ANNO XVIII Giugno 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 18 Aprile 2023 16:46

61° edizione del Salone del Mobile: le tendenze arredo e luce

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Dal 18 al 23 aprile la manifestazione, punto di riferimento internazionale per il settore dell'arredo e del design, sarà ospitata negli spazi di Fiera Milano Rho. Oltre 2.000 espositori da 37 Paesi. Dal boom di proposte per l’outdoor ai sistemi di illuminazione personalizzabili e componibili, i trend che si vedranno negli spazi fieristici di Rho. 

Con duemila espositori da 37 Paesi, ritorna dal 18 al 23 aprile il Salone del mobile di Milano, l’evento di riferimento per il settore design, che invita il pubblico di architetti, arredatori, rivenditori, studenti o semplici appassionati a scoprire le nuove proposte negli spazi fieristici di Rho.

Apre le porte il 61esimo Salone Internazionale del Mobile, tornato ad aprile, come da tradizione. Per sei  giorni, da martedì 18 fino a domenica 23 aprile, la manifestazione punto di riferimento internazionale per il settore dell'arredo e del design, sarà ospitata negli spazi di Fiera Milano Rho. Un'occasione per sperimentare e riflettere sul ruolo e sull'evoluzione del sistema fieristico. In mattinata la visita della premier Giorgia Meloni, che inaugura l'evento.

"Un'edizione importantissima, dopo la tragedia del Covid e quindi quest'anno è veramente il salone della ripartenza. Ho parlato con il presidente che dice che ci sono tantissimi buyer internazionali, c'è il ritorno anche dei cinesi, visto che la Cina ha riaperto", ha detto la ministra del Turismo Daniela Santanchè, arrivando al Salone del Mobile di Milano, che sarà inaugurato oggi dalla presidente del Consiglio Giorgia Meloni. "Noi qua abbiamo veramente l'eccellenza italiana del Made in Italy. Quindi credo che oggi per l'Italia sia veramente una bella giornata ed è per questo che ci tenevamo ad esserci", ha aggiunto.

Diverse le novità di questa edizione: un unico livello espositivo, con gli espositori dei padiglioni superiori (8-12, 16-20) ricollocati in quelli inferiori per una coerenza di percorsi estetici e per ampliare le opportunità di incontro dei singoli marchi; un nuovo layout di Euroluce, che si fa tracciato urbano ad anello per non costringere il visitatore a innumerevoli scelte di percorso ma permettere, in poche centinaia di  metri, di incontrare tutti gli espositori; una componente culturale diffusa negli spazi della biennale della luce, che si articola in contenuti pluridisciplinari, curati da un team di professionisti di generazioni, ambiti e provenienze differenti, che spaziano dall'architettura alla fotografia all'arte, con mostre, talk, installazioni.        

''Come saranno le fiere di domani? Il Salone del Mobile Milano oggi ha già provato a dare una risposta. Presentiamo una 61ª edizione  rinnovata, fruibile e fresca, vitale e vivace, che guarda al futuro  dell'esperienza fieristica con la fiducia e l'impegno di chi ne  conosce il valore e lo vuole preservare", dice la presidente Maria Porro, spiegando che "sarà un Salone ricco di novità, aperto a contaminazioni. Design e arredamento si nutrono di scienza, ricerca tecnologica, arte, fotografia, comunicazione digitale, editoria e  tanto altro. Il nuovo format della manifestazione mostrerà questa relazione proponendo una nuova profondità di orizzonte''.

Le manifestazioni del 2023 − Salone Internazionale del Mobile, Salone Internazionale del Complemento d'Arredo, Workplace3.0, S.Project,  Euroluce, Salone Satellite − radunano, complessivamente, oltre 2.000 espositori da 37 Paesi, di cui oltre 550 giovani talenti under 35 da 31 Paesi e 28 scuole di design da 18 nazioni differenti.

''Questo suo essere catalizzatore positivo e innovativo  di pensieri, progetti, relazioni è ciò che lo rende polo d'attrazione internazionale: il 34% dei nostri espositori, dato in costante  crescita anno dopo anno, è straniero;attendiamo migliaia di visitatori da Europa, Stati Uniti e Cina, ma anche da Arabia Saudita, India e paesi dell'Estremo Oriente", fa sapere Porro. 

"Crediamo - aggiunge la presidente - in un Salone che rispecchi la qualità e l'eccellenza di un intero sistema produttivo, un evento in grado di  essere ponte culturale, motore economico e acceleratore di processi virtuosi nel rispetto dell'ambiente e in una manifestazione dove tradizione, rigore e serietà si mescolano a passione e capacità di anticipare e produrre innovazione. Per questo il design, e tutta la  sua comunità, continueranno a trovare nel Salone una casa ideale da  abitare e visitare''.

Tre le principali novità di questa 61esima edizione. La prima: la kermesse si sviluppa su di un unico livello espositivo, con le aziende dei padiglioni superiori (pad 8-12, 16-20) ricollocati in quelli inferiori; la seconda è il nuovo layout di Euroluce (pad 9-11 e 13-15), la biennale dell’illuminazione immaginata da Lombardini22 come una città delle luci - The City of lights - con un percorso ad anello che rimette il visitatore al centro, per una fruizione più fluida (e semplice) dello spazio espositivo.

Terza novità: la componente culturale integrata negli spazi di Euroluce, con un palinsesto di alto livello e di ampio respiro curato da Beppe Finessi.

In mostra la ricerca, i progetti e le sperimentazioni delle aziende in tandem con i designer, novità accomunate, quest’anno più che mai, dalla responsabilità ambientale, economica e sociale.

Read 821 times Last modified on Martedì, 18 Aprile 2023 17:45

Utenti Online

Abbiamo 614 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine