ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 01 Luglio 2023 07:52

Ancora disordini in Francia per Nahel. Saccheggi e scontri a Lione, Grenoble e Marsiglia

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Arresti a Marsiglia Arresti a Marsiglia

Quasi 700 persone fermate e 249 agenti feriti negli scontri degli ultimi giorni. La notte appena trascorsa, la quarta, ha registrato ancora tafferugli in diverse città del Paese anche se la loro l'intensità è in calo. Dispiegati più di 45 mila agenti in tutto il territorio. 

Sporadiche violenze e saccheggi hanno colpito diverse città in tutta la Francia nella quarta notte di proteste dopo l'uccisione mortale da parte della polizia di un adolescente, ma "sono stati molto meno intensi" rispetto ai giorni precedenti, hanno spiegato le autorità.

La Francia ha dispiegato 45.000 agenti sostenuti da veicoli blindati leggeri, mentre unità di polizia e altre forze di sicurezza si sono sparpagliate in tutto il paese per reprimere la violenza per la morte di Nahel, ucciso martedì durante un blocco del traffico in un sobborgo di Parigi.

Nonostante la presenza della sicurezza, venerdì notte sono avvenuti saccheggi nelle città di Lione, Marsiglia e Grenoble, con bande di rivoltosi spesso incappucciati che hanno saccheggiato i negozi.

I manifestanti hanno anche dato fuoco ad auto e bidoni della spazzatura. Ma durante una visita a Mantes-la-Jolie, a ovest di Parigi, il ministro dell'Interno Gerald Darmanin ha dichiarato sabato mattina presto che la violenza della notte è stata "di intensità molto minore", con 471 arresti a livello nazionale e sacche di tensione a Marsiglia e Lione in particolare.

Darmanin aveva annunciato una mobilitazione "eccezionale" di polizia e gendarmi per evitare una quarta notte consecutiva di disordini per la morte di Nahel, che sarà sepolto sabato nel sobborgo parigino di Nanterre dove viveva ed è stato ucciso. Gli avvocati della famiglia hanno chiesto ai giornalisti di stare alla larga, dicendo che era "un giorno di riflessione" per i parenti di Nahel.

Le parole di Macron

Il presidente francese è pronto ad adattare il dispositivo di mantenimento dell'ordine "senza tabù" e ha fatto appello ai genitori perché "tengano i figli a casa". Dispiegati 45mila agenti in tutto il territorio nazionale.

Macron ha parlato al termine dell'unità di crisi interministeriale. "In questo contesto, chiediamo a tutti i genitori di assumersi la responsabilità: il contesto che stiamo vivendo è frutto di gruppi organizzati e attrezzati ma anche di tanti giovani. Un terzo degli arrestati sono giovani o molto giovani", ha insistito il capo dello Stato. "È responsabilità dei genitori tenerli a casa. Faccio appello al senso di responsabilità delle famiglie".

"Le piattaforme e le reti svolgono ruoli molto importanti", ha aggiunto, citando TikTok e Snapchat. "Saranno fatte richieste per avere l'identità di coloro che usano i social network per chiamare al disordine". "Prenderemo diverse misure nelle prossime ore", ha detto.

L'introduzione dello stato di emergenza e del coprifuoco è stata richiesta da diversi responsabili politici dopo la terza notte di violenze che ha portato a centinaia di arresti, danni a edifici istituzionali e feriti fra le forze dell'ordine.

La Farnesina raccomanda prudenza

La Farnesina raccomanda 'attenzione' a chi va in Francia in questi giorni. Sul sito Viaggiare Sicuri, si legge: che "è possibile che si verifichino disagi nella circolazione stradale. Nelle banlieue di Parigi le linee di autobus e tram sono interrotte dalle ore 21 mentre nelle città di Compiegne e Clamart è entrato in vigore un coprifuoco dalle 22 alle 6, fino a lunedì 3 luglio. Si raccomanda di monitorare i media, evitare le aree interessate dalle proteste e seguire le indicazioni delle autorità locali".

Read 422 times

Utenti Online

Abbiamo 858 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine