ANNO XV Maggio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 18 Luglio 2018 09:05

Nicaragua: l'Esercito attacca Masaya, simbolo della resistenza

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Monimbò è caduto: il quartiere-simbolo della ribellione contro il Presidente Ortega non ha più barricate, l'opposizione è in fuga.

Le forze di sicurezza e paramilitari del Nicaragua hanno fatto irruzione nel centro di Masaya, 30 km a sud di Managua, simbolo della resistenza al Governo del Presidente.

I residenti hanno riferito di gruppi armati con camicie azzurre, stimati in circa 1500 persone.

Il brutale giro di vite da parte del Governo ha portato ad un'unanime condanna internazionale.

Anche la Chiesa nicaraguense è finita nel mirino della repressione governativa: l’ultimo grave attacco, dopo quello ai danni dell’arcivescovo di Managua, cardinale Leopoldo Brenes, e del nunzio Waldemar Sommertag, malmenati e feriti in una chiesa a Diriamba, riguarda Juan Abelardo Mata, 72enne vescovo di Estelì, scampato ad un agguato delle forze paramilitari.

Almeno 275 persone sono state uccise in Nicaragua da quando, lo scorso aprile, sono scoppiate le proteste nei confronti del Governo.

Tredici Nazioni latinoamericane (Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, Guatemala, Honduras, Messico, Panama, Paraguay, Perù e Uruguay) avevano vanamente manifestato "preoccupazione per la violazione dei diritti umani e le libertà fondamentali, e la più ferma condanna per i gravi e reiterati atti di violenza che in Nicaragua hanno provocato la perdita di diverse centinaia di vite umane e provocato centinaia di feriti". (Euronews)

 

Sei arrivato fin qui Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Agoramagazine.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di agoramagazine.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino al giorno. Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 749 times

Utenti Online

Abbiamo 733 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine