Print this page
Mercoledì, 26 Dicembre 2018 08:54

“Sull’altra riva” un bel racconto di vita sul tema dell'Alzheimer

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Ho letto con interesse il libro di Cesare Paradiso, un po’ risarcendo una discreta presentazione pubblica che non è stata però in grado di offrire il senso del racconto.

Questo perché i libri è meglio leggerli e non sottoporli a presentazioni che sembrano talvolta più insistere sull’autore che sul contenuto della sua opera. L’affermazione dell’autore: “io non so nulla dell’Alzheimer” ha poi messo in ombra un lavoro di scrittura e un resoconto di sofferenza e di umanità che meritava ben altro.

Anche una discussione sull’Alzheimer sarebbe stata utile come presentazione, perché il libro è sostanzialmente questo: il racconto di questo malanno dell’invecchiamento, e non solo, del sentimento d’amore che non cessa con la malattia, dell’amicizia che fa a pezzi interessi professionali e proprio vissuto. Un romanzo breve che suggella affetti e si confronta con l’avanzamento della malattia. Lo stile è scerno di ridondanze, più incline alla cronaca dei segni e dei pensieri, delle foto sui mobili e tutto accade in queste visite continue, che scandiscono il destino inesorabile e attento a rubare affetti e memoria. La figura di Carlo, giornalista che parla in prima persona, è particolarmente dedicata a questa indagine sul problema dell'amico, in secondo piano la sua famiglia senza figli e lontanissima la sua redazione, quasi inesistente.

Sull’altra riva” è un bel racconto di vita, preso dalla realtà, come spesso capita all’autore nella sua vita forense di legale delle famiglie, soprattutto è un libro che implicitamente denuncia l’indifferenza pubblica nei confronti di un male che andrebbe conosciuto socialmente e trovare maggiore solidarietà all’esterno delle famiglie e anche all’interno del parentado. Da leggere. (rdg)

La sinossi di copertina

Un professionista di successo rinuncia al proprio lavoro e alla propria vita per dedicarsi alla moglie colpita da Alzheimer. Ma è davvero una rinuncia? O è solo un'attenzione diversa a ciò che conta, un trasferirsi sull'altra riva e osservare con occhi differenti? A narrare, quasi in presa diretta, la storia di Bice e Francesco è Carlo, l'amico giornalista, che nell'amicizia e nell'attenzione e l'ascolto dell'altro trova più senso anche alla propria esistenza: se il dolore è una prigione, si tratta di scegliere di stare in quella prigione con tutto l'amore possibile. 

                                                                                                                                                    

Read 884 times