ANNO XVIII Marzo 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 13 Novembre 2023 08:20

La piccola Indi Gregory è morta

Written by 
Rate this item
(0 votes)
La manina di un neonato La manina di un neonato

Lo conferma all'AGI Simone Pillon, legale che ha seguito la famiglia della bimba, affetta da una patologia mitocondriale gravissima. Il governo italiano le aveva concesso la cittadinanza per consentirle di essere curata all’Ospedale Bambino Gesù di Roma. 

Indi Gregory è morta questa notte all'1.45.  Lo conferma all'AGI Simone Pillon, legale che ha seguito la famiglia della bimba. Il governo italiano le aveva concesso la cittadinanza per consentirle di essere curata all’Ospedale Bambino Gesù di Roma, uno scenario che non ha mai trovato realizzazione per via delle scelte dei tribunali inglesi.

A nulla è servita la lunga battaglia legale dei genitori che ora, parlando con i giornali, sottolineano la loro rabbia e la loro disperazione per la perdita della piccola. 

Indi Gregory, 8 mesi, era affetta da una patologia mitocondriale gravissima. Per i medici del Queen's Medical Centre di Nottingham e per i giudici britannici la sua malattia era terminale e per questo era stato disposto il distacco dai principali dispositivi vitali, dopo una lunga battaglia giudiziaria ingaggiata dai genitori, Dean Gregory e Claire Staniforth.

Sabato la piccola era stata trasferita sotto scorta in un hospice locale, le era stata interrotta la ventilazione assistita ed era stata agganciata a strumenti alternativi e le erano stati somministrati farmaci palliativi per alleviarne le sofferenze.

Le parole dei genitori

"Mia figlia è morta, la mia vita è finita all'1.45. Io e Claire siamo arrabbiati, affranti e pieni di vergogna": lo scrive in un messaggio, di cui l'AGI è in possesso, Dean Gregory, il papà di Indi.

"Il servizio sanitario nazionale e i tribunali non solo le hanno tolto la possibilità di vivere, ma le hanno tolto anche la dignità di morire nella casa di famiglia a cui apparteneva", aggiunge, "sono riusciti a prendere il corpo e la dignità di Indi, ma non potranno mai prendere la sua anima. Hanno cercato di sbarazzarsi di Indi senza che nessuno lo sapesse, ma noi ci siamo assicurati che fosse ricordata per sempre. Sapevo che era speciale dal giorno in cui è nata". AGI

Read 535 times

Utenti Online

Abbiamo 1037 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine