ANNO XV Settembre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 29 Luglio 2021 17:34

La mediazione sulla giustizia fa slittare il Consiglio dei ministri

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il presidente del Consiglio nelle ultime 24 ore ha sentito tutti i leader della maggioranza, spingendo affinché si raggiunga una convergenza per evitare ulteriori dilazioni. Ieri Salvini ha prospettato il punto di caduta, ovvero inserire una lista di reati imprescrittibili, dai reati di mafia a quelli sulla violenza sessuali e sulla droga.

La riforma del processo penale di nuovo alla prova del Consiglio dei ministri. Il premier Mario Draghi ha intenzione di chiudere il dossier oggi stesso, per fare in modo che il provvedimento arrivi nell'Aula della Camera già venerdì. È in corso un'ultima mediazione, il premier sta incontrando i ministri per fare il punto prima dell'inizio del Cdm che era in programma per le 11,30.

Il presidente del Consiglio nelle ultime 24 ore ha sentito tutti i leader della maggioranza, spingendo affinché si raggiunga una convergenza per evitare ulteriori dilazioni. Ieri Salvini ha prospettato il punto di caduta, ovvero inserire una lista di reati imprescrittibili, dai reati di mafia a quelli sulla violenza sessuali e sulla droga.

"L'opera di mediazione tra governo e partiti è in corso, speriamo di chiudere entro oggi", ha ripetuto anche oggi. Ma l''exit strategy' ancora non trova l'accordo unanime delle forze della maggioranza. Il Movimento 5 stelle è in fibrillazione, chiede che si tenga conto, per esempio, anche degli eco-reati e mette l'accento su altri punti controversi della riforma; Forza Italia con il coordinatore Tajani invoca soluzioni garantiste ma in generale chi ha appoggiato il provvedimento uscito dall'ultimo Consiglio dei ministri non nasconde le perplessità per una sintesi che in ogni caso - questa la tesi - snaturerebbe il principio dell'improcedibilità.

In attesa che si arrivi a un'intesa in Consiglio dei ministri è slittata la riunione della conferenza dei capigruppo a Montecitorio. Intanto il presidente in pectore M5s, Conte, è alla Camera dei deputati per incontrare i rappresentanti della commissione Giustizia del Movimento. Il tema della giustizia resta centrale mentre le riforme della concorrenza e del fisco sono slittate definitivamente a settembre proprio per evitare di mettere troppa carne al fuoco.

Ma nella maggioranza c'è fibrillazione pure sui decreti da convertire, ieri a palazzo Madama sul dl semplificazioni sono venuti a mancare diversi voti pentastellati. Un altro segnale di un malessere interno al Movimento rispetto alla linea del governo. Oggi ha abbandonato il gruppo la senatrice Botto ma in molti vorrebbero prendere una strada diversa dall'appoggio a Draghi e sfilarsi.

C'è però nel Movimento chi avalla la tesi che occorrerà comunque aspettare le amministrative (oggi in Cdm potrebbe essere decisa la data del 3 ottobre) per non rompere il patto con il Pd o attendere le elezioni del prossimo presidente della Repubblica. M5s si appresta a votare il nuovo statuto (il pronunciamento sulla piattaforma ci sarà il 2 e 3 agosto) ma sarà dirimente l'esito della partita sulla giustizia per capire quale sarà l'atteggiamento M5s a pochi giorni dall'entrata in vigore del semestre bianco.  AGI

Read 217 times

Utenti Online

Abbiamo 1038 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine