ANNO XVI Dicembre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 20 Settembre 2022 09:19

Il viaggio di Elisabetta II è finito. Inizia il mito

Written by  Nuccia Bianchini e Barbara Tedaldi
Rate this item
(0 votes)

La sovrana è stata sepolta al castello di Windsor vicino al marito Filippo. Rimossi dalla bara corona, globo e scettro, i simboli del potere terreno. Lunedì il lungo addio con i grandi della Terra. Ai funerali di Stato hanno preso parte 2000 persone, 500 tra teste coronate, capi di Stato e di Governo e dignitari. 

Se si avevano dubbi su quale tipo di fascino avesse ancora la monarchia sul popolo britannico, il funerale di Elisabetta II (e i giorni di lutto che l'hanno preceduto) l'hanno fugato.

Il Paese guarda alla monarchia con immutato affetto, anzi con orgoglio, come a un elemento unificatore, un'ancora immutata in un mondo che ha tante insidie e in cui il Regno Unito è incalzato da diverse crisi (l'inflazione comincia ad avere un impatto sulla maggior parte delle famiglie e non solo sulle famiglie più povere, le spinte separatiste scozzesi premono su Londra e le tensioni in Irlanda del nord sono state rinfocolate dagli accordi post-Brexit).

Sulla bara di Elisabetta un biglietto e i fiori di re Carlo

Il Paese ha dato l'ultimo addio alla 'madre di tutti', la regina rimasta sul trono per 70 anni, con una cerimonia che ha messo in mostra l'attenta coreografia e la solennità costruita in decennni di preparazione. Presenti decine di capi di Stato, arrivati dai quattro angoli del pianeta, dinanzi alle teste coronate di tutta Europa e oltre, è stato un funerale che rimarrà nella storia, il 'funerale del secolò a una regina che aveva dedicato tutto la sua vita al servizio. "Al suo 21esimo compleanno, la regina Elisabetta II, promise di servire il Paese e il Commonwealth, raramente una promessa è stata meglio mantenuta", ha detto l'arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, nell'elegia funebre.

Di buon mattina avevano cominciato ad affollare l'abbazia di Westminster i capi di Stato e di governo arrivati dai quattro angoli del pianeta. Tutti in pullman, tranne Joe Biden a cui era stato concesso di arrivare con la sua limousine blindata, The Beast, ma che è arrivato in lieve ritardo (bloccato brevemente nel traffico) e che poi si è dovuto accontentare di un posto nelle fila posteriori.

E poi i reali di mezzo mondo, dal Giappone alla vecchia Europa, il governo presente, capitanato da Liz Truss, gli ex premier inglesi, l'aristocrazia britannica, con una buona dose di cappellini e tight, dame di corte. Infine sono arrivati i membri della Famiglia reale.

Prima in tre autobus i parenti più lontani. Poi le Rolls-Royce con la regina consorte, Camilla, Kate, la moglie del principe William, e a sorpresa anche i principi George e Charlotte, 9 e 7 anni, dietro Meghan. Ultimo nel corteo il nuovo re, Carlo II, l'espressione assorta, a tratti commossa, accompagnato dal figlio.

Dopo giorni di fila, nel silenzio reverente e commosso della folla, al suono delle cornamuse, la bara (in quercia inglese, piombata e pesantissima, trasportata da 8 militari e non dai sei tradizionali portatori) è arrivata sulla State Gun Carriage, un carro per il trasporto dei cannoni che praticamente non ha mai prestato servizio nell'esercito britannico, ma trasportò le bare della regina Vittoria, poi di re Edoardo VII, Giorgio V, Giorgio VI, Winston Churchill e Lord Mountbatten. Tutto ha funzionato come un orologio, in perfetto orario, come da copinione limato in anni e anni di previsioni e aggiornamenti. 

E anche la folla ha risposto alle attese. Centinaia di migliaia di persone si sono riversate per le strade di Londra, mostrando orgogliose foto della regina e bandiere con la Union Jack. Tutti in piedi ad Hyde Park quando i maxischermi hanno inquadrato il feretro, lacrime e applausi in un clima un po' da pic nic.

Poi 40 chilometri di folla ai lati della strada che da Londra ha portato la sovrana a Windsor, dove riposerà accanto al marito, ai genitori e alla sorella nella Cappella di San Giorgio. "God save the king" hanno cantato la famiglia reale, i dignitari e sudditi da Westminster e per tutta la Gran Bretagna. Immobile, a tratti commosso, il nuovo re, Carlo III. Elisabetta II, dopo 70 anni di regno e undici giorni di funerali, lascia il suo incarico. Da domani tocca a lui: solo la storia dirà se sarà all'altezza della "migliore maestra possibile", sua madre.

La bara della regina Elisabetta II è stata calata nella cripta reale

La bara della regina Elisabetta II è stata calata nella cripta reale della cappella di San Giorgio nel castello di Windsor, ponendo fine alle esequie pubbliche della sovrana piu' longeva della Gran Bretagna.

La "seconda era elisabettiana" è terminata simbolicamente quando il Lord Ciambellano, Andrew Parker, una delle figure più importanti della Casa reale, ha rotto il 'bastone del comando' e lo ha messo sulla bara della defunta regina.  Poco prima, il gioielliere della casa reale aveva rimosso dalla bara lo scettro, il globo crucigero e la preziosa corona imperiale.

In migliaia lungo il ‘Long Walk' a seguire il carro coperto di fiori

Decine di migliaia di persone sono assiepate lungo la cosiddetta Long Walk, la strada che il corteo funebre di Elisabetta II percorrerà per accedere al Castello di Windsor: una processione lunga circa 5 chilometri, lungo il caratteristico viale alberato che conduce al castello, la residenza reale dove la regina trascorreva più tempo.

Il carro funebre, che ha percorso i circa 40 chilometri che separano Londra da Windsor tra due ali di folla, è arrivato coperto da decine di fiori lanciati dai suddi sul veicolo. Per il feretro della regina si tratta della terza e ultima solenne processione della giornata.

Da Londra a Windsor, 40 km di folla per salutarla

Quaranta chilometri, 22 miglia, di folla per salutare Elisabetta II. Il corteo con il feretro della sovrana, dopo i funerali a Westminster, ha lasciato Londra per raggiungere il castello di Windsor. Qui sarà tumulata, accanto al principe Filippo, ai genitori e alla sorella Margaret, nella Cappella di San Giorgio. Lungo tutto il percorso, 22 miglia e mezzo, quaranta chilometri, da entrambi i lati, le persone si sono assiepate senza soluzione di continuità per l'ultimo addio alla regina.

Read 642 times

Utenti Online

Abbiamo 1158 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine