ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 08 Agosto 2023 07:36

De Angelis chiede scusa. "Ma resto con i dubbi sulla Strage di Bologna"

Written by  Edoardo Izzo
Rate this item
(0 votes)

Il capo della comunicazione istituzionale del Lazio, nel lungo messaggio su Facebook, afferma: massimo rispetto per il Quirinale. Poi incontra Rocca. 

Continua a esprimere dubbi sulla Strage di Bologna, ma chiede scusa a tutti coloro che, leggendo i suoi post su Facebook, sono rimasti "turbati" o sono stati risucchiati in una situazione che ha assunto "dimensioni per me inimmaginabili".

Lo fa con un messaggio sullo stesso social network da cui tutto era partito la sera del 3 agosto scorso quando, con un lungo messaggio, si era detto sicuro dell’innocenza dei tre condannati in via definitiva per la strage: gli ex Nar Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, quest’ultimo, diventato poi suo cognato. Marcello De Angelis, ex di Terza Posizione e oggi capo della comunicazione istituzionale della Regione Lazio, non fa invece cenno a eventuali dimissioni. 

"Negli ultimi giorni ho espresso delle riflessioni personali sul mio profilo social, che sono invece diventate oggetto di una polemica che ha coinvolto tutti. Intendo scusarmi con quelli - e sono tanti, a partire dalle persone a me più vicine - a cui ho provocato disagi, trascinandoli in una situazione che ha assunto dimensioni per me inimmaginabili", scrive De Angelis che nel pomeriggio di oggi dovrebbe incontrare il presidente della Regione Lazio Francesco Rocca. 

"Ho servito e rappresentato le istituzioni democratiche per anni e ne ho il massimo rispetto, così come per tutte le cariche dello Stato, che da parlamentare ho contributo ad eleggere e che oggi sostengo come cittadino elettore. Fra queste e prima di tutte, la Presidenza della nostra repubblica", ha aggiunto De Angelis. 

Il capo della comunicazione istituzionale della Regione è poi passato alla Strage di Bologna e ai dubbi che ancora, dopo 40 anni e nonostante le sentenze, lui conserva. "In merito alla più che quarantennale ricerca della verità sulla strage di Bologna, l’unica mia certezza è il dubbio. Dubbio alimentato negli anni dagli interventi autorevoli di alte cariche dello Stato come Francesco Cossiga e magistrati come il giudice Priore e da decine di giornalisti, avvocati e personalità di tutto rispetto che hanno persino animato comitati come 'E se fossero innocenti' - ricorda - . Purtroppo sono intervenuto su una vicenda che mi ha colpito personalmente, attraverso il tentativo, fallito, di indicare mio fratello, già morto, come esecutore della strage. Questo episodio mi ha certamente portato ad assumere un atteggiamento guardingo nei confronti del modo in cui sono state condotte le indagini".

"Nel ribadire il mio rispetto per la magistratura, composta da uomini e donne coraggiosi che si sono immolati per difendere lo Stato e i suoi cittadini, ritengo che tutti abbiano diritto ad una verità più completa possibile su molte vicende ancora non del tutto svelate - dice ancora De Angelis -. Ho appreso che l’attuale governo, completando un percorso avviato dai governi precedenti, ha desecretato gli atti riguardanti il tragico periodo nel quale si colloca la strage del 2 agosto 1980: mi auguro che l’attento esame dei documenti oggi a disposizione permetta di confermare, completare e arricchire le sentenze già emesse o anche fare luce su aspetti che, a detta di tutti, restano ancora oscuri".

"Ribadisco le mie profonde scuse nei confronti di chi io possa aver anche solo turbato esprimendo le mie opinioni. Anche se rimane un mio diritto, prima di scrivere e parlare bisogna riflettere sulle conseguenze che il proprio agire può avere sugli altri. Viviamo per fortuna in una società civile in cui il rispetto degli altri deve essere tenuto in conto almeno quanto la rivendicazione dei propri diritti", conclude.

"Esprimo quindi dubbi, così come molti hanno espresso dubbi sulla sentenza definitiva contro Adriano Sofri senza per questo essere considerati dei depistatori o delle persone che volessero mancare di rispetto ai familiari del commissario Calabresi - aggiunge -. Per tutte le vittime della folle stagione dei cosiddetti anni di piombo e dei loro familiari ho il massimo rispetto, vieppiù per chi sia finito sacrificato innocentemente in eventi mostruosi come le stragi che hanno violentato il nostro popolo e insanguinato la nostra Patria massacrando indiscriminatamente". AGI

Read 508 times

Utenti Online

Abbiamo 652 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« February 2024 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29