ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 30 Aprile 2023 15:47

Papa: "Un futuro di pace e culle, non di guerra e muri"

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Papa Francesco a Budapest in Ungheria Papa Francesco a Budapest in Ungheria

È la supplica del Pontefice alla Madonna da Budapest, a poche centinaia di chilometri dal conflitto che infiamma il centro dell'Europa. 

"Infondi nei cuori degli uomini e dei responsabili delle Nazioni il desiderio di costruire la pace, dare alle giovani generazioni un futuro di speranza, non di guerra; un avvenire pieno di culle, non di tombe; un mondo di fratelli, non di muri". È la supplica di Papa Francesco alla Madonna. Da Budapest, a poche centinaia di chilometri dalla guerra che infiamma il centro dell'Europa, il Pontefice rinnova la sua accorata invocazione a Maria, per "riporre nel suo cuore la fede e il futuro dell'intero Continente europeo" e "in modo particolare la causa della pace".

"Santa Vergine, guarda ai popoli che piu' soffrono. Guarda soprattutto al vicino martoriato popolo ucraino e al popolo russo, a te consacrati", afferma Bergoglio, dopo aver presieduto la messa - davanti a circa 50 mila persone - nella piazza Kossuth Lajos di Budapest, alla presenza del premier Viktor Orban e del Metropolita Hilarion. 

E un appello a essere "porte aperte" verso il prossimo, il Papa lo lancia nell'omelia. "È triste e fa male vedere porte chiuse - sottolinea -: le porte chiuse del nostro egoismo verso chi ci cammina accanto ogni giorno; le porte chiuse del nostro individualismo in una società che rischia di atrofizzarsi nella solitudine; le porte chiuse della nostra indifferenza nei confronti di chi è nella sofferenza e nella povertà; le porte chiuse verso chi è straniero, diverso, migrante, povero".

E perfino, continua, "le porte chiuse delle nostre comunita' ecclesiali: chiuse tra di noi, chiuse verso il mondo, chiuse verso chi 'non è in regola', chiuse verso chi anela al perdono di Dio. Per favore: apriamo le porte!", rimarca con forza. "Cerchiamo di essere anche noi - con le parole, i gesti, le attività quotidiane - come Gesù: una porta aperta, una porta che non viene mai sbattuta in faccia a nessuno, una porta che permette a tutti di entrare a sperimentare la bellezza dell'amore e del perdono del Signore", prosegue.

"È bello che i confini non rappresentino frontiere che separano, ma zone di contatto; e che i credenti in Cristo mettano al primo posto la carità che unisce e non le differenze storiche, culturali e religiose che dividono". Serve "essere aperti e inclusivi gli uni verso gli altri", è l'incoraggiamento di Francesco: "Essere porte sempre più aperte: 'facilitatori' della grazia di Dio, esperti di vicinanza".

E anche la Chiesa "sia un ovile inclusivo e mai escludente". Perché "è bello trovarci insieme: i vescovi e i sacerdoti, i religiosi e i fedeli laici; ed è bello condividere questa gioia insieme alle Delegazioni ecumeniche, ai capi della Comunità ebraica, ai rappresentanti delle istituzioni civili e del Corpo diplomatico. Questa è cattolicità". "E, perciò, siamo tutti chiamati a coltivare relazioni di fraternità e di collaborazione, senza dividerci tra noi, senza considerare la nostra comunità come un ambiente riservato, senza farci prendere dalla preoccupazione di difendere ciascuno il proprio spazio, ma aprendoci all'amore vicendevole". AGI

Read 480 times

Utenti Online

Abbiamo 664 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine