ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 27 Luglio 2023 07:57

Il Senato boccia la mozione di sfiducia contro Santanché

Written by  FIlippo Frignani
Rate this item
(0 votes)
Daniela Santanché in Senato Daniela Santanché in Senato

Azione e Italia viva non partecipano al voto e suscitano l'ira del Movimento 5 stelle, che aveva presentato il testo con il sostegno di Pd e sinistra. Conte: "Disertare è essere complici". Per il ministro del Turismo è "una bellissima giornata." 

Il Senato ha bocciato la mozione di sfiducia individuale contro il ministro del Turismo, Daniela Santanché. Il testo presentato dal Movimento 5 stelle e appoggiato dal Partito democratico e da Alleanza Verdi e sinistra, ha ottenuto 67 voti favorevoli, 111 contrari e nessun astenuto.

I senatori di Azione e Italia viva - come annunciato alla vigilia - non hanno partecipato al voto e la loro decisione ha scatenato la critica del Movimento 5 stelle che ha accusato i renziani di "fare da stampella all'esecutivo". "In situazioni come queste disertare è essere complici", ha poi tuonato Giuseppe Conte in un post sui social.

"È una bellissima giornata"

Il responso dell'Aula, giunto al termine di una seduta durata quasi tre ore, è stato accolto con soddisfazione dal ministro che ha risposto ai cronisti che le chiedevano un commento dicendo: "È una bellissima giornata".

"Ho detto la verità e chi dice il contrario mente sapendo di mentire", ha attaccato Santanché in Aula ribadendo di aver ricevuto l'avviso di garanzia solo il 17 luglio, giorni dopo il suo intervento in Parlamento sulla vicenda che la vede coinvolta. Dure le parole che ha rivolto all'opposizione: "Ci possono essere diversità di opinioni, diversità che io rispetto. Ho qualche difficoltà a comprendere come si possa promuovere sulla base di elementi di un'inchiesta pseudo giornalistica una mozione che non ha come oggetto il mio operato da ministro ma fatti che, se verranno evidenziati, sono antecedenti al mio giuramento da ministro e che ritengo di aver chiarito in quest'Aula".

Il ministro - che sedeva vicino ad almeno dieci ministri da Salvini a Casellati, da Musumeci a Ciriani ad Abodi - si è poi detta dispiaciuta per gli attacchi ricevuti in queste settimane e ha confermato di rimanere fedele "ai principi di legalità, responsabilità, disciplina e onore che la Costituzione indica come valori e criteri di condotta per chiunque operi al servizio della nazione".

Le reazioni dalla maggioranza

Il voto dei senatori della maggioranza è stato compatto. Lucio Malan, capogruppo di FdI, ha definito la mozione "un tentativo di strumentalizzare una vicenda resa nota da trasmissioni televisive e inchieste giornalistiche", un "tentativo per infangare e screditare il lavoro del ministro e di tutto il governo".

Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega, l'ha invece bollata come "un errore politico" che "ha rafforzato il ministro, il premier Meloni e diviso l'opposizione. Un'operazione politica fantastica, una mezza disfatta". Per Licia Ronzulli, presidente dei senatori di FI per l'opposizione l'Aula di Palazzo Madama "deve diventare un'Aula del Tribunale. Chi siamo noi per giudicare la colpevolezza di un membro del governo? Per noi - ha rimarcato - solo i giudici hanno il potere di emettere sentenze in nome del popolo italiano". 

Le opposizioni divise

Confermata la divisione nel fronte delle opposizioni, con il Pd e Avs che si sono uniti alla richiesta del Movimento 5 stelle e il gruppo Azione-Italia viva che non ha partecipato al voto segreto. Già prima dell'avvio della seduta Carlo Calenda aveva giudicato il testo "un grande regalo al governo" pur confermando la richiesta di dimissioni a Santanché. Parole ribadite nel corso della seduta dal capogruppo, Enrico Borghi, che ha chiamato in causa il presidente del consiglio, Giorgia Meloni. "Ci deve dire fino a quando questa situazione sarà sostenibile nel governo. È in capo al premier tutta la responsabiltà politica e giuridica in ordine alla permanenza del ministro" nell'esecutivo.

La decisione del Terzo polo è stata duramente contestata dal Movimento 5 stelle. Per Alessandra Maiorino, vice capogruppo, i renziani "hanno deciso da tempo di fare da stampella al governo. Avevamo il dovere di presentare questa mozione perché rispondiamo ai cittadini e non a strategie di Palazzo incomprensibili qui fuori".

Netto il giudizio del leader Giuseppe Conte. "Noi abbiamo orgogliosamente votato la sfiducia al ministro, qualche altra opposizione ha preferito disertare il voto abbandonando l'Aula. In situazioni come queste disertare è essere complici", ha scritto sui social prima di aggiungere: "In qualsiasi grande Paese oggi Santanché non sarebbe più ministra. In qualsiasi grande Paese il premier l'avrebbe accompagnata alla porta già da giorni".

Bagarre in Aula

Nel corso della seduta una breve bagarre si è scatenata in Aula quando Ettore Licheri ha paragonato i membri della maggioranza a dei "pagliacci". Il senatore pentastellato è stato subito ripreso dal presidente Ignazio La Russa che ha messo anche a tacere chi dai banchi di FdI, Lega e FI rispondeva con il grido di "vergona, chieda scusa".

Polemica anche tra il dem Walter Verini e il ministro della Protezione civile e senatore, Nello Musumeci. Verini ha notato la presenza in Aula del ministro "mentre la Sicilia brucia".

Una polemica "davvero singolare", ha replicato Musumeci. "Dal Pd, con evidente arroganza, pretendono persino di dettare l'agenda delle mie giornate. Dimenticando peraltro che partecipo alla seduta del Senato proprio perché richiesto dalle opposizioni, con la loro mozione. Da quarantotto ore, in costante contatto con il dipartimento nazionale di Protezione civile, seguo da ministro l'evolversi della difficile situazione del maltempo dal Nord alla Sicilia", ha assicurato. AGI

Read 475 times

Utenti Online

Abbiamo 703 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine