ANNO XVI Ottobre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 27 Novembre 2021 17:30

Primi casi di variante Omicron in Gran Bretagna, Germania e Repubblica Ceca

Written by  Marta Allevato
Rate this item
(0 votes)

Si tratta di un viaggiatore proveniente dal Sudafrica. In Italia il ministero della Salute chiede di rafforzare il tracciamento. Il primario del Sacco all'AGI: "Dire che buca il vaccino è falso".

Tre casi della nuova variante Omicron del Covid-19 sono stati registrati nel Regno Unito e in Germania. Lo hanno annunciato il ministro della Salute britannico, Sajid Javid e quello degli Affari sociali dell'Assia, Kai Klose.

I due casi britannici, ora in isolamento, sono stati rilevati a Chelmsford e Nottingham in persone "legate a un viaggio in Sudafrica", ha annunciato il ministero della Salute di Londra, che ha inserito ora altri quattro Paesi africani - Angola, Malawi, Mozambico e Zambia - nella 'lista rossa' delle nazioni da cui è vietato l'ingresso degli stranieri. "Questo è un vero promemoria che la pandemia p tutt'altro che finita", ha detto Javid.

Il primo caso sospetto in Germania della nuova variante che si teme più contagiosa delle precedenti è stata poi rilevata in un viaggiatore arrivato a Francoforte, proveniente dal Sudafrica.

Il primo ministro della Repubblica Ceca, Andrej Babis, ha annunciato che si sta controllando il campione di una donna, che era stata in Namibia ed è risultata positiva all'arrivo. "È tornata in Repubblica Ceca via Sudafrica e Dubai", ha fatto sapere Babis in un tweet. "La donna è vaccinata, ha sintomi lievi e domani avremo l'esito del test di sequenziamento", ha aggiunto.

In Olanda 61 passeggeri in arrivo dal Sudafrica sono risultati positivi al Covid, hanno riferito le autorità di Amsterdam, specificando che i tamponi saranno analizzati per appurare se si tratti della variante Omicron. I contagiati sono stati messi in quarantena in un hotel vicino all'aeroporto di Schiphol.

Per contenere la diffusione della nuova variante il ministero della Salute italiano corre ai ripari chiedendo di "rafforzare e monitorare le attività di tracciamento e sequenziamento in caso di viaggiatori provenienti da Paesi con diffusione di tale variante e loro contatti" o anche "focolai caratterizzati da rapido e anomalo incremento di casi". In una circolare a firma del direttore generale della Prevenzione Gianni Rezza si chiede di "applicare tempestivamente e scrupolosamente le misure di quarantena e isolamento raccomandate".

"Dire che la nuova variante Omicron è più pericolosa perché è più contagiosa è sbagliato così come affermare che 'buchi' il vaccino" ha dettoi all'AGI Maurizio Viecca, primario dell'ospedale Sacco di Milano, punto di riferimento nella lotta al Covid. "Dalle notizie che abbiamo, i sintomi correlati a questa variante sono clinicamente identici a quelli causati dalle altre e, al momento, non abbiamo studi sulla sua letalità. Il vaccino in ogni caso prepara il sistema immunitario a una risposta, quindi sostenere che sia inefficace è una bugia". Viecca avverte che "ci dobbiamo preparare all'idea di altre varianti fino a che il virus non diventerà innocuo. Per l'influenza spagnola ci sono voluti 4 anni".

Gli Stati Uniti finora non hanno individuato nessun caso di Omicron. Lo ha riferito il Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), precisando di essere pronto a "identificarla velocemente, se emerge negli Usa". Intanto, le autorità hanno deciso di vietare da lunedì l'ingresso a viaggiatori del Sudafrica e di altri 7 Paesi africani. Una linea già adottata da Regno Unito, Germania, Olanda e Italia mentre il Giappone da oggi impone 10 giorni di quarantena. AGI

Read 470 times

Utenti Online

Abbiamo 1055 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine