ANNO XVI Luglio 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 24 Maggio 2022 15:20

Le promesse di Biden a Taiwan che irritano la Cina

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il presidente degli Stati Uniti traccia un parallelo tra l'invasione russa dell'Ucraina e la minaccia cinese nell'Indo-Pacifico. Pechino: "Non c'è forza al mondo he possa fermare il popolo cinese dal raggiungimento della completa riunificazione nazionale". 

Biden ha assicurato che la politica statunitense di "ambiguità strategica" su Taiwan rimane invariata, un giorno dopo che le assicurazioni che il suo Paese avrebbe difeso l'isola contro la Cina avevano suggerito un cambiamento. "No", ha detto Biden ai giornalisti quando gli è stato chiesto se la politica fosse stata abbandonata. "La politica non è cambiata affatto. L'ho detto ieri quando ho fatto la mia dichiarazione". 

Duro avvertimento della Cina al presidente Usa, Joe Biden, sulla questione di Taiwan: "Non c'è forza al mondo, compresi gli Stati Uniti, che possa fermare il popolo cinese dal raggiungimento della completa riunificazione nazionale, - è il messaggio del ministero degli Esteri cinese - e non c'è forza al mondo, compresi gli Stati Uniti, che possa salvare dal fallimento il destino delle forze dell'indipendenza di Taiwan".

"Gli Stati Uniti hanno fatto ogni sforzo per giocare con le parole sul principio dell'unica Cina", ha insistito il portavoce Wang Wenbin, in riferimento alla politica dell'unica Cina, alla base dei tre comunicati congiunti che hanno spianato la strada alle relazioni diplomatiche tra Cina e Stati Uniti.

"Avvertiamo gli Stati Uniti: c'è una sola Cina al mondo, Taiwan fa parte della Cina e il governo della Repubblica Popolare Cinese è l'unico governo legittimo che rappresenta l'intera Cina", ha scandito il portavoce.

Il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato che l'aggressione della Russia all'Ucraina "sottolinea l'importanza" di mantenere un Indo-Pacifico "libero" e "aperto" all'inizio di una riunione dell'alleanza strategica regionale Quad a Tokyo. "Viviamo in tempi bui nella nostra storia comune", ha detto il leader statunitense ai suoi omologhi di Giappone, Australia e India al Kantei, la residenza e l'ufficio del primo ministro giapponese a Tokyo, dove i leader di queste potenze hanno tenuto il loro secondo incontro faccia a faccia in circa un anno.

Biden, che ha incentrato il suo discorso di apertura sull'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, ha sottolineato che la difesa di un Indo-Pacifico "libero, aperto, connesso, sicuro e resiliente" assume un significato maggiore nel contesto attuale, affermando che "finché la Russia continuerà questa guerra, saremo partner e guideremo una risposta globale".

"L'aggressione della Russia in Ucraina non fa che sottolineare l'importanza di questi obiettivi e valori condivisi", ha aggiunto, invitando il gruppo a continuare a lavorare per difenderli. Biden, che sta concludendo una visita di tre giorni in Giappone nell'ambito del suo primo tour asiatico, ha parlato in questi termini con il Primo Ministro giapponese Fumio Kishida, il Primo Ministro indiano Narendra Modi e il Primo Ministro australiano Anthony Albanese. "Non possiamo permettere che qualcosa di simile accada nell'Indo-Pacifico", ha dichiarato Kishida, che ospita il quarto vertice del Quad (due di persona e due online), e ha invitato le sue controparti a mostrare un "fermo impegno" su questa e altre questioni, come il cambiamento climatico, la sicurezza marittima e la tecnologia.

Il primo ministro dell'Australia, Albanese, che ha fatto il suo debutto diplomatico nella capitale giapponese dopo aver vinto le elezioni generali australiane nel fine settimana, ha dichiarato che l'Australia è "impegnata nel Quad" e nei suoi progetti e obiettivi comuni. Modi, che si è congratulato con Albanese come tutti gli altri per la sua vittoria elettorale e per la sua preparazione espressa per l'occasione, ha definito il gruppo "una forza per il bene" e ha elogiato il lavoro del Quad, che "sta assicurando pace, prosperità e stabilità nella regione indo-pacifica". AGI

Read 496 times

Utenti Online

Abbiamo 879 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine