ANNO XV Settembre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 15 Agosto 2020 17:01

Lodi, auto travolta dal treno a passaggio a livello: morta conducente

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Un'automobilista di 34 anni è morta oggi investita dal treno regionale 2651 di Trenord Milano-Mantova all'altezza del passaggio a livello tra Maleo (Lodi) e Pizzighettone (Cremona). Travolta dal treno con l'auto, è morta una 34enne italiana che stava attraversando un passaggio a livello sulla linea ferroviaria Codogno-Mantova. Nessun ferito invece tra i passeggeri.

Si chiamava Elisa Conzadori la donna di 34 anni rimasta uccisa in tarda mattinata al passaggio a livello della ferrovia Codogno - Cremona con la strada ex statale 234 a Maleo, al confine con Pizzighettone (Cremona), il paese di cui era originaria e dove abitava la vittima. 

La donna è morta investita dal treno regionale 2651 di Trenord Milano-Mantova all'altezza del passaggio a livello tra Maleo (Lodi) e Pizzighettone (Cremona). Da un primo sopralluogo, gli inquirenti ritengono che le sbarre del passaggio a livello non si siano correttamente abbassate all'arrivo del convoglio. Quando sono arrivati sul posto Polfer e carabinieri, infatti, le barriere mobili sono state trovate alzate e intatte. La linea è tuttora interrotta per ulteriori accertamenti e sono stati istituti bus sostitutivi. 

"Si tratta della seconda tragedia in due anni a quel passaggio a livello". Così il sindaco di Maleo (Lodi), Dante Sguazzi, commenta la morte di Elisa Conzadori. "Oggi - continua il sindaco - doveva essere una giornata di festa per tutti, non poteva succedere di peggio". "Abitava nella nostra città vicino alla sua famiglia -aggiunge Luca Moggi, sindaco di Pizzighettone- Mi chiedo come possano ancora accadere cose simili nel 2020". Il tratto tra Codogno e Cremona è ancora interrotto e Trenord, che non ha competenze sui passaggi a livello, ha allestito un servizio bus sostitutivo. Ansa

Read 262 times

Utenti Online

Abbiamo 987 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine