ANNO XV Settembre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 29 Aprile 2021 15:58

Costo del lavoro, in Italia tra i più alti dei paesi Ocse 

Written by  Alessandro Galiani
Rate this item
(0 votes)

Le tasse sono in discesa, ma il cuneo fiscale resta 11,4 punti sopra la media dei paesi Ocse. Il salario medio lordo, oltre ad essere il più tassato, è anche quello più basso.

Tasse sul lavoro in Italia sono in ribasso, ma sono ancora troppo alte tra i paesi Ocse: tra il 2019 e il 2020, il cuneo fiscale arretra dal 47,9% al 46%, attestandosi di 11,4 punti sopra la media Ocse, che è del 34,6% (dal 35% del 2019).

Una quota che colloca il nostro paese al quarto posto nell'area, dietro a Belgio, Germania e Austria, a pari merito con la Francia. E' quanto si legge nel rapporto 'Taxing Wages' dell'Ocse.

Più nel dettaglio, il cuneo fiscale in Italia è sceso di 1,91 punti percentuali tra il 2019 e il 2020, attestandosi al 46% per un lavoratore medio single senza figli.

Si tratta del quarto cuneo fiscale più alto tra i 34 paesi dell'area Ocse, dopo il Belgio (51,5%, la Germania (49%) e l'Austria (47,3%), mentre la Francia è anch'essa al 46%.

In fondo alla classifica troviamo il Cile, con un cuneo fiscale al 7%.  La media dell'area Ocse è in calo dello 0,39% al 34,6%

Tornando all'Italia, il costo del lavoro in Italia è di circa 49.000 mila euro per ogni singolo lavoratore, sopra la media dell'area Ocse (quasi 45.000 mila euro), al diciannovesimo posto tra i paesi più avanzati.

Dal rapporto emerge anche che in Italia il salario medio lordo è di oltre 37 mila euro (37.178 euro), al di sotto di quello medio Ocse pari a 39.188 euro.

Inoltre, i salari lordi italiani sono tassati del 29% contro il 24,9% della media Ocse. Solo nel 2020, il costo del lavoro in Italia si attesta a 48.919 euro l'anno per ogni lavoratore single senza figli, considerando le tasse sul reddito e i contributi delle imprese e dei lavoratori. Si tratta del diciannovesimo costo del lavoro più alto tra i 34 paesi dell'area Ocse.

Inoltre, in Italia il peso maggiore del costo del lavoro è sulle spalle delle imprese, i cui contributi rappresentano il 24% del totale, mentre i contributi dei lavoratori pesano per il 7,2% e la tassazione sul reddito per il 14,8%. AGI

Read 179 times

Utenti Online

Abbiamo 825 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine