ANNO XVI Agosto 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 30 Gennaio 2022 17:37

Perché i mercati hanno fiducia in Mattarella e Draghi

Written by  Giandomenico Serrao
Rate this item
(0 votes)

La partita del Quirinale, questa volta, era strettamente legata a quella del governo. Lo sapevano i cittadini comuni così come ne erano consapevoli gli investitori dei grandi fondi e delle banche d'affari che ogni giorno fanno muovere la finanza globale. 

Nelle cancellerie europee tirano un sospiro di sollievo. Così come ai piani alti delle grandi istituzioni finanziarie che detengono gran parte del debito pubblico italiano. La conferma del ticket Mattarella-Draghi, infatti, è garanzia di stabilità e continuità. E soprattutto di fiducia. "La fiducia in finanza è praticamente tutto", spiega un analista.

E l'incertezza nell'ultimo periodo si cominciava ad avvertire. Perché la partita del Quirinale, questa volta, era strettamente legata a quella del governo. Lo sapevano i cittadini comuni così come ne erano consapevoli gli investitori dei grandi fondi e delle banche d'affari che ogni giorno fanno muovere la finanza globale.

Lo spread, termometro della fiducia 

Per l'Italia lo spread rappresenta il termometro di questa fiducia. E nell'ultimo mese qualche linea di febbre si era registrata, con il differenziale passato dai 130 punti base di inizio mese fin quasi ai 150 punti base (148 pp) di giovedì 27 gennaio.

Certo ci sono in gioco anche altri fattori. Primo tra tutti la fine del programma pandemico della Bce (il Pepp, Pandemic emergency purchase programme, da 1.850 miliardi di euro), il prossimo mese di marzo. Ma nelle "stanze dei bottoni" sono pronti a scommettere che la stabilita' politica porta anche stabilità finanziaria.

In un anno per ftse mib +21% 

A ulteriore dimostrazione di ciò - da quando  in carica il governo Draghi, l'indice principale di Piazza Affari, l'Ftse Mib ha guadagnato il 21,72%. Certo non è solo merito di mister 'whatever it takes'. Nell'ultimo anno, il rimbalzo economico e finanziario si è registrato in tutto il mondo di pari passo con le riaperture delle attività, le vaccinazioni e la ripresa di una vita quasi 'normale'.

La partita del Pnrr

C'è poi la partita del Recovery fund. La gara a tappe in cui l'Italia è impegnata per non perdere i 191,5 miliardi (68,88 miliardi in sovvenzioni e 122,6 miliardi in prestiti). Nel 2021 l'Italia ha raggiunto i 51 obiettivi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) concordati con la Commissione Europea con scadenza il 31 dicembre 2021. Nel corso della conferenza stampa di fine anno, Draghi sottolineò come "occorre dimostrare che la fiducia degli altri Paesi europei, mostrata dando all'Italia questi fondi, è stata ben riposta".

La fiducia che l'Europa dovrà avere nell'Italia. Nel 2022 infatti andranno centrati altri 102 obiettivi per assicurarsi la seconda e la terza tranche dei fondi europei, in tutto 40 miliardi.

Tagliando al governo?

Certo non tutto è definito. Nella maggioranza di governo, uno dei partiti 'di peso' come la Lega ha chiesto a Draghi una nuova fase di governo perché l'ultimo anno di legislatura non si trasformi in una campagna elettorale permanente. "Per affrontare questa nuova fase serve una messa a punto: il Governo con la sua maggioranza dovrebbe adottare un nuovo tipo di metodo di lavoro che ci permetta di affrontare in maniera costruttiva i tanti dossier, anche divisi, per non trasformare quest'anno in una lunghissima, dannosa campagna elettorale che non serve al paese", ha detto il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti al termine di un incontro con il segretario della Lega Matteo Salvini. A dimostrazione che, pur se nella stabilità, quest'ultima settimana di votazioni per il Quirinale, qualche novità nel governo la porterà. E lunedì i mercati ricominceranno a giudicarci per vedere se la fiducia concessa è ben riposta. AGI

Read 284 times

Utenti Online

Abbiamo 913 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine