ANNO XVI Agosto 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 19 Giugno 2022 09:01

La risoluzione spacca il M5S. Di Maio: "Se ci disallineiamo dalla Nato rischi per la sicurezza del Paese"

Written by  Serenella Ronda
Rate this item
(0 votes)

Resta il nodo sull'invio di altre armi a Kiev, martedì al Senato possibile conta nelle votazioni al testo. I pentastellati chiedono di inserire la de-escalation militare e assicurano che "non e' in discussione la lealta' verso la Ue e l'Alleanza". Pd: "No a fughe in avanti". L'ambasciatore russo Razov: in Italia non tutti d'accordo sull'invio di armi. 

 No all'invio di nuove armi all'Ucraina. Messo nero su bianco. È il passaggio, inserito in una bozza di risoluzione a cui stanno lavorando una parte dei senatori M5s in vista del voto che si terrà in Aula a palazzo Madama martedì prossimo, dopo le comunicazioni del premier Mario Draghi sul Consiglio Ue del 23 e 24 giugno, che rischia di far deflagrare la maggioranza (e i 5 stelle).

"Si impegna il governo a non procedere, stante l'attuale quadro bellico in atto, a ulteriori invii di armamenti che metterebbero a serio rischio una de-escalation del conflitto pregiudicandone una soluzione diplomatica", si legge nella bozza dei pentastellati, circolata in mattinata e che ha subito fatto salire la tensione all'interno del Movimento, con il Pd che avverte: "No a fughe in avanti".

Ma il nodo dell'invio di armi resta un tema bollente, che mette in allarme le altre forze di governo, con il rischio che al Senato, dove gli equilibri numerici sono più fragili, si possa andare alla conta. Proprio per evitare questo scenario, ieri il sottosegretario agli Affari europei Enzo Amendola ha riunito la maggioranza con l'obiettivo di arrivare a una risoluzione condivisa. Una nuova riunione dovrebbe tenersi lunedì, alla vigilia dell'appuntamento con l'Aula.

E dopodomani si dovrebbe affrontare la questione dell'invio delle armi: l'orientamento nella maggioranza, per ridurre al minimo i rischi, è di stilare un testo molto snello, in cui ribadire il sostegno dell'Italia all'Ucraina, l'adesione di Kiev e altri paesi all'Ue, la necessità di procedere alla riforma del patto di stabilità, nonché la richiesta di strumenti fiscali comuni, energia e riforma dei trattati. Ma la notizia di un documento alternativo scompagina le carte e preoccupa il ministro degli Esteri, al centro di un aspro confronto tutto inerno al Movimento.

"Un presidente del Consiglio che deve andare a un tavolo europeo così importante deve avere il Paee dalla sua parte, deve avere la coalizione di maggioranza compatta dalla sua parte e aggiungerei anche l'opposizione", premette Luigi Di Maio.

Che poi mette in guardia: "Ho letto che c'è una parte dei senatori M5s che avrebbero proposto una bozza di testo della risoluzione che di fatto ci disallinea dall'alleanza Nato e dall'Ue. La Nato è un'alleanza difensiva e se ci disallineiamo dalla Nato mettiamo a repentaglio la sicurezza dell'Italia, non ce lo possiamo permettere".

E "alle cattiverie e all'odio che vedo rivolgermi per aver posto un tema importante, quello della collocazione geopolitica, io rispondo col sorriso e il lavoro", aggiunge, non dimenticando di osservare che "se uno pone un tema sulla politica estera e qualche dirigente risponde con attacchi personali" vuol dire che "c'è una deriva preoccupante per il Movimento 5 stelle che vede una radicalizzazione politica".

La preoccupazione, mista a irritazione, accomuna il Pd: "I partiti di maggioranza stanno lavorando a un testo unitario", garantisce in mattinata la presidente della commissione Difesa del Senato Roberta Pinotti. Poi pero' la confusione inizia a regnare sovrana, e i dem a palazzo Madama sono costretti a lanciare un avvertimento: "Qualsiasi fuga in avanti o iniziative parziali rischiano di complicare il lavoro".

La bozza 'alternativa' agita anche il Movimento, costretto a intervenire per fare chiarezza: i 5 stelle stanno "lavorando compattamente, e con il coinvolgimento dei capogruppo di Camera e Senato oltre che delle commissioni competenti, sulla risoluzione di maggioranza che verrà votata prima del Consiglio Europeo", assicurano i parlamentari pentastellati delle commissioni Politiche Ue ed Esteri, assieme ai coordinatori dei comitati area Difesa ed Esteri. I quali non rinnegano la posizione del Movimento, anzi ribadiscono che "la nostra linea è chiara, vogliamo inserire nella risoluzione due concetti per noi basilari: la de-escalation militare e la centralità del Parlamento per ogni scelta sulla guerra in Ucraina".

Detto questo, scandiscono per tentare di fugare ogni dubbio, "lavoriamo con lealtà e senso di responsabilità verso il Paese senza mettere mai in discussione la nostra correttezza verso gli alleati e l'Unione Europea, cosi' come non è in discussione la nostra appartenenza all'Alleanza Atlantica e il nostro massimo sostegno all'Ucraina".

Il viceministro allo sviluppo economico e vicepresidente del M5s, Alessandra Todde, spiega: "Stiamo solo ponendo al governo temi democratici a fronte di uno scenario inedito. Finora abbiamo sostenuto il governo con lealtà, stiamo costruendo una risoluzione di maggioranza, l'idea è di trovare un punto di caduta che mette insieme anime differenti".

Ma la viceministro all'Economia, Laura Castelli, si chiama fuori: "Io di sicuro non voterei una risoluzione, qualora presentata dal mio gruppo, in cui si chiede di non inviare armi all'Ucraina", punto "che va fuori dalla collocazione storica dell'Italia". Ma il clima interno ai 5 stelle è ormai esploso: "Oggi Di Maio è un ministro della Repubblica perché è espressione della prima forza politica, non perché si chiama Luigi Di Maio, e mi domando quanto al governo rappresenti ancora il M5s, o se stia rappresentando solo sé stesso o qualcun altro", è l'affondo lanciato da Michele Gubitosa, vice presidente m5s. Che sulla possibile scissione osserva caustico: "Non credo che lui abbia un consenso tale per cui si possa parlare di scissione. Più semplicemente uscirà dal Movimento con alcuni parlamentari perseguendo un interesse personalistico". AGI

Read 911 times

Utenti Online

Abbiamo 984 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« August 2022 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31