ANNO XV Luglio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 31 Gennaio 2019 15:16

Parlamento Europeo oggi ha riconosciuto Juan Guaidó legittimo costituzionale Presidente ad Interim del Venezuela

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il Parlamento Europeo oggi ha riconosciuto Juan Guaidó legittimo costituzionale Presidente ad Interim del Venezuela con 439 voti a favore 104 contro e 88 astenuti a favore PPE- Socialisti- liberali ALDE e i conservatori CRE. Lega e M5S si sono astenuti votano a favore Forza Italia, Partito Democratico e Fratelli d'Italia.

Via libera dalla miniplenaria del Parlamento europeo alla risoluzione che riconosce Juan Guaidò, presidente dell'Assemblea Nazionale di Caracas, come presidente legittimo ad interim del Venezuela. Gli eurodeputati del M5S e della Lega si sono astenuti. I deputati europei hanno esortato l'Alto rappresentante dell'Ue per gli Affari esteri Federica Mogherini e gli Stati membri a fare altrettanto fino a quando non saranno indette nuove elezioni presidenziali libere, trasparenti e credibili per ripristinare la democrazia.

Il leader dell'opposizione respinge intanto il dialogo offerto da Maduro, chiamando i venezuelani in piazza per chiedere elezioni libere. Per Guaidò incontri segreti con i militari per convincerli a ritirare il loro sostegno a Maduro e appoggiare il nuovo corso.

L'opposizione venezuelana raccolta intorno a Guaidò ha respinto il "falso dialogo" proposto mercoledì da Nicolas Maduro e ha portato in piazza ancora una volta migliaia di persone in tutto il Paese per esigere elezioni presidenziali con garanzie internazionali e l'apertura di canali umanitari. In un'intervista all'agenzia russa Ria Novosti, Maduro era tornato ad offrire un dialogo con l'opposizione, precisando però che non intende dimettersi dal suo incarico e proponendo invece elezioni legislative (non presidenziali) anticipate. Sempre mercoledì, il presidente ha moltiplicato gli interventi, incontrando l'alto comando militare e rappresentanti di chiese evangeliche e annunciando investimenti milionari in infrastrutture per abbellire le città del paese.

Da Mosca ha provato a dargli manforte il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov, che ha accolto il richiamo al dialogo di Maduro e ha chiesto all'opposizione "di mostrare un approccio egualmente costruttivo, ritirare gli ultimatum e agire indipendentemente sotto la guida degli interessi del popolo venezuelano". Da Washington però, Carlos Vecchio, l'incaricato d'affari nominato negli Usa da Guaidò, ha fatto sapere che l'opposizione è interessata ad un eventuale dialogo "solo per negoziare l'uscita dalla dittatura".

Interrogato sull'offerta di mediazione portata avanti da Paesi come Messico e Uruguay, Vecchio ha accusato Maduro di aver "manipolato la parola dialogo per anni solo per dare ossigeno al suo regime", e per questo è necessario respingere "falsi dialoghi". Donald Trump, da parte sua, ha confermato il suo appoggio a Guaidò, con il quale ha parlato personalmente al telefono, mentre il suo governo ha continuato a trasferire gli asset e i conti dello Stato venezuelano negli Usa dalle autorità di Caracas a Guaidò stesso, che Washington riconosce come presidente legittimo del Venezuela. Dall'altra parte dell'Oceano, il titolare della Farnesina Enzo Moavero Milanesi, spiegando in Senato la posizione del governo dopo le tensioni tra Lega e Cinque Stelle, ha riferito che l'Italia è pienamente allineata con l'Unione Europea sulla questione.

"L'Ue, con il pieno sostegno di Roma, ha sempre insistito su cinque punti: il pieno ripristino e rispetto dei poteri dell'Assemblea Nazionale, che fossero indette elezioni presidenziali credibili, il rilascio di tutti i prigionieri politici, la piena garanzia della libertà di informazione ed espressione, l'apertura di corridoi umanitari", ha spiegato in dettaglio il capo della diplomazia italiana, evitando tuttavia di citare il termine ultimo degli 8 giorni per convocare le elezioni fissato sabato scorso da Berlino, Parigi, Madrid e Londra. E a tre giorni dalla scadenza dell'ultimatum a Maduro, il governo greco ha espresso il suo dissenso riguardo alla posizione comune del blocco. Il ministro per gli Affari europei Giorgos Katrougalos ha detto che Atene non vuole "un'altra Libia" in Sud America. Per questo, è la linea del governo Tsipras, è necessario che l'Ue assuma "un ruolo di mediazione" per "non farsi trascinare dalle iniziative di altre grandi potenze". Posizione applaudita in Italia dai pentastellati, con i senatori M5S della Commissione Affari Esteri che hanno espresso "soddisfazione per la decisione della Grecia di respingere la logica dell'ultimatum e di proporsi in un ruolo di mediazione con Messico e Uruguay".

Intanto, Guaidò ha pubblicato un editoriale sul New York Times nel quale sostiene che "a Maduro resta poco tempo per continuare ad usurpare la presidenza" ed ha lanciato un appello all'unità dei venezuelani. "Per ottenere l'uscita (di Maduro) con il minimo spargimento di sangue, tutti i venezuelani devono restare uniti e premere, fino alla rottura finale del regime", ha scritto Guaidò, ripetendo la sua "road map" in tre punti: "fine dell'usurpazione, governo di transizione ed elezioni libere".

Quattro dipendenti dell'agenzia di stampa spagnola EFE sono stati arrestati dai servizi di sicurezza venezuelani a Caracas, dove coprivano la crisi politica in Venezuela: il sindacato della testata e il governo spagnolo hanno chiesto la loro immediata liberazione. I detenuti sono due giornalisti - lo spagnolo Gonzalo Dominguez Loeda e la colombiana Mauren Barriga Vargas - il fotoreporter colombiano Leonardo Muñoz e l'autista venezuelano José Salas. L'Alto rappresentante dell'Ue Federica Mogherini ha sollecitato "il rilascio immediato" dei quattro. con informazione Ansa

Read 791 times

Utenti Online

Abbiamo 1099 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine