ANNO XV Settembre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 30 Dicembre 2019 00:00

Attacco con machete in casa rabbino a New York Cinque persone sono state ferite, due in modo grave

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L'aggressore, già arrestato, ha usato un macete. Almeno cinque persone sono state accoltellate. L'episodio è avvenuto nella cittadina di Monsey, circa 50 chilometri a nord di New York.

Entra in casa di un rabbino e rovina la festa per la settima giornata delle celebrazioni di Channukah. Con il viso coperto in parte con una sciarpa e armato di machete semina il panico fra i presenti, ferendone almeno cinque, tutti ebrei chassidisti, di cui due sono in condizioni gravi.

L'attacco è avvenuto a Monsey, a circa 50 chilometri a nord di New York. Secondo i media americani l'autore, un afroamericano, che era riuscito a scappare dall'abitazione limitrofa alla sinagoga nonostante i vari tentativi di fermarlo (anche con un piccolo tavolo per bloccargli il passaggio), è stato arrestato dalla polizia.

Il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo si è recato a Monsey, la cittadina dove è avvenuto l'attacco con il machete a casa del rabbino. "E' il 13mo attacco antisemita a New York nelle ultime settimane" dice Cuomo. "Chiamiamo le cose con il loro nome: questo è un atto di terrorismo domestico basato su intolleranza e ignoranza" mette in evidenza Cuomo.

L'episodio si inserisce in una serie di attacchi antisemitici che si sono verificati negli ultimi giorni a New York: incidenti che hanno fatto alzare la guardia e rafforzare i controlli di polizia nell'area di Brooklyn, quella più colpita.

 "Un atto spregevole e codardo". Così il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, commenta l'attacco. "Voglio essere chiaro: l'antisemitismo e l'intolleranza sono ripugnanti e abbiamo assolutamente tolleranza zero per tali atti di odio", mette in evidenza Cuomo. "Monitoriamo le informazioni che arrivano da Monsey", afferma la polizia anti-terrorismo di New York. Condanna l'attacco anche il procuratore di New York, Letitia James: "C'è tolleranza zero per atti di odio di qualsiasi tipo, continueremo a monitorare la situazione" a Monsey. "Dopo gli attacchi dell'ultima settimana a Brooklyn e Manhattan spezza il cuore vedere ancora violenza. La comunità ebraica ha bisogno di maggiore protezione", afferma il numero uno dell'Anti-Defamation League.

In seguito all'attacco in casa del rabbino di Monsey (New York) il Centro Wiesenthal ha lanciato un appello al presidente americano Donald Trump affinchè ordini all'Fbi di organizzare una 'Task force' capace "di mettere fine ai ripetuti attacchi contro gli ebrei e le loro istituzioni". Ha anche rivolto un appello ai leader afro-americani perchè prendano posizione "contro l'ondata di attacchi anti ebraici nell'area di New York". 

"Quel che è troppo, è troppo" scrive il Centro Wiesenthal in un comunicato stampa. "Gli ebrei in America non devono avere paura per la loro incolumità quando si recano nei loro centri di preghiera. L'Fbi - aggiunge il Centro - deve farsi avanti e prendere l'iniziativa alla luce dei recenti crimini violenti di odio nei confronti di ebrei osservanti". In particolare viene menzionato "l'attacco col machete" avvenuto a Monsey, New York. Il comunicato aggiunge che un altro appello è stato rivolto da esponenti di alcune organizzazioni ebraiche ai leader della comunità afro-americana affinchè prendano posizione contro gli attacchi anti-ebraici condotti di recente a New York e nel New Jersey da afro-americani.

"Entra in casa di un rabbino vicino a New York e colpisce 5 persone con un machete durante la festività di #Hannukah. Tutta la mia solidarietà alla Comunità ebraica americana e a quelle di tutto il mondo". Così il segretario federale della Lega, Matteo Salvini, in un post pubblicato sul suo profilo Twitter. Ansa

Read 389 times

Utenti Online

Abbiamo 685 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine