ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 24 Aprile 2022 08:44

Blinken e Austin oggi a Kiev. Guterres domani ad Ankara sarà ricevuto da Erdogan

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Bombardamenti a Kharkiv Bombardamenti a Kharkiv

Otto i morti, tra cui un neonato di tre mesi, a Odessa. Gli ucraini rivendicano l'uccisione di due generali russi. Osce: "Osservatori sequestrati a Donetsk e Lugans". 

Oggi il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, e il capo del Pentagono, Lloyd Austin, accompagnati da una delegazione dell'amministrazione Biden, arriveranno a Kiev. "Non dovrebbero venire qui a mani vuote. Ci aspettiamo cose specifiche e armi specifiche", ha detto il presidente ucraino Zelensky, "è lo stesso che ho detto ai leader di altri paesi, ricordiamo a tutti i leader che qua c'è una guerra vera". "Venite da noi, saremo felici di vedervi, ma per favore, portateci l'assistenza di cui abbiamo discusso, che avete l'opportunità di fornire", ha concluso. 

L'esercito russo ha affermato di aver colpito con "missili ad alta precisione" un grande deposito di armi occidentali nei pressi di Odessa, nell'Ucraina meridionale.

"Le forze armate russe oggi hanno messo fuori servizio, con missili ad alta precisione e a lungo raggio, un terminal logistico presso l'aeroporto militare vicino a Odessa dove era immagazzinata una grande partita di armi straniere consegnate da Stati Uniti e Paesi europei", si legge in una nota. 

Sono almeno 8 le persone, tra le quali un bimbo di tre mesi, morte a Odessa, nell'attacco con missili russi lanciati dal Mar Caspio. Lo ha reso noto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. Zelensky ha riferito che i russi hanno sparato sette missili, due dei quali sono stati intercettati.

"È morto un bimbo di tre mesi, hanno ucciso un bimbo di tre mesi", ha poi aggiunto. "La guerra è iniziata quando questo bambino aveva un mese. Potete anche solo immaginare che sta accadendo? Sono solo bastardi. Solo bastardi. Non ho altre parole da usare in questo contesto. Sono solo bastardi", ha aggiunto.

I russi hanno ripreso anche i bombardamenti sulla città di Kharkiv, ferendo quattro civili. Lo riferisce Viktor Zabashta, direttore del Centro per le Emergenze Mediche, secondo quanto riporta l'Ukrainska Pravda. Altri due civili sono rimasti feriti in un attacco a un villaggio vicino Chuhuiv.

Si combatte il 60° giorno di guerra e non è un giorno come gli altri. Esattamente due mesi fa Vladimir Putin ordinò l'inizio dell'invasione che ha provocato poi migliaia di vittime e immani distruzioni. Questo anniversario coincide con la Pasqua ortodossa che non ha portato allo sperato cessate il fuoco: il presidente russo ha partecipato alla veglia di preghiera a Mosca mentre in Ucraina imperversa il terrore. Soprattutto attorno a Mariupol dove è stata scoperta una nuova fosse comune: sarebbero 28mila i civili uccisi nella città martire. Oggi il segretario di Stato americano Antony Blinken, e il segretario della Difesa, Lloyd Austin saranno a Kiev. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ringraziato il premier Draghi per il sostegno italiano: "Lo aspetto qui"

La Giornata

07.50 Missili balistici russi a 60 chilometri dal confine

I russi hanno collocato missili balistici a corto raggio Iskander a 60 chilometri dal confine ucraino. Lo riferisce lo stato maggiore ucraino, secondo il quale le truppe di Mosca stanno inoltre bombardando le posizioni ucraine con mortai, cannoni e lanciarazzi su tutta la linea del fronte nel Donetsk

07.35 Otto morti in attacchi russi nel Lugansk

E' di otto morti il bilancio degli ultimi attacchi russi nella regione del Lugansk. Lo riferisce il governatore dell'oblast, Seriy Gaidai.

07.13 Kiev, riconquistati 8 insediamenti in regione Kherson 

Le forze armate ucraine hanno riconquistato otto insediamenti nella regione meridionale di Kherson, il cui capolouogo è sotto il controllo dei russi. Lo riferisce il Comando Operativo Meridionale delle forze di Kiev, secondo quanto riporta il Kyiv Independent.

06.00  Argentina, non imporremo 'sanzioni unilaterali'

Il governo argentino non considera le sanzioni contro la Russia un modo efficace per risolvere il conflitto in Ucraina, ha affermato il ministro degli Esteri argentino Santiago Cafiero in un'intervista all'agenzia di stampa nazionale Telam e ripresa da quella russa Tass. Cafiero ha osservato che le leggi argentine nemmeno consentono al Paese di imporre "sanzioni unilaterali. D'altra parte, l'Argentina propone un ritorno al dialogo, calmando la situazione. Non crediamo che l'imposizione di sanzioni e blocchi sia un modo produttivo per raggiungere la pace, il dialogo e i negoziati diplomatici", ha detto il ministro

05.15 Agenzia per energia atomica: da Kiev richieste aiuti per le sue centrali

'Ucraina ha fornito all'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) un elenco completo delle apparecchiature di cui Kiev afferma di aver bisogno per il funzionamento sicuro e protetto dei suoi impianti nucleari durante l'attuale conflitto: lo ha affermato il direttore generale dell'Agenzia, Rafael Mariano Grossi. I requisiti dettagliati delle apparecchiature presentati consentirebbero all'Agenzia di coordinare efficacemente e attuare la fornitura di sostegno all'Ucraina. Molti Stati membri dell'Aiea hanno espresso la disponibilità a offrire tale assistenza al Paese.

03.55. Mosca: 90 cittadini stranieri 'in ostaggio' su navi

Novanta cittadini stranieri sono "tenuti in ostaggio dai nazionalisti come scudi umani" in Ucraina. Lo afferma il colonnello generale Mikhail Mizintsev, capo del Centro di gestione della difesa nazionale russo. "I nazionalisti ucraini continuano a tenere in ostaggio 90 cittadini stranieri di cinque stati come scudi umani", dice Mizintsev citato dall'agenzia russa Tass. Secondo l'ufficiale, 76 navi straniere provenienti da 18 stati continuano ad essere bloccate in sette porti ucraini e non possono prendere il mare "a causa dell'elevata minaccia di bombardamenti e pericolo di mine creata da Kiev".

03.18 Onu, Guterres in visita da Erdogan: "Turchia ha importante ruolo"

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, si recherà lunedì in Turchia, un Paese che svolge un importante ruolo di mediatore nella guerra della Russia contro l'Ucraina. Lo afferma l'Onu in una nota spiegando che la visita precede quella di Mosca e di Kiev. "Il segretario generale si recherà in visita ad Ankara, in Turchia, dove, il 25 aprile, sarà ricevuto dal presidente Recep Tayyip Erdogan", ha dichiarato l'Onu. La missione di Guterres proseguirà quindi a Mosca, martedì, dove incontrerà il presidente russo Vladmir Putin,  poi giovedì a Kiev nel tentativo di mediare la fine dell'invasione russa.


01.15 Kiev: "Mosca minaccia attacco chimico a Odessa"

Mosca afferma che i servizi speciali dell'Ucraina starebbero pianificando un'operazione provocatorio con l'uso di sostanze chimiche nel porto Yuzhny a Odessa, per attribuirne la colpa alle forze armate russe e accusarle di aver preso di mira i civili. Affermazione che Kiev interpreta invece come una minaccia camuffata da avvertimento: sarebbero proprio le forze russe dunque a voler sferrare un attacco chimico sul porto ucraino, secondo il Kyiv Independent.

00.35 Parigi, stop Ue a petrolio russo in poche settimane

L'Ue imporrà un embargo completo al petrolio russo entro poche settimane, secondo il ministro dell'Economia francese Bruno Le Maire. In un'intervista al canale televisivo Bfmtv ripresa dal Kyiv Independent, Le Maire ha aggiunto che ciò contribuirà a fermare il flusso di valuta estera verso la Russia.

00.10 Da Polonia armi per 1,6 miliardi di dollari

La Polonia ha fornito all'Ucraina armi per un valore di circa 1,6 miliardi di dollari. Lo scrive su Twitter il capo ufficio stampa del governo di Varsavia, Piotr Muller, che riporta quanto annunciato dal primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, durante la conferenza per l'iniziativa #StopRussiaNOW. Un supporto per "difendere la sovranità ucraina, polacca ed europea", conclude Muller.

00.01 Sei civili morti in un bombardamento russo nella provincia di Luganskh

Sei civili sono morti in un bombardamento russo in un villaggio della provincia di Luganskh, secondo quanto ha affermato il governatore. "Il villaggio di Girkse ha subito pesanti bombardamenti russi per tutto il giorno", ha detto su Twitter il governatore Seriy Gaidai su Telegram. Lo riferisce la Bbc, sottolineando di non essere in grado di verificare l'informazione in modo indipendente.

Read 510 times

Utenti Online

Abbiamo 1223 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine