ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 31 Ottobre 2023 07:44

Il testo della legge di bilancio arriva in Parlamento

Written by  Andrea Managò
Rate this item
(0 votes)
Vertici del governo al Senato Vertici del governo al Senato

Dopo la firma da parte del presidente Mattarella, il documento è stato trasmesso al Senato dove prenderà il via l'iter per la sua approvazione finale. 

Il testo bollinato della legge di bilancio, dopo la firma da parte del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, è stato trasmesso al Parlamento, con l'iter per l'approvazione che quest'anno prenderà il via dal Senato. La manovra 2024, dal valore di circa 24 miliardi di euro, è composta di 109 articoli e 6 allegati.

La maggioranza ha trovato un accordo su uno dei punti più contesi degli ultimi giorni: la cedolare secca per gli affitti brevi sarà elevata dal 21 al 26% solo "in caso di destinazione alla locazione breve di più di un appartamento per ciascun periodo d'imposta". Le bozze circolate negli ultimi giorni prevedevano invece che la nuova aliquota si applicasse a tutti gli immobili destinati ad affitto breve.

Forza Italia ha insistito particolarmente perché l'imposta venisse rivista al ribasso. La maggioranza conferma che non presenterà emendamenti al testo, con l'opposizione pronta ad offrire 'asilo' a coloro che tra i banchi dei partiti di governo non fossero concordi con questa impostazione.

Come cambia l'Iva

Cambia rispetto alle bozze anche la rivisitazione dell'Iva per i prodotti della prima infanzia e per l'igiene intima femminile. Dal prossimo anno anche i pannolini rientrano nel lotto di beni su cui l'Iva verrà portata dall'attuale 5 al 10%. Nei giorni scorsi in diverse bozze i pannolini erano stati collocati tra i prodotti con Iva che tornava al 22%.

L'Iva passa al 10% anche su: "Latte in polvere, estratti di malto, preparazioni per l'alimentazione dei fanciulli, per usi dietetici o di cucina, a base di farine, semolini, amidi, fecole o estratti di malto". Stessa aliquota anche per "assorbenti e tamponi destinati alla protezione dell'igiene femminile; coppette mestruali".

Spending review e fisco

Oltre all'ampliamento del deficit da 15,7 miliardi, ratificato con il via libera del Parlamento allo scostamento delle scorse settimane, la manovra reperisce fondi anche attraverso la spending review nei ministeri. Nel 2024 supera gli 821 milioni di euro la riduzione delle dotazioni finanziarie delle spese per i ministeri. L'importo andra' a salire fino a toccare circa 900 milioni nel 2026, per un totale di circa 2,5 mld di tagli nel triennio.

Il versante fiscale, altro fonte della polemica. Gli agenti della riscossione del fisco potranno avvalersi, "prima di avviare l'azione di recupero coattivo", di "modalita' telematiche di cooperazione applicativa e degli strumenti informatici", per l'acquisizione di tutte le informazioni necessarie, da chiunque detenute. La norma viene confermata dunque come concepita nella stesura delle ultime bozze. La prima versione del testo invece aveva sollevato polemiche sulla possibilita' di accesso diretto da parte del fisco ai conti correnti dei contribuenti morosi.

Il Ponte sullo Stretto e altri finanziamenti

Per consentire l'approvazione da parte del Cipess entro il 2024 del progetto del Ponte sullo Stretto di Messina, "nelle more dell'individuazione di fonti di finanziamento atte a ridurre l'onere a carico del bilancio dello Stato", la legge di bilancio "autorizzata la spesa complessiva di 11.630 milioni di euro, in ragione di 780 milioni per il 2024, 1.035 milioni per il 2025, 1.300 milioni per il 2026, 1.780 milioni per il 2027, 1885 milioni per il 2028, 1.700 milioni per il 2029, 1.430 milioni per il 2030, 1.460 milioni per il 2031 e 260 milioni per il 2032".

Ci sono 210 milioni di euro per il 2024 per finanziare 8 voci di investimento. Tra queste il contributo al Comune di Milano per il rimborso dei prestiti contratti per costruire le linee M4 ed M5. Sempre nel capoluogo lombardo figura la realizzazione del campus universitario nel sito che ha ospitato Expo 2015. Disponibili anche fondi per l'adeguamento della rete del sistema di emergenza del servizio sanitario regionale del Lazio. E una integrazione di risorse per i Giochi del Mediterraneo in programma a Taranto nel 2026.

Il taglio del cuneo

Tra i provvedimenti cardine contenuti nella prossima finanziaria: il taglio del cuneo fiscale confermato per il 2024 per i redditi medio bassi, con due fasce di applicazione. Presenti anche sgravi fiscali fino a 3 mila euro per le madri con almeno 3 figli. E poi la riduzione da 90 a 70 euro del canone Rai.

Il rifinanziamento con 600 milioni di euro della social card 'Dedicata a te' e il rinnovo da gennaio a marzo 2024 con 200 milioni del bonus sociale elettrico. E poi l'esclusione dei titoli di Stato, fino a un valore di 50.000 euro, dal calcolo dell'Isee. Tra le misure per finanziare i provvedimenti: il prezzo delle sigarette in salita in media di 10-12 centesimi a pacchetto. AGI

Read 893 times

Utenti Online

Abbiamo 980 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine