ANNO XVI Settembre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 03 Giugno 2022 15:23

A Ostia c’è la più grande barriera corallina del Mediterraneo

Written by 
Rate this item
(0 votes)
tra Capocotta e Torvajanica a Ostia c’è la più grande barriera corallina del Mediterraneo tra Capocotta e Torvajanica a Ostia c’è la più grande barriera corallina del Mediterraneo

E chi l’ha detto che bisogna andare in Ecuador per vedere le Galapagos? Anche il Mediterraneo ha la sua. E non bisogna andare lontani da Roma per vederle. Esperti e turisti sorpresi. Anche l'Italia ha la sua barriera corallina. 

Sono infatti di fronte a Ostia, precisamente di fronte allo spazio che va tra Capocotta e Torvajanica. E’ la riserva marina protetta di Tor Paterno.

A 4 miglia dalla costa, per 1400 ettari si estende una barriera corallina da far invidia all’Australia, piena di gorgonie e di una fauna marina ricchissima. Dalle tartarughe alle aquile di mare, fino alle cernie dorate, non mancano anche stelle marine e cavallucci marini. Ma anche delfini e tonni in superficie. Oltre a margherite di mare, antozoo, spugne gialle e arancioni, in mezzo a banchi di pesci o aragoste, murene, corvine, polpi. Un vero e proprio mondo sottomarino.

Se negli scorsi anni questo spettacolo non era ancora così conosciuto, adesso sta diventando “virale” e le gite in barca o subacque sono tutte esaurite già per il ponte del 2 giugno. Un posto che finalmente sta ricevendo l’attenzione che merita.

Nessuno crederebbe ad una cosa del genere. Eppure è tutto vero: anche l’Italia ha la sua barriera corallina. Una notizia che stupisce tutti, sono state ribatezzate le “Galapagos del Mediterraneo” e si trovano al largo di Capocotta, tra Ostia e Torvajanica, nel Lazio.

L’area marina protetta delle Secche di Tor Paterno, così come riporta anche il quotidiano Repubblica, si estende per quasi 1.400 ettari a livello dell’acqua con una profondità massima di 75 metri. A gestirla è l’ente regionale RomaNatura insieme a diverse associazioni di Ostia. Dunque, è una vera e propria svolta con tanti programmi in vista della bella stagione in arrivo. Visite, immersioni e tanto altro sono gli appuntamenti più ricercati dagli ospiti, curiosi di osservarla per la prima volta. In più sarà emozionante incontrare diverse specie animali come i cavallucci marini, pesci, meduse e coralli rari. Alcuni ecoturisti più fortunati avranno la possibilità di avvistare i delfini.

In vista del ponte del 2 giugno si registra già il tutto esaurito. Centinaia di turisti non vedono l’ora di immergersi e lasciarsi incantare da questa oasi sottomarina protetta che di sicuro li lascerà a bocca aperta.

Quest’anno l’interesse turistico per le secche di Tor Paterno è crescente e già ora in apertura di stagione stiamo registrando un incremento fortissimo sia per i balneari che per i diving. Una grande opportunità di valorizzazione e salvaguardia del patrimonio naturale di un territorio che sta assumendo progressiva consapevolezza delle sue potenzialità straordinarie“, ha affermato sorpreso Maurizio Gubbiotti, presidente di RomaNatura.

Read 566 times

Utenti Online

Abbiamo 1042 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine