ANNO XV Giugno 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 11 Maggio 2021 17:17

Mattarella: 'David Donatello oggi rappresenta segnale di speranza'

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Così il presidente dell Repubblica, Mattarella, nella cerimonia di presentazione dei candidati ai David di Donatello. 'Ora serve prudenza ma anche il coraggio di agire'. La cerimonia nel salone dei Corazzieri del Palazzo del Quirinale.

Al Palazzo del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la presentazione dei candidati ai Premi "David di Donatello" per l'anno 2021. La cerimonia, condotta da Geppi Cucciari, è stata aperta dalla proiezione di un video a cura di Rai Cultura a cui sono seguiti gli interventi di Piera Detassis, Presidente e Direttore Artistico dell'Accademia del Cinema Italiano - Premi David di Donatello, e del ministro della Cultura, Dario Franceschini.

Nel corso della manifestazione Chiara Civello, accompagnata da Federico Scettri e Sebastiano Burgio, ha eseguito i brani musicali "Metti una sera a cena" di Morricone/Patroni Griffi, "Un uomo e una donna" di Francis Lai, " e "Fortissimo" di Wertmuller e Canfora, spiega una nota.

Dopo la lettura dei candidati ai Premi "David di Donatello", la conduttrice ha intervistato i vincitori dei David speciali 2021, Sandra Milo e Diego Abatantuono. La cerimonia si è conclusa con il discorso del Presidente della Repubblica.

"Il David scandisce una festa importante per il nostro Paese. L'anno scorso non è stato possibile svolgere questa cerimonia quest'anno averla potuto svolgerla rappresenta un segnale di ripartenza e di speranza", ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della cerimonia per i David di Donatello. "Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza e responsabilità nei comportamenti, ma servirà anche determinazione, iniziativa e anche coraggio d'innovazione e qualità. Dalle gravi crisi si esce solo con la solidarietà, con la visione e il senso di appartenenza". 

L'industria del cinema e dell'audiovisivo rappresenta un "patrimonio che appartiene a tutti gli italiani, è un bene indivisibile. Siamo però di nuovo chiamati a ripartire, non solo a proseguire e avvertiamo il senso di una missione comune. Tutti concordano che dopo il covid non torneremo alla realtà di prima ma ci troveremo in scenari nuovi. Adesso le sale ripartono. Le sale del cinema sono un luogo prezioso per la vita delle città, così come i teatri, i musei e tutti i luoghi della cultura. E' giusto che le istituzioni vi sostengano in questa sfida. Istituzioni e operatori uniti nell'obiettivo di rafforzare le produzioni nazionali. Il domani del cinema sarà certamente bello", ha detto ancora Mattarella.

"Desidero rivolgere un pensiero a tre grandissime personalita' legate al mondo dello spettacolo che sono scomparse di recente: Ennio Morricone, Franca Valeri e Gigi Proietti. La loro morte ha reso ancora più triste il periodo della pandemia. Fanno parte a pieno titolo del patrimonio culturale del nostro Paese e non saranno dimenticati, non sarebbe possibile - ha detto il presidente della Repubblica -. Sono certo che se fossero ancora tra noi incoraggerebbero tutti ad avere e trovare la forza e la determinazione per andare avanti, per ricominciare, per mettere in cantiere i progetti rimasti nel cassetto, per restituire pienamente al lavoro le straordinarie maestranze e le tante professionalità che fanno di questo settore non soltanto una eccellenza della nostra cultura e della sua espressione artistica ma anche una industria di rilievo per l'Italia". Ansa

Read 145 times Last modified on Martedì, 11 Maggio 2021 17:33

Utenti Online

Abbiamo 1055 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine