ANNO XV Settembre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 16 Aprile 2019 05:21

La cronaca di Foggia nella matita satirica

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Ieri sera, dopo aver disegnato questa vignetta (ironia della sorte!), sono stato fermato in auto da una pattuglia dei Carabinieri. Così esposti alla “pubblica fede” mi sono sembrati fragili e vulnerabili. 


Ho pensato al Maresciallo Vincenzo Carlo Di Gennaro e al suo collega ferito, Pasquale Casertano.
Ai militari che mi hanno fermato avrei voluto fare le mie condoglianze ed esprimere la mia solidarietà, ma, per una forma di rispetto diversa e più intima, sono stato zitto. 
Ho pensato, inoltre, a quanto sia diventato difficile fare questo lavoro, specie in questi tempi, dove si assiste al puntuale sovvertimento dei valori, dove il buono - al cospetto delle moderne "Sacre Inquisizioni" - deve dimostrare di aver fermato il cattivo senza avergli fatto male. 
Ma come si può fermare il cattivo, sempre, in guanti bianchi? 
Alle volte non è possibile!
Molta gente, che blatera senza sapere, dovrebbe provare cosa vuol dire stare lì, come i Carabinieri di ieri sera, sotto un lampione in mezzo alla strada, giocando a dadi con la sorte, oppure intervenire il più velocemente possibile in una situazione critica dove la vita e la morte prevalgono l’una su l’altra in base a decisioni da prendere in frazioni di secondo con il cuore in gola.
Rivedere gli eventi sulla carta… è un’altra cosa, una cosa troppo distante dalla realtà!
Col senno di poi si è tutti bravi e capaci di adottare la decisione migliore, anche perché quella decisione non dovrà mai passare l'inappellabile vaglio della realtà!
Siccome sono solo servitori dello Stato, e presto saranno dimenticati… perché un Carabiniere morto in servizio non fa grande audience, dedico questa amara vignetta a Vincenzo Carlo Di Gennaro, al suo collega Pasquale Casertano e alle loro famiglie.
Condoglianze alla famiglia delle vittima e all’Arma dei Carabinieri.

 

Read 780 times

Utenti Online

Abbiamo 818 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine