ANNO XV Settembre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 20 Luglio 2021 15:42

Cosa si sono detti Conte e Draghi sulla riforma della giustizia

Written by  Marvin Ceccato
Rate this item
(0 votes)

Convitato di pietra il tema che ha scosso il Movimento 5 stelle e che ora sarà campo di battaglia parlamentare. Gubitosa, non può passare senza modifiche.

Tre quarti d'ora di faccia a faccia a palazzo Chigi con il presidente del Consiglio Mario Draghi. Tanto è durato l'incontro con il leader in pectore del Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte, che lo definisce "cordiale e molto proficuo". Convitato di pietra il tema della Giustizia che ha scosso il Movimento 5 stelle, che ora si prepara ad affrontare la battaglia parlamentare presentando emendamenti alla mediazione uscita del Cdm sulla riforma del processo penale.

Sarà un approccio costruttivo per migliorare il testo, spiega Conte che assicura di non aver parlato con il premier della possibilità che l'Esecutivo blindi il testo ponendo la questione di fiducia. Certo, "dico, mettiamo da parte le bandierine, le ideologie", spiega Conte, avvertendo che M5s "sarà molto vigile nello scongiurare soglie di impunità, molto attento".

 Quindi sull'altro fronte caldo, il ddl Zan su cui in Senato la maggioranza rischia di non avere i numeri, non tradisce alcuna incertezza: "è una legge che appoggiamo", dice infatti. E sull'appoggio all'Esecutivo parla di Transizione ecologica e vaccini: "Il ministro Cingolani ha la nostra fiducia. M5s darà un grande contributo. Tutti parliamo di transizione ecologica ma bisogna rimboccarsi le maniche e passare dagli slogan ai fatti concreti. M5s lavorerà con Cingolani con grande disponibilità", nota.Quanto alla pandemia "non possiamo abbassare la guardia. Dobbiamo mantenere sempre vigili i presidi per la protezione sanitaria. Dobbiamo continuare a promuovere la campagna vaccinale perche' è l'unico vero antidoto per poter contrastare la pandemia e per poter proteggere il tessuto economico e sociale", osserva diradando anche ogni possibile dubbio sulla sua eventuale corsa per un seggio suppletivo alla Camera: "Ho pensato di non candidarmi, perchè ho preso altri impegni con M5s per me prioritari".  La politica "è dappertutto", ha aggiunto l'ex presidente del Consiglio spiegando che come leader M5s finirebbe per non poter frequentare l'Aula di un Parlamento "per cui - ha sottolineato - ho molto rispetto". 

Intanto martedì scade in commissione Giustizia della Camera il termine per emendare il testo di riforma del processo penale, e bisognerà capire quanti e quali emendamenti presenterà M5s. 

"In Parlamento la riforma della giustizia non può passare così com'è. L'Europa ci ha chiesto di velocizzare i processi, non di produrre un'amnistia per chi può permettersi avvocati facoltosi. Non possono esistere soglie di impunità con processi che vanno in fumo in appello, negando giustizia e verità alle vittime dei reati" scrive su Facebook il Deputato M5s Michele Gubitosa commentando l'incontro. "Non si può accettare che in futuro processi come le stragi del Ponte Morandi e di Avellino possano concludersi in un nulla di fatto. Avanti tutti insieme con Giuseppe Conte per migliorare la riforma della giustizia nelle prossime settimane", aggiunge. AGI

Read 183 times

Utenti Online

Abbiamo 1056 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« September 2021 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30