ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 10 Agosto 2023 10:11

L'Italia all'Onu in difesa dell'ambiente con una mostra sul pianeta

Written by  Massimo Basile
Rate this item
(0 votes)

Nelle sale del Palazzo di Vetro “Un pianeta migliore, un mondo migliore". Un racconto fatto di oggetti, colori e foto di Alessandra Mattanza e Augusto Ferretti. 

La voce italiana in difesa dell’ambiente e delle culture indigene sta riempiendo in questi giorni a New York le sale del Palazzo di Vetro, sede delle Nazioni Unite. Fino al 28 agosto al piano terra è visitabile la mostra “Un pianeta migliore, un mondo migliore”, realizzata dall’artista multimediale Alessandra Mattanza e dall'architetto Augusto Ferretti, e promossa dalle missioni permanenti all’Onu di Italia e Germania.

Colori, oggetti di uso comune, tele, foto di paesaggi per raccontare il mondo da un punto di vista prospettico in cui vengono rappresentati, e “ricordati” ai visitatori, il potere dell’arte e della natura, ma anche quello dell’azione in difesa dell’ambiente e dell’umanità, tutto nel segno di quell’”Epos of love”, il potere rigenerante che domina l’universo e che passa anche attraverso il patrimonio culturale delle comunità native.

Mattanza è nata a Brescia, è passata da molte esperienze e molti luoghi del pianeta, dagli studi di filosofia politica al teatro, l’arte, la danza. Ferretti è nato a Roma e, dopo gli studi in architettura, ha girato il mondo, fermandosi a New York nel 2001, dove attualmente vive e dove sviluppa progetti artistici con poli museali americani.

Video e musica sono di Taylor Purdue, musicista e autore afroamericano, la presentazione e prefazione a cura di Daniela Bas, friulana, fino pochi mesi fa a capo della Divisione per le Politiche sociali e lo Sviluppo per le Nazioni Unite, dove per anni ha seguito progetti legati alla sostenibilità e all'inclusione.

La protezione della natura - scrive nella prefazione Bas - l’ambiente e le culture indigene sono temi cruciali che riguardano il mondo oggi. Questi temi hanno implicazioni significative per il nostro pianeta per il benessere dei suoi abitanti”.

Il progetto ‘A Better Planet, a Better World’ - continua - affronta queste sfide saldando il potere e la bellezza dell'arte per promuovere lo sviluppo sostenibile e la pace”.

Un team internazionale, ma molto italiano, fatto di eccellenze, protagonista dell’evento che, in questi giorni, sta raccogliendo un successo di pubblico su un tema che non ha scadenza.  AGI

Read 518 times

Utenti Online

Abbiamo 1001 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine