ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 01 Febbraio 2023 09:28

Un cappuccino può avere un effetto antinfiammatorio

Written by  Giampaolo Roidi
Rate this item
(0 votes)

Lo rivela uno studio dell'università di Copenaghen che spiega come i polifenoli, contenuti nel caffè, se combinati agli aminoacidi del latte possano aiutare a ridurre lo stress ossidativo nel corpo. 

Una semplice tazza di caffè con latte potrebbe avere un effetto antinfiammatorio sul nostro organismo. A suggerirlo, sono primi risultati di un nuovo studio dell'Università di Copenaghen che sperano di poter studiare gli effetti sulla salute degli esseri umani. Il segreto, dicono i ricercatori, starebbe negli antiossidanti noti come polifenoli. Questo gruppo di antiossidanti, che si trovano nell'uomo, nelle piante, nella frutta e nella verdura, è utilizzato anche dall'industria alimentare per rallentare l'ossidazione e il deterioramento della qualità degli alimenti e quindi evitare sapori sgradevoli e irrancidimento.

I polifenoli sono anche noti per essere salutari per l'uomo, poiché aiutano a ridurre lo stress ossidativo nel corpo che dà origine all'infiammazione. Ma ancora pochi studi hanno studiato cosa succede quando i polifenoli reagiscono con altre molecole, come le proteine mescolate negli alimenti che poi consumiamo. In questo nuovo studio, i ricercatori del Dipartimento di Scienze dell'Alimentazione, in collaborazione con i ricercatori del Dipartimento di Scienze Veterinarie e Animali dell'Università di Copenaghen, hanno studiato come si comportano i polifenoli quando combinati con gli amminoacidi, i mattoni delle proteine. "Nello studio, dimostriamo che quando un polifenolo reagisce con un amminoacido, il suo effetto inibitorio sull'infiammazione nelle cellule immunitarie viene potenziato. Pertanto, è chiaramente immaginabile che questo cocktail possa anche avere un effetto benefico sull'infiammazione negli esseri umani", afferma la professoressa Marianne Nissen Lund del Dipartimento di scienze alimentari, che ha diretto lo studio appena pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry.

Per studiare l'effetto antinfiammatorio della combinazione di polifenoli e proteine, i ricercatori hanno applicato l'infiammazione artificiale alle cellule immunitarie. Alcune cellule hanno ricevuto varie dosi di polifenoli che avevano reagito con un amminoacido, mentre altre hanno ricevuto solo polifenoli nelle stesse dosi. Un gruppo di controllo non ha ricevuto nulla. I ricercatori hanno osservato che le cellule immunitarie trattate con la combinazione di polifenoli e amminoacidi erano due volte più efficaci nel combattere l'infiammazione rispetto alle cellule a cui erano stati aggiunti solo polifenoli. Precedenti studi dei ricercatori hanno dimostrato che i polifenoli si legano alle proteine nei prodotti a base di carne, latte e birra. 

In un altro nuovo studio hanno testato se le molecole si legano tra loro anche in una bevanda al caffè con il latte. I chicchi di caffè, infatti, sono ricchi di polifenoli, mentre il latte è ricco di proteine. "Il nostro risultato dimostra che la reazione tra polifenoli e proteine avviene anche in alcune delle bevande al caffè con il latte che abbiamo studiato. In effetti, la reazione avviene così rapidamente che è stato difficile evitarla in tutti gli alimenti che abbiamo studiato finora", afferma Marianne Nissen Lund.

Pertanto, non è difficile immaginare che la reazione e l'effetto antinfiammatorio potenzialmente benefico si verifichino anche quando vengono combinati altri alimenti costituiti da proteine e frutta o verdura. "Posso immaginare che qualcosa di simile accada, ad esempio, in un piatto di carne con verdure o in un frullato, se ti assicuri di aggiungere proteine come latte o yogurt", afferma Marianne Nissen Lund.

Sia l'industria che la comunità della ricerca hanno preso atto dei principali vantaggi dei polifenoli. Pertanto, stanno lavorando su come aggiungere le giuste quantità di polifenoli negli alimenti per ottenere la migliore qualità. I nuovi risultati della ricerca sono promettenti anche in questo contesto: "Poiché gli esseri umani non assorbono così tanti polifenoli, molti ricercatori stanno studiando come incapsulare i polifenoli in strutture proteiche che migliorano il loro assorbimento nel corpo. Questa strategia ha l'ulteriore vantaggio di potenziare gli effetti antinfiammatori dei polifenoli", spiega Marianne Nissen Lund. AGI

Read 682 times

Utenti Online

Abbiamo 1004 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine