre comunità”.

Così Dario Stefàno, candidato al Senato della Repubblica per la coalizione di centrosinistra al Collegio uninominale Lecce - Francavilla (Puglia 5) e per il Partito Democratico come capolista al collegio plurinominale Puglia Sud, all’inaugurazione del Comitato a Lecce, alla quale hanno partecipato in tanti: sostenitori personali di Stefàno, amici di lungo corso, associazioni, referenti territoriali del movimento La Puglia in Più insieme ai segretari Pd dei comuni che appartengono al collegio uninominale, sindaci, tra cui il sindaco di Lecce Carlo Salvemini, assessori regionali, e gli altri candidati dei collegi uninominali.

Ha voluto presenziare allo start della campagna elettorale anche Giovanni Pellegrino che ha preso la parola per augurare a tutti buon lavoro sottolineando che “non viviamo momenti facili, però in questi anni passi avanti ne sono stati fatti. Dobbiamo impegnarci per sfatare le cose insensate che vengono promesse e le critiche ingiustificate che vengono mosse. Questa campagna può essere il punto di partenza per trovare la capacità di stare insieme, come siamo riusciti a fare a Lecce, per ritrovare il senso dello stare insieme trovando ciò che ci accomuna e non quello che ci divide”.

Da domani Stefàno inizierà il tour nei comuni delle province di Lecce, Brindisi e Taranto che appartengono al collegio Puglia 5. 

 

Assunzioni Arpa Taranto - Vico: “7,5milioni di euro disponibili da un anno e mezzo, ma la Regione Puglia non provvede ancora ad assumere i 140 tecnici”

“Il ritardo del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, nell’assunzione di 140 tecnici all’Arpa di Taranto, è giunto al punto d’essere divenuto ormai paradossale”.

È quanto dichiara l’on. Ludovico Vico ad un anno e mezzo dal luglio del 2016 quando, grazie ad un emendamento al Dl n°98 presentato dallo stesso Vico e da tutti i deputati pugliesi del Pd, vennero stanziati in favore della Regione Puglia, 7,5 milioni di euro (2,5milioni per l’anno 2016 e 5milioni per l’anno 2017), per consentire all’Arpa di Taranto di potenziare il suo personale in modo da consentire maggiori possibilità di intervento ambientale, di monitoraggio e di controllo dell’area jonica. A 18 mesi da quella data, l’on. Vico evidenzia lo spaventoso ritardo e la necessità di accelerare i tempi.

“È passato tanto tempo, troppo – dice Vico -. Ribadisco, si tratta di assumere per Arpa-Taranto 140 tecnici. L’agenzia è un ente indispensabile per il monitoraggio rinforzato, finalizzato al controllo della qualità dell’ambiente in cui vive la cittadinanza tarantina. Nonostante ciò, Emiliano non accelera alcun processo. L’emendamento è divenuto norma a luglio 2016, ma ad oggi è ancora rimasto inevaso. Solo alcuni giorni fa è stato approvato il piano per le assunzioni da parte della Regione Puglia. Ma a quando i concorsi? Inoltre, in quella norma, è specificato che una parte del personale da mandare a Taranto deve essere resa con la procedura della mobilità. Quindi ci ritroviamo davanti ad un ritardo nei concorsi, un ritardo nel mobilitare il personale verso l’Arpa di Taranto e un ritardo nell’utilizzo dei fondi stanziati e rimasti congelati”.

Per rendere più chiaro ciò che sta accadendo, riportiamo per intero l’emendamento del luglio del 2016.

“In relazione all'assoluta esigenza di assicurare le necessarie attività di vigilanza, controllo, monitoraggio e gli eventuali accertamenti tecnici riguardanti l'attuazione del Piano di cui al comma 8.1, potenziando a tal fine la funzionalità e l'efficienza dell'Agenzia Regionale Protezione Ambientale della Puglia (ARPA Puglia), quest'ultima è autorizzata ad assumere, fermo restando il rispetto degli obiettivi del saldo non negativo, in termini di competenza, tra le entrate e le spese finali, in deroga alla normativa vigente in materia di limitazioni alle assunzioni, e a seguito di procedure di selezione pubblica disciplinate con provvedimento della Regione Puglia, personale a tempo indeterminato per un contingente strettamente necessario ad assicurare le attività di cui al presente comma, da inquadrare nel rispetto della vigente normativa regionale, nel limite massimo di spesa pari a 2,5 milioni di euro per l'anno 2016 e a 5 milioni di euro a decorrere dal 2017 a valere sulle risorse stanziate all'uopo nel bilancio della Regione Puglia. Le assunzioni possono essere effettuate anche in deroga alle vigente normative sulla mobilità del personale delle Province, di cui all'articolo 1, comma 423 e seguenti, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, e successive integrazioni e modificazioni”.

“Mi chiedo – conclude l’on. Vico - come si intenda salvaguardare la tranquillità dei cittadini, se non si rafforza un importante organo di controllo ambientale come l’Arpa, nonostante ci siano fondi disponibili per farlo. Questo è un atto gravissimo per cui Emiliano dovrebbe dare conto alla comunità ionica”.

 

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1055 times

Utenti Online

Abbiamo 1222 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine