ANNO XVI Settembre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 06 Novembre 2019 12:36

Ex Ilva: Conte, faremo di tutto per rispetto impegni. Oggi l'incontro con ArcelorMittal

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Dall'azienda avviso retrocessione, tocca 10.777 dipendenti.  L'annuncio riguarda i siti di tutta Italia, da Genova a Marghera.  Bellanova: 'I patti vanno rispettati' Il gruppo franco-indiano, i cui vertici stanno incontrando il premier Conte a Palazzo Chigi, ha avviato la procedura articolo 47 della legge 428/ 90: 10.777 lavoratori coinvolti. La linea dura di Conte: "Faremo possibile per far rispettare patti"

Arcelor Mittal Italia avvia formalmente la procedura per restituire ai commissari gli stabilimenti dell'Ex Ilva, acquisiti nel 2018, e presenta al Mise e per conoscenza ai commissari la richiesta di avvio della cessione del ramo d'azienda che coinvolgerà 12 siti per un totale di 10.777 dipendenti del perimetro aziendale oggetto di trasferimento ai commissari.

La retrocessione dei rami d'azienda e il conseguente trasferimento dei lavoratori avverrà entro 30 giorni dalla data del recesso di ArcelorMittal. E' quanto si legge nella comunicazione presentata oggi dal gruppo franco-indiano, in base a quanto prevede l'articolo 47 della legge 428/90.

Linea dura con ArcelorMittal e apertura al ripristino dello scudo penale. Incontro decisivo oggi tra il governo e i vertici di ArcelorMittal, dopo la decisione della multinazionale di lasciare l'ex Ilva. Maggioranza unita sulla preoccupazione per il futuro dello stabilimento, e preoccupazione anche dal Colle. Ma sulla strategia manca compattezza. L'azienda conferma la volontà di recedere dal contratto.

E' iniziato il tavolo a Palazzo Chigi sulla vertenza A.Mittal. Alla riunione partecipano il premier Giusppe Conte, i ministri Stefano Patuanelli, Roberto Gualtieri, Giuseppe Luciano Provenzano, Roberto Speranza, Teresa Bellanova e il sottosegretario Mario Turco. Per ArcelorMittal sono presenti il patron Lakshmi Mittal e il figlio Adyta Mittal. Alla riunione non partecipa l'ad di Arcelor Mittal Italia Lucia Morselli.

"Sono fiducioso: la linea del governo è che gli accordi contrattuali vanno rispettati e in questo caso riteniamo non ci siano giustificazioni per sottrarsi. Ci confronteremo e il governo è disponibile a fare tutto il possibile per fare in modo che da parte della controparte ci sia il rispetto degli impegni". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a margine della sua visita al Dipartimento nazionale della Protezione Civile a Roma in merito all'incontro a Palazzo Chigi con i vertici di Arcelor Mittal.

''Vedremo che cosa ci dirà l'azienda, posso dire che la posizione di Italia Viva è che i patti si rispettano. Nessuno a partire dall'impresa deve permettersi di mettere in discussione un progetto di risanamento ambientale e di rilancio industriale come quello che prevede l'attività nello stabilimento di Taranto, di Genova e di Novi Ligure''. Lo ha detto la ministra Teresa Bellanova e capo delegazione Iv al Governo, a margine di un incontro alle Politiche Agricole.

ArcerlorMittal ha comunicato formalmente ai sindacati e alle aziende collegate la retrocessione alle società Ilva dei rispettivi rami d'azienda unitamente al trasferimento dei dipendenti (10.777 unità) ai sensi dell'articolo 47 della legge 428 del 1990. La comunicazione segue l'annuncio di cessazione del contratto per l'ex Ilva di Taranto. La comunicazione, che di fatto segna l'avvio della procedura per il disimpegno, riguarda tutta Italia: oltre a Taranto anche Genova, Novi Ligure, Milano, Racconigi, Paderno, Legnano, Marghera.

Dopo l'avvio della procedura di cessione comunicata da ArcelorMittal, la Fim-Cisl proclama lo sciopero dalle ore 15 di oggi a partire dallo stabilimento ex Ilva di Taranto. Lo fa sapere il segretario generale, Marco Bentivogli.

"La questione non è scudo penale sì, scudo penale no. Tutti conoscono le difficoltà del mercato dell'acciaio, quello italiano credo che non sarà per molti anni competitivo. Loro se ne sono resi conto e hanno capito che forse non vale la pena fare questi investimenti. Cercano il pretesto. Il governo chieda le vere intenzioni". Lo afferma il segretario generale della Uilm di Taranto Antonio Talò. "Io credo - prosegue - che abbiano già deciso di andare via".

E' in corso davanti alla direzione dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal (ex Ilva) di Taranto un sit-in di lavoratori e sindacati deciso dal consiglio di fabbrica permanente di Fim, Fiom e Uilm dopo l'annunciato disimpegno della multinazionale franco-indiana. Si attendono sviluppi dall'incontro tra governo e azienda, previsto in mattinata, convocato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Oggi, secondo quanto comunicato ieri pomeriggio dall'Ad Lucia Morselli nel confronto con le organizzazioni sindacali, ArcelorMittal avvierà la procedura ex art.47 della legge 228 del 1990 di retrocessione dei rami d'azienda con la restituzione degli impianti e dei lavoratori ad Ilva in Amministrazione straordinaria. Ogni azione di mobilitazione, hanno sottolineato Fim, Fiom e Uilm, "sarà comunicata ed adottata già dalle prossime ore, se necessaria ad evitare ricadute imprevedibili dettate dall'incapacità ed incoscienza di soggetti deputati a decidere sul futuro di una intera collettività che ha pagato e sta pagando un prezzo fin troppo elevato".

Ci vorrà qualche giorno prima che la Sezione specializzata imprese del Tribunale di Milano assegni ad un giudice, con fissazione poi della data d'udienza, la causa intentata con un atto di citazione da ArcelorMittal che chiede di recedere dal contratto di affitto dell'ex Ilva di Taranto. In media, da quanto si è saputo, ci vogliono una decina di giorni per iscrivere a ruolo la causa e trasmetterla alla Sezione che poi l'assegna ad un giudice. In questo caso, però, data la rilevanza, i tempi potrebbero essere più brevi.

''Vedremo che cosa ci dirà l'azienda, posso dire che la posizione di Italia Viva è che i patti si rispettano''. Così la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova aggiungendo: "Nessuno, a partire dall'impresa, deve permettersi di mettere in discussione un progetto di risanamento ambientale e di rilancio industriale come quello che prevede l'attività nello stabilimento di Taranto, di Genova e di Novi Ligure". Quanto alla possibilità che si possa tornare indietro sullo scudo penale Bellanova ha risposto: ''Noi discuteremo di tutti gli strumenti. Quando dico che per noi non vanno messe in discussione le trattative che erano state fatte, è evidente che quando è stata trovata un'intesa quella intesa va rispettata da parte di tutti''.

Read 515 times

Utenti Online

Abbiamo 989 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« September 2022 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30