ANNO XVII Febbraio 2023.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 23 Aprile 2020 20:29

Fase 2, la bozza: cosa cambia nei trasporti

Written by 
Rate this item
(0 votes)

"È auspicabile attuare ogni misura per ridurre i picchi di utilizzo del trasporto pubblico collettivo, particolarmente nelle aree metropolitane ad alta urbanizzazione, con l’obiettivo di cambiare il concetto di ora di punta nella mobilità cittadina”.

Per raggiungere tale obiettivo, è indispensabile l’attuazione di misure sinergiche che coinvolgano le istituzioni, le autorità di controllo dei trasporti e i singoli gestori dei servizi di mobilità e il mondo produttivo, sollecitando specifici accordi aziendali". E' una delle misure di sistema, contenute in una bozza del ministero delle Infrastrutture e Trasporti, per il settore dei trasporti in vista della fase 2.

Queste, invece, le misure a carico, rispettivamente, dei gestori, degli operatori aeroportuali, dei vettori e dei passeggeri, indicate nella bozza: gestione dell’accesso alle aerostazioni prevedendo, ove possibile, una netta separazione delle porte di entrata e di uscita, in modo da evitare l’incontro di flussi di utenti; interventi gestionali e di contingentamento degli accessi al fine di favorire la distribuzione del pubblico in tutti gli spazi comuni dell’aeroporto al fine di evitare affollamenti nelle zone i antistanti i controlli di sicurezza; previsione di percorsi a senso unico all’interno dell’aeroporto e nei percorsi fino ai gate, in modo da mantenere separati i flussi di utenti in entrata e uscita; obbligo di distanziamento a bordo degli aeromobili, all’interno dei terminal e di tutte le altre facility aeroportuali (es. bus per trasporto passeggeri), da attuarsi da parte di tutti gli addetti e passeggeri.

Per quanto riguarda invece il trasporto su rotaia, la bozza prevede sanificazione sistematica dei treni, posizionamento di dispenser di gel igienizzanti su ogni veicolo; obbligo di indossare mascherine e guanti per gli addetti a bordo treno; previsioni di flussi di salita e discesa separate in ogni carrozza. Sui treni a lunga percorrenza (con prenotazione online), il distanziamento sociale a bordo sarà assicurato attraverso un meccanismo di prenotazione a 'scacchiera'; applicazione di marker sui sedili non utilizzabili; adozione del biglietto nominativo al fine di identificare tutti i passeggeri e gestire eventuali casi di presenza a bordo di sospetti o conclamati casi di positività al virus; sospensione dei servizi di ristorazione a bordo (welcome drink, bar, ristorante e servizi al posto).

Per la gestione dell’accesso alle stazioni ferroviarie, si prevedono, tra le altre misure, ove possibile, una netta separazione delle porte di entrata e di uscita, in modo da evitare l’incontro di flussi di utenti; interventi gestionali e di contingentamento degli accessi al fine di favorire la distribuzione del pubblico in tutti gli spazi della stazione al fine di evitare affollamenti nelle zone antistanti le banchine fronte binari; previsione di percorsi a senso unico all’interno delle stazioni e nei corridoi fino ai binari, in modo da mantenere separati i flussi di utenti in entrata e uscita, attività di igienizzazione e disinfezione su base quotidiana e sanificazione periodica degli spazi comuni delle stazioni. Adnkronos

Read 331 times

Utenti Online

Abbiamo 961 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine