ANNO XVI Novembre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 01 Luglio 2022 06:15

Senza gli interventi del governo la bolletta del gas sarebbe stata del 45% più cara

Written by  Gianluca Allievi
Rate this item
(0 votes)

Secondo Arera i prezzi dell'energia sono rimasti stabili grazie alle misure per sterilizzare gli aumenti. Negli ultimi 12 mesi è comunque aumentata del 70%. 

Restano stabili le bollette della luce e del gas per il terzo trimestre grazie ai provvedimenti adottati dal Governo e le misure regolatorie dell'Autorità, hanno sterilizzato gli aumenti per il mercato tutelato e in parte anche per il mercato libero. Lo comunica l'Arera nel periodico aggiornamento sulle bollette.

Il terzo trimestre 2022 per la famiglia tipo in tutela, vedrà un lieve incremento per la bolletta dell'elettricità, +0,4%, mentre rimarrà stabile la bolletta gas, senza alcuna variazione. Il quadro generale avrebbe determinato, in assenza di interventi, una variazione intorno al 45% della bolletta gas e al 15% di quella elettrica.

"Viviamo un momento di grande complessità in cui anche piccoli aumenti possono provocare reazioni eccessive - afferma Stefano Besseghini, presidente di Arera - la ricerca di una pur difficile stabilità nel segnale di prezzo alle famiglie, assume anche in questa fase estiva un particolare rilievo pur nella consapevolezza che tutti gli sforzi devono essere sin da ora concentrati nel definire strumenti e soluzioni che ci permettano di essere efficaci nel prossimo inverno, sia nel garantire la sicurezza della fornitura che nel contenere i costi per il consumatore finale e l'intero sistema. Commissione Europea, governi e regolatori nazionali stanno lavorando con comune intento verso questi obiettivi".

Coerentemente con le disposizioni, afferma una nota, l'Arera è intervenuta sulle componenti degli oneri generali di sistema, azzerandole sia per il settore elettrico che per il gas per la generalità degli utenti. In più, come nel trimestre precedente, per il gas ha utilizzato una ulteriore componente tariffaria (la compensazione dei costi di commercializzazione, UG2) per azzerare i possibili aumenti.

Una misura che si applica alla fascia di consumi tipica degli utenti domestici (fino a 5 mila metri cubi/anno), con effetti positivi su tutti i clienti, sia in tutela che nel mercato libero. Misure che consentono anche di reindirizzare ai clienti domestici risorse dal bilancio dello Stato anche derivanti dalla tassazione degli extraprofitti.

Nell'ottica di limitare ulteriormente la variazione dei prezzi dell'elettricità, l'Autorità ha anche deciso di intervenire sull'allungamento del periodo di recupero degli scostamenti tra previsioni e consuntivo, relativi all'anno precedente. Questi interventi, assieme alla conferma della riduzione Iva sul gas al 5%, avranno un impatto positivo su 30 milioni di utenze domestiche e oltre 6 milioni di piccole imprese, artigiani e commercianti.

Nell'arco di un anno "malgrado l'azione di forte contenimento della variazione dei prezzi, resta ancora evidente la differenza di spesa. In termini di effetti finali, per la bolletta elettrica la spesa per la famiglia-tipo nell'anno scorrevole (compreso tra il 1 ottobre 2021 e il 30 settembre 2022) sarà di circa 1071 euro, +91% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell'anno precedente (1 ottobre 2020 - 30 settembre 2021). Nello stesso periodo, la spesa della famiglia tipo per la bolletta gas sarà di circa 1.696 euro, con una variazione del +70,7% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell'anno precedente". Lo afferma l'Arera in una nota. AGI

Read 1104 times Last modified on Venerdì, 01 Luglio 2022 07:15

Utenti Online

Abbiamo 1266 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine