ANNO XVI Dicembre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 23 Agosto 2019 17:43

Pulsano (Taranto) . Di Lena interviene sugli autovelox "effetto boomerang per il Comune con i ricorsi persi"

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il consigliere dell’”Unione Dei Comuni Terre Del Mare E Del Sole” Angelo Di Lena chiede alla Prefettura e alla polizia stradale l’annullamento in autotutela dell’ autovelox con accesso remoto installato dal comune di pulsano sulla “Litoranea Dei Micenei” intersezione con via Tamarix.

Il Consigliere dell’”Unione dei comuni terre del mare e del sole” Angelo Di Lena, dopo averne evidenziato nei giorni scorsi le problematiche connesse alla installazione degli autovelox, ha chiesto mercoledì 21 Agosto alla Prefettura e alla Polizia stradale l’immediato annullamento in autotutela del rilevatore di velocità con accesso remoto installato dal Comune di Pulsano sulla “Litoranea Dei Micenei” nei pressi del’intersezione con Via Tamarix (senso di marcia Lizzano – Taranto).

“A mio avviso il sopra citato autovelox che sarà attivo dal giorno 23 Agosto 2019, sulla scorta del Decreto Prefettizio Prot. 8087-10.3 del 27 Aprile 2011, che autorizza gli Enti all’installazione dei rilevatori di velocità (con accesso remoto) sulla Strada Provinciale 122 (Tratto Taranto – Torre Columena), rinominata poi “Litoranea dei Micenei” non deve essere installato e reso funzionante perché mancano i presupposti di incidentalità previsti dalle Circolari Maroni e Minniti.

Inoltre nel decreto prefettizio si parla di SP 122 non di litoranea dei Micenei, ovvero c’è una difformità tra quanto previsto nel Decreto stesso del 2011 e la corretta denominazione della Ex S.P. 122, e ciò comporta una errata indicazione di quanto previsto dall’Articolo 383 del Codice della Strada “Contestazione – Verbale di Accertamento”.

Alla luce di quanto esposto considerata anche la vetustità del decreto prefettizio risalente al 2011 ritengo, altresì, sia necessaria una revisione dello stesso ed una riconsiderazione delle strade oggetto di autorizzazione alla installazione”.  

Sempre in ordine al tema nell'ambito del consiglio comunale di questa mattina (Pulsano)  il consigliere comunicava

GLI AUTOVELOX , UN INUTILE BOOMERANG AI DANNI DEL COMUNE DI PULSANO, VISTI I RISULTATI DEI RICORSI PROPOSTI DAI CITTADINI E CHE ANDRANNO IN DISCUSSIONE DOMANI MATTINA 23 AGOSTO IN CONSIGLIO COMUNALE.

L’ installazione degli autovelox della litoranea pulsanese si è rivelata per il Comune di Pulsano un vero e proprio boomerang ai danni del comune stesso, visti i risultati dei ricorsi proposti dai cittadini.

Le aspettative di guadagno provenienti dalle multe comminate ai danni degli ignari automobilisti si sono, infatti, scontrate con la dura realtà delle molte cause perse dal comune contro chi ha fatto ricorso.

La situazione sarà esaminata nel consiglio comunale di domani mattina 23 Agosto 2019 alle ore 09:00 piano terra del Castello De Falconibus e si auspica accendi un interessante dibattito fra i banchi dell’assise cittadina.

Di ciò che si discuterà in consiglio comunale ha fornito spiegazione il consigliere Angelo Di Lena, da sempre a fianco dei cittadini in questa battaglia per la dismissione degli autovelox in questione, il quale in consiglio comunale evidenzierà tutte le lacune e le pecche di questa operazione considerata da molti solo un “modo per fare cassa”.

“Dalle risultanze delle sentenze esecutive che ammontano a € 2.049,24 di debiti fuori bilancio emesse dai giudici di pace di Taranto è emerso che alcune apparecchiature autovelox installate nei vari siti in oggetto non erano omologate e mancavano delle periodiche verifiche e validazioni previste dal decreto di omologazione , visto che il Comune non ha fornito in giudizio la documentazione a prova delle esatte prescrizioni previste dalla legge.

Quanto accaduto è un fatto grave che fa riflettere perché denota un certo pressapochismo da parte del Comune nel gestire questa vicenda.

La pioggia di ricorsi ai danni del Comune è la testimonianza di quanto questa situazione sia sfuggita di mano.

In molte controversie perse contro gli automobilisti sono stati riscontrati anche difetti di notifica da parte del Comune e casi di prescrizione.

E’ accaduto, persino, che il Comune non ha depositato la documentazione fotografica dei rilevamenti fatti con gli autovelox.

Occorre ribadire che la responsabilità delle scelte operate nella vicenda autovelox ricade:

1)in parte sulla giunta ,ragion per cui in data odierna ho inviato una missiva alla Prefettura e per conoscenza alla Polizia di Stato per richiedere l’annullamento dell’attivazione autovelox con accesso remoto installato dal Comune di Pulsano sulla “Litoranea dei Micenei” intersezione con Via Tamarix , oltre a chiederne la sospensione di tutti i dispositivi presenti nel territorio ;

2)e in parte anche a livello gestionale in quanto gli uffici preposti hanno deciso in piena autonomia l’installazione degli stessi e a chi affidarsi per omologazione, verifica e validazione delle attrezzature, mai dimostrati in giudizio e, quindi, evidentemente inesistenti.

Ritengo che gli autovelox installati nei siti in oggetto rappresentino un'inutile deterrente perché in violazione delle circolari Maroni e Minniti .

Inoltre con Delibera di Consiglio Comunale di Pulsano numero 27 del 1971 la S.P. 122 veniva rinomata “Litoranea dei Micenei” in evidente difformità tra quanto previsto nel Decreto Prefettizio del 2011 ripreso dalla giunta nel 2015 per L’ Installazione dei dispositivi autovelox presenti sulla litoranea di Pulsano.

La corretta denominazione della Ex S.P. 122, comporta dunque una errata indicazione di quanto previsto dall’Articolo 383 del Codice della Strada.

Sarebbe stato meglio, dal mio punto di vista, investire nella realizzazione di strade più sicure, coprendo le buche prodotte dalle piogge invernali, predisponendo dei gardrail, rifacendo l'asfalto dove necessario, oppure rafforzando i controlli.

Del resto se i risultati della installazione degli autovelox sono questi allora non c'è dubbio che la scelta operata si è rivelata un vero e proprio boomerang per il Comune”.

Read 1166 times

Utenti Online

Abbiamo 699 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine