ANNO XV Settembre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 09 Luglio 2021 12:51

Gli scontri tra i "Koki" bande armate e le forze di sicurezza hanno insanguinato l'ovest di Caracas

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Almeno quattro persone sono morte nelle ultime 24 ore a causa di scontri tra funzionari della sicurezza del regime di Nicolás Maduro e bande armate del quartiere Cota 905, a ovest di Caracas, in Venezuela.

Da qualche mese l'Esecutivo sta cercando di riprendere il controllo dell'area e gli scontri si sono verificati con maggiore frequenza. Inoltre, sono state segnalate sette ferite da arma da fuoco, tra cui due agenti di polizia e un civile, che è stato colpito alla mano dai criminali che hanno rubato il suo veicolo, secondo NTN24 Venezuela.

Nel frattempo, Efecto Cocuyo ha riferito che i colpi e la tensione continuano giovedì a Cota 905. Membri della Guardia Nazionale Bolivariana si trovano nelle vicinanze di Plaza Madariaga, a El Paraíso. Il giornalista Román Camacho ha precisato nelle ultime ore che, tra i morti, si conteggia un cittadino di nome Giovanni Rafael Bracamonte, che stava viaggiando sull'autostrada, quando i criminali gli hanno sparato quando ha raggiunto i tunnel del Paraíso. Bracamonte è rimasto all'interno del tunnel riparato insieme ad altri feriti ma dopo pochi minuti è morto. “I soggetti della cosca Cota 905 sono scesi al Boulevard del Cementerio vicino all'assicurazione e si sono posizionati in un angolo con i fucili, i soggetti puntati sugli edifici. Sono anche scesi al ponte Helicoide e Plaza Madariaga a El Paraíso ”, ha spiegato il comunicatore attraverso il suo account Twitter, dove ha condiviso video. I residenti di Caracas sono pessimisti sul potere violento delle bande criminali in questa zona, dove ogni settimana si verificano scontri con morti e feriti che costringono i residenti a rimanere rinchiusi nelle proprie case per non essere in pericolo. L'ONG Observatorio Venezolano de Violencia (OVV) ha riferito che il Venezuela è stato il paese con le morti più violente in America Latina nel 2020: 11.891 persone sono morte per cause violente, il che implica un tasso di 45,6 per 100.000 abitanti. Tra quelle morti ci sono 4.231 persone morte in casi di "resistenza all'autorità", 4.153 omicidi e 3.507 morti che sono sotto inchiesta, secondo il direttore dell'OVV, Roberto Briceño-León. L'OVV ha anche osservato che nel 2020 c'è stato un indebolimento delle piccole cosche e un rafforzamento di quelle grandi, dedite alla criminalità organizzata. Questo processo è stato accompagnato da una diminuzione della criminalità predatoria, rapina, furto e rapimento di piccole bande ", ha osservato l'organizzazione. Parallelamente, si è “aumentato il reato di concussione nelle grandi cosche applicate alle poche attività economiche attive e con accesso a valuta estera”. Con informazioni di infobae.com

Read 401 times

Utenti Online

Abbiamo 999 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine