ANNO XV Maggio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 24 Giugno 2015 05:47

Taranto - Stop con la Strage di Stato, basta con il mostro d’acciaio!

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Officine Tarantine organizza una manifestazione di cui diamo notizia nella pagina. Questo mentre il tribunale avvisa che il giudice che seguirà il maxi-processo è lo stesso del processo Misseri. Mentre la Confindustria lancia allarme che non si risana spegnendo l'altoforno 2

Impianto vetusto di oltre mezzo secolo, messo sul tavolo ipocrita di un impossibile rinnovamento. Questa morte orribile di un figlio della nostra terra, deve costituire un monito per tutti, dalla Regione in su e giù. Il consiglio regionale esordirà a Taranto, si dice nelle stanze baresi.

L'altro giorno qualcuno mi descriveva il posto dove è avvenuto l’incidente. 

Ilva - Quel pasticciaccio brutto della morte di Alessandro, la magistratura chiude altoforno

Davanti ad una porta di inferno, gli addetti alla temperatura della ghisa, prendono il dato, prima che il liquido infuocato rompa la membrana e si riversi nel fiume di fuoco. Il lavoratore assiste alla colata ad una distanza di 20 metri.  Il liquido è pesante, cade separandosi dalla loppa ancora più pesante che prende un’altra strada. Un’operazione fatta chissà quante volte, di routine.

L’altro giorno qualcosa di imprevisto è accaduto, il liquido infuocato non è caduto di botto, come al solito come un “piscio di un prostatico” dice un lavoratore, ma è schizzato in alto investendo Alessandro. E qui sorge un altro aspetto che riguarda il sistema di sicurezza.  Alessandro aveva la tuta e scafandro previsto per quel luogo? Se così non fosse sarebbe davvero un brutto pasticcio che riguarda anche altre responsabilità organizzative di reparto.  

Il terreno è davvero complesso e articolato, di questa morte i responsabili sono davvero molti, troppi. Un ‘intera provincia deve domandarsi il senso di questa drammatica storia

MARTEDì 30 GIUGNO FIACCOLATA CITTADINA VERSO LO STABILIMENTO ILVA.

La Procura di Taranto ha disposto il sequestro, senza facoltà d'uso, dell'altoforno 2 dell'Ilva, il reparto in cui l'8 giugno scorso ha subito un terribile incidente, mentre misurava la temperatura della ghisa, l'operaio 35enne Alessandro Morricella, morto dopo quattro giorni per le gravi ustioni riportate sul 90 per cento del corpo.

Questo provvedimento è indicativo della condizione di insostenibilità nella quale versa lo stabilimento, sia dal punto di vista della sicurezza dei lavoratori, che per quanto riguarda la qualità della vita degli abitanti della città. La morte di Alessandro è la quinta avvenuta dentro lo stabilimento negli ultimi tre anni, dai giorni del sequestro del Luglio 2012: Angelo Iodice, Claudio Marsella, Ciro Moccia e Francesco Zaccaria rappresentano altri omicidi di Stato.

In una situazione nella quale l’esposizione a rischi e danni ambientali e sanitari è tutt’ora presente, sia per chi lavora all’interno della fabbrica che per chi vive a Taranto e nei territori circostanti, è necessario che la città torni protagonista delle scelte che la riguardano.

Sarebbe infatti intollerabile che l’ennesimo incidente mortale che ha coinvolto l’ennesima giovane vita travolta da questo sistema di produzione insostenibile e ingiusto rimanga sotto silenzio.

I decreti disposti in questi anni, con il beneplacito della Corte Costituzionale, sono stati fatti solo a garanzia produttiva per i creditori dello stabilimento, banche in primis. Nel frattempo solo briciole per Taranto rispetto agli 8 miliardi di euro previsti per bonificare. Anche l'eventuale e improbabile realizzazione dell'Aia aumenterà il rischio sanitario per 12 mila persone.

Qual è il prezzo in vite umane, dentro e fuori la fabbrica, che la città di Taranto deve ancora pagare? Non esiste una soglia, neppur minima, di danno ambientale e sociale che riteniamo accettabile.

Esigiamo interventi veloci, netti e irreversibili, che fermino gli impianti e la produzione, nell’ottica dell’azzeramento delle fonti inquinanti e di un processo di riconversione ecologica della città, che consenta alla fasce più emarginate ed impoverite della popolazione di avere finalmente un livello di vita dignitoso.

Non è più tollerabile che fondamentali provvedimenti che ci riguardino vengano decisi senza interpellare la città, al fine di conseguire interessi incompatibili con la qualità della vita delle cittadine e dei cittadini.

Quante morti e quanti incidenti sono ancora necessarie per rendersi conto che il futuro di questa città è incompatibile con questa fabbrica? Quante malattie e sofferenza devono ancora essere tributate al mostro d’acciaio prima di congedarsi definitivamente con questo modello di sviluppo inumano e insostenibile?

Azzerare l’esposizione ai rischi e danni ambientali, chiudere tutte le fonti inquinanti, bonificare dentro e fuori lo stabilimento con il controllo della popolazione, mobilitarsi per pretendere un futuro dignitoso per tutti coloro che vivono in città e per chi lavora in fabbrica: è questo l’unico programma di intervento politico compatibile con la qualità della vita e le legittime aspettative di chi ha già troppo sofferto per le ragioni della produzione nazionale.

 Diamo appuntamento a tutti i cittadini Martedì 30 Giugno alle ore 19.30 presso Piazzale Democrate, per una fiaccolata che si dirigerà verso l'ingresso dello stabilimento Ilva con l'intento di prendere parola e confrontarsi con i lavoratori.

Crediamo quella data sia simbolica perchè precede  l'udienza preliminare del processo Ambiente Svenduto di Mercoledì 1 Luglio, la prima dopo il recente arresto di Fabio Riva.

Read 497 times Last modified on Mercoledì, 24 Giugno 2015 09:17

Utenti Online

Abbiamo 861 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine