ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 09 Novembre 2023 07:37

Hamas, vogliamo lo stato di guerra permanente con Israele

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Soldato nella Striscia di Gaza Soldato nella Striscia di Gaza

In un'intervista al New York Times il consulente per i media del gruppo terroristico afferma che lo scopo è "rimettere sul tavolo la questione palestinese". 

Gli oltre 10 mila morti palestinesi, uccisi sotto i bombardamenti israeliani a Gaza, sono un costo prevedibile e necessario per Hamas che ha scatenato l'attacco del 7 ottobre per ribaltare il tavolo regionale: l'obiettivo non è governare la Striscia ma uno stato di guerra permanente con Israele. A dirlo, in un'intervista al New York Times a Doha, sono stati Khalil al-Hayya, membro del politburo del Movimento islamico, e Taher El-Nounou, consulente per i media.
Era necessario "cambiare l'intera equazione e non solo avere uno scontro", ha affermato al-Hayya, sottolineando che Hamas è stato in grado di "rimettere sul tavolo la questione palestinese, e ora nessuno nella regione è più tranquillo".

"Ciò che avrebbe potuto cambiare l'equazione era un grande atto e, senza dubbio, si sapeva che la reazione a questo grande atto sarebbe stata grande", ha aggiunto.

"Dovevamo dire alla gente che la causa palestinese non era morta. L'obiettivo di Hamas non è governare Gaza e portarle acqua, elettricità e cose del genere", ha proseguito al-Hayya, spiegando che "questa battaglia non è avvenuta perchè volevamo carburante o manodopera, non cercava di migliorare la situazione a Gaza. Questa battaglia mira a ribaltare completamente la situazione".

Da parte sua, Taher El-Nounou, consulente del Movimento per i media, ha espresso la speranza che "lo stato di guerra con Israele diventi permanente su tutti i confini e che il mondo arabo sia al nostro fianco". AGI

Read 544 times

Utenti Online

Abbiamo 682 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine