ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 14 Novembre 2023 08:16

Garante: mancano i requisiti per lo sciopero generale. Ma Cgil e Uil confermano la mobilitazione

Written by 
Rate this item
(0 votes)
 sciopero generale sciopero generale

I sindacati non ci stanno, ma Salvini avverte "pronto a imporre limitazioni". 

Il Garante degli scioperi conferma la sua posizione sulla sciopero nazionale proclamato per il 17 novembre da Cgil e Uil contro la manovra, ritenendo che mancano i requisiti dello sciopero generale. "All'esito dell'audizione odierna con le Confederazioni sindacali Cgil e Uil, in merito alla proclamazione dello sciopero nazionale del 17 novembre, la Commissione di garanzia - spiega una nota - ha ritenuto di confermare il contenuto del provvedimento adottato in data 8 novembre, ai sensi dell'articolo 13, lett. d) della legge n. 146/90".

"Lo sciopero, così come proclamato dalle Confederazioni sindacali (con esclusione di numerosi settori) non può essere considerato, come da consolidato orientamento della Commissione, quale sciopero generale, ai fini dell'applicazione della disciplina che consente delle deroghe alle normative di settore sui servizi pubblici (delibera n. 03/134)". "La Commissione di garanzia, con la decisione assunta - termina la nota - non intende in alcun modo mettere in discussione l'esercizio del diritto di sciopero, ma continuare ad assicurare l'osservanza delle regole che ne garantiscono il contemperamento con i diritti costituzionali della persona".

Secondo la Commissione di garanzia dell'attuazione della legge sull'esercizio del diritto di sciopero, quindi, lo sciopero indetto da Cgil e Uil non può configurarsi come generale perché esclude circa 16 settori ed è spalmato su 5 giorni: trattandosi di uno sciopero plurisettoriale deve rispettare le normative dei settori. La delibera del 2023 prevede una serie di deroghe alle normative solo in caso di sciopero generale; se non è tale, vanno applicate le singole discipline di settore, come la durata (non 24 ore) e la rarefazione.

Perciò lo sciopero non può aver luogo nel trasporto aereo e nel Corpo dei Vigili del Fuoco per la concomitanza di scioperi proclamati da altri sindacati. Solo infatti nello sciopero generale è eccezionalmente previsto che possano interrompere il servizio per 24 ore i lavoratori di tutti i mezzi di trasporto, aerei, navi, treni. Per rispettare le indicazioni della Commissione, Cgil e Uil dovrebbero quindi limitare lo sciopero a 4 ore nei trasporti escludendo il comparto del trasporto aereo. Se il sindacato non ottempera' alle limitazioni richieste, come minaccia la Uilt, vi è la possibilità che il ministro dei Trasporti precetti i lavoratori o che la Commisoine apra un procedimento di valutazione per applicare delle sanzioni.

Le reazioni dei sindacati

Cgil Uil hanno dichiarato: "confermiamo la proclamazione dello sciopero generale e le sue modalità di svolgimento per la giornata del 17 novembre. Non condividiamo la decisione assunta dalla Commissione di Garanzia. Si tratta di un'interpretazione che non riconoscendo la disciplina dello sciopero generale, mette in discussione nei fatti l'effettivo esercizio del diritto di sciopero sancito dalla Costituzione a tutte le lavoratrici ed i lavoratori".

Per la Uil"è singolare che il ministro dica una cosa e che questa cosa coincida esattamente con quello che dice la Commissione: sembra la commissione di garanzia del Governo del ministro Salvini. - e aggiunge Pierpaolo Bombardieri - Non abbiamo alcuna intenzione di rispettare i divieti della commissione di garanzia, del governo".

In serata è arrivata la replica del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salviniha affermato "se i sindacati non rispetteranno le regole, sarò io direttamente a imporre limitazioni orarie" e ha aggiunto "va bene uno sciopero di 4-5 ore, ma non si può fermare un Paese, tenerlo ostaggio, per un giorno intero". AGI

Read 755 times

Utenti Online

Abbiamo 965 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine