ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 07 Ottobre 2023 08:20

Disgelo tra Meloni e Scholz a Granada, strappo di Orban sui migranti

Written by  Stefano Benfenati
Rate this item
(0 votes)
 Scholz e Meloni a Granada Scholz e Meloni a Granada

Palazzo Chigi sottolinea l'"ottima cooperazione" con il cancelliere tedesco: appuntamento tra i due leader a fine novembre per il vertice intergovernativo. Sanchez: è stato accolto il punto chiesto dall'Italia. Von der Leyen: aggiunto un tassello cruciale. Scontento di Orban : "Nessuna intesa, siamo vittime di uno stupro giuridico." 

Il disgelo con la Germania e, allo stesso tempo, la mano tesa a Polonia e Ungheria ("capisco le loro posizioni") contrarie più che mai al Patto sulla migrazione e l'asilo: Giorgia Meloni si muove tra una ricucitura e uno strappo nei corridoi del palazzo dei congressi di Granada. Nel tardo pomeriggio la città si 'svuota' di poliziotti. Spariscono i mitra all'ingresso degli alberghi. Via le transenne nelle piazze. Sulle strade tornano i taxi e rimangono le bandiere dell'Ue e della Spagna.

La premier lascia il summit "soddisfatta" al termine di un lungo Consiglio informale europeo monopolizzato dal dossier migranti. "Scholz è consapevole del fatto che la strategia proposta dall'Italia è l'unica che può essere efficace. Mi ha detto che bisogna andare avanti", dice dopo il faccia a faccia con il cancelliere tedesco.

Dimensione esterna, lotta comune ai trafficanti e partenariati con gli Stati africani, sul modello della Tunisia, per bloccare le partenze all'origine: "una strategia chiara" rivendica Meloni su cui il consenso "è unanime" tra i Ventisette. E prima di lasciare il vertice un accenno anche alle questioni italianeil video sulla giudice Apostolico? "Non è dossieraggio. Era a una manifestazione in prima fila" osserva Meloni replicando ai giornalisti per poi definire "legittime" le domande sul pregiudizio o meno del magistrato nel decidere di non convalidare il trattenimento a Pozzallo di quattro migranti.

"Oggi ci troviamo in un Consiglio europeo in cui 27 Paesi sono d'accordo sul fatto che la priorità è fermare la migrazione illegale a partire della dimensione esterna" sottolinea la premier. Intanto Orban e Morawiecki (con cui c'è stato un bilaterale) 'amici politici' di Meloni puntano il dito contro il Patto sui migranti ("siamo vittime di uno stupro giuridico" accusa il leader ungherese) perché - lamentano - si sta procedendo a maggioranza qualificata anziche' all'unanimità. Tanto che nella dichiarazione finale del vertice è stata stralciata la parte sui migranti oggetto, a sua volta, del testo del presidente del Consiglio Ue, Charles Michel.

Uno strappo che non scompone la premier italiana perché, questo il suo ragionamento, si consuma nel 'vecchio' paradigma della dimensione interna e non sulla lotta ai trafficanti, 'cuore' della strategia del governo: il no dei due Paesi "è una cosa - sottolinea - che comprendo perfettamente ma non pregiudica il lavoro che stiamo facendo. L'Italia ha votato il Patto sulle migrazioni e l'asilo perché "le nuove regole sono per noi migliori delle precedenti. Ma per noi la redistribuzione non è la priorità. Le posizioni tra Italia, Polonia e Ungheria sono diverse perché sono diverse le condizioni geografiche".

"Con l'Africa una partnership completamente diversa"

L'asse con Sunak - quindi il perimetro allargato anche a Paesi extra Ue - e la ritrovata sponda con Berlino: sono i due fattori che hanno caratterizzato l'azione della Meloni nella due giorni spagnola. "Scholz - spiega la premier - mi ha confermato il sostegno che aveva già dato al nostro lavoro in Tunisia, è perfettamente consapevole del fatto che è l'unico lavoro che può dare risultati seri. Tutti dicono che quel lavoro deve essere replicato anche in altri Paesi".

Così come, sempre secondo Meloni, c'e' intesa con il cancelliere tedesco sull'importanza di destinare risorse nel nuovo bilancio Ue all'Africa con l'obiettivo di creare sviluppo e intervenire sulle prime cause del fenomeno migratorio. "Noi non possiamo andare in Africa per dire 'vi paghiamo per trattenere un problema che non vogliamo a casa nostra'. Occorre costruire con i Paesi africani una partnership completamente diversa per aiutare l'Africa a vivere di ciò che ha, perché è un continente estremamente ricco", spiega Meloni.

L'ultima domanda alla premier che ha incontrato i cronisti all'esterno del palazzo, è sui mercati. Teme gli alti rendimenti pagati sui titoli di Stato? "Io non sono preoccupata. Trovo che l'Italia sia un'economia molto solida e trovo che la serietà che questo governo sta dimostrando nello spendere le risorse che ha, in modo serio facendo leva sulla crescita economica venga compresa bene da tutti", ha risposto.

Von der Leyen: "Tassello cruciale del puzzle"

"La buona notizia è che due giorni fa abbiamo trovato un accordo in Consiglio sulla proposta di gestione della crisi. Congratulazioni alla presidenza spagnola. È molto importante perchè si tratta di un tassello cruciale del puzzle per il generale Patto sull'immigrazione e l'asilo. Speriamo quindi di riuscire a raggiungere presto il traguardo". Lo ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nella conferenza stampa al termine del vertice informale dei leader Ue a Granada, in Spagna. "Oggi abbiamo discusso soprattutto della parte operativa della gestione della migrazione. Come sapete, c'è il piano in 10 punti di Lampedusa, per reagire in tempi brevi agli eventi, ma anche l'approccio piu' strutturale a medio e lungo termine, come l'accordo con la Tunisia", ha ricordato.

"Il fatto importante a livello politico è l'accordo sul Regolamento per la gestione delle crisi" all'interno del Patto Ue sulla migrazione e l'asilo raggiunto mercoledì e "la presidente del Consiglio italiana ci aveva chiesto di inserire un punto nell'ordine del giorno di oggi" del vertice informale "in materia di migrazione, ma non dimentichiamo che il vertice di Granada è stato convocato per parlare soprattuto dell'agenda strategica, dell'allargamento e della competitiva dell'economia europea", ha affermato da parte sua il primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez, la cui nazione ha la presidenza di turno dell'Unione Europea. AGI

Read 449 times Last modified on Sabato, 07 Ottobre 2023 09:33

Utenti Online

Abbiamo 727 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« February 2024 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29