ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 11 Ottobre 2023 11:02

Scavano per la rete idrica e trovano una tomba romana a Giugliano (Na)

Written by  Serena Polizzi
Rate this item
(0 votes)
 I nuovi scavi archeologici I nuovi scavi archeologici

Una scoperta eccezionale a Giugliano in Campania, mentre si lavorava per la rete idrica dell'area flegrea. Trovate tracce di diversi riti di sepoltura in ambienti di grande rilievo artistico e storico perfettamente conservati. 

Una eccezionale tomba a camera, inviolata e in perfetto stato di conservazione, è stata scoperta all'interno di terreni coltivati nel Comune di Giugliano in Campania, nell'ambito del programma di lavori condotti da Acqua Campania S.p.A. per il 'Completamento e adeguamento del sistema di alimentazione idrica dell'area Flegreo Domitiana'.

Grazie a ricognizioni di superficie, in occasione delle indagini archeologiche preliminari prescritte dalla Soprintendenza per l'Area Metropolitana di Napoli, che hanno portato al riconoscimento di una dispersione di materiale di epoca storica, e a un'intuizione della dottoressa Simona Formola, funzionario responsabile per il territorio, è stato posizionato un saggio di scavo proprio in corrispondenza dell'area che si rivelerà densa di sepolture, con riti diversi (sia ad inumazione che ad incinerazione), che testimoniano il lungo utilizzo dell'area a scopi funerari, con più livelli di frequentazione, in un arco cronologico di almeno quattro secoli, dall'età repubblicana a quella imperiale romana.

Quasi a delimitazione dell'area di necropoli, la cresta di un muro in opera incerta, assai ben costruito, si è rivelato essere il fronte di una monumentale tomba a camera, con l'ingresso ancora ben sigillato dall'originale lastra di tufo di chiusura, appena intaccata sulla sommità per creare un varco e consentire evidentemente l'accesso in una successiva fase di utilizzo del mausoleo, ben chiusa infine con tegole.

Lo spettacolo che si è presentato agli occhi del Soprintendente Mariano Nuzzo, il primo ad accedere alla camera sepolcrale, dopo aver rimosso le tegole di chiusura, è stato quello di un momento cristallizzato nel passato di oltre 2000 anni fa.

"L'emozione che suscita il privilegio di una simile scoperta è indescrivibile - commenta Nuzzo - il lavoro che tiene la Soprintendenza impegnata nelle sue instancabili azioni di tutela e la passione profusa dagli archeologi sul campo, oggi finalmente hanno ricevuto un degno riconoscimento".

L'ambiente presenta il soffitto e le pareti affrescate, in perfetto stato di conservazione, con scene mitologiche, Ittiocentauri che sorreggono un clipeo sulla parete frontale, festoni che girano tutt'intorno la camera, e rappresentazioni figurate tra cui spicca un cane a tre teste, da cui la denominazione convenzionale del mausoleo come Tomba del Cerbero.

Tre klìnai dipinte, un'ara con vasi per libagioni, inumati ancora deposti sui letti funebri con ricco corredo, completano il quadro di una scoperta che, in questo territorio, non ha precedenti. L'area della necropoli si pone significativamente in un punto nevralgico dell'ager Campanus, nei pressi di assi centuriali noti, ed equidistante dagli antichi assi stradali della via Cumis-Capuam e della via per Liternum. In particolare, da una prima analisi del contesto, sembra che la zona possa gravitare nella sfera culturale e politica di quest'ultima. Le indagini e le attività di documentazione proseguono senza sosta. AGI

Read 690 times

Utenti Online

Abbiamo 1221 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine