ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 31 Agosto 2023 08:29

Ovazione per Liliana Cavani, Leone d'oro alla carriera

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Liliana Cavani e Charlotte Rampling Liliana Cavani e Charlotte Rampling

La consegna del riconoscimento è stata introdotta da Charlotte Rampling, diretta dalla regista, oggi novantenne, in "Il portiere di notte". 

Un'ovazione ha salutato la regista Liliana Cavani, 90 anni, Leone d'oro alla carriera alla Mostra del cinema di Venezia.Il premio è stato preceduto da una introduzione della sua ex attrice Charlotte Ramplingche ha parlato del film 'Portiere di notte'. La regista è stata applaudita a lungo dalla sala. 

"Sono la prima persona donna a ricevere questo premio. Trovo che non sia del tutto giusto. Ci sono donne, sceneggiatrici, registe che lavorano bene al pari degli uomini e dobbiamo dargli la possibilità di essere viste. Il festival dovrebbe considerare anche che le donne possono fare bei film. Io sono la prima donna a ricevere il leone alla carriera. Serve equilibrio in questo senso e mi auguro che questo inizio abbia un seguito", ha detto Liliana Cavani ritirando da Roberto Cicutto, presidente della Biennale cinema, e da Charlotte Rampling il Leone d'oro alla carriera.

"L'annuncio del premio mi ha colto di sorpresa, pensavo di essere una sarta che ha solo un gruppo di clienti affezionati", ha detto la regista, che poi ha ricordato: "Ho iniziato a fare documentari con la Rai sulla guerra peggiore di sempre e per questo, di fronte alle immagini della seconda guerra mondiale, ho scoperto cose terribili. Non potete immaginare cosa ho potuto vedere".

L'insegnamento di De Sica e Bergman

"Per me è stata una cosa importante. La Storia è fondamentale - ha detto ancora - sempre dalla Storia ho ricevuto notizie di Francesco d'Assisi che parlava di pace durante le crociate. Devo al cinema il bello di poter comunicare i miei pensieri, me lo hanno insegnato in particolare due registi, Vittorio De Sica e Ingmar Bergman. Con loro (e anche con altri) il cinema è diventato pari se non superiore alla letteratura perché le immagini sono avvolgenti", ha detto.

Ha poi ringraziato Charlotte Rampling che è a Venezia per darle il premio ("io gliel'ho consegnato a Berlino", ricorda). "Quella di 'Portiere di notte' è stata un'esperienza profonda per tutti e tre: Charlotte (Rampling), Dirk (Bogarde) e io. Un film nato in parte durante le riprese", ha ricordato.

Liliana Cavani a 90 anni mantiene la grinta di sempre e rivendica così per le donne registe e sceneggiatrici la necessità di essere considerate - e premiate - come gli uomini. Nel suo discorso ovviamente faceva riferimento alla sua professione di regista quando lamentava il fatto di essere la prima donna a ricevere il Leone d'oro alla carriera.

Una critica giusta e assolutamente fondata, anche se leggermente imprecisa: su 25 registi (esclusi gli attori passati anche dietro la macchina da presa come Robert Redford o Roberto Benigni) premiati col Leone d'oro alla carriera dal primo consegnato a Ennio Morricone nel 1995 a oggi, la Cavani non e' l'unica donna. Prima di lei, infatti, nel 2020 un'altra donna era stata premiata, Ann Hui On-Wah, regista cinese di Hong Kong - nata da padre cinese e madre giapponese - una delle cineaste più acclamati nella scena new wave di Hong Kong.

Read 498 times

Utenti Online

Abbiamo 1005 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine