ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 23 Novembre 2023 09:52

Javier Milei: "Condanniamo la dittatura di Maduro"

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Javier Milei, presidente eletto dell'Argentina Javier Milei, presidente eletto dell'Argentina

Il presidente eletto dell'Argentina ha rifiutato gli aggettivi che il leader chavista gli ha fatto quando lo ha definito "neo-nazista". Ha anche criticato il discorso banale sull'Olocausto. 

Javier Milei, presidente eletto dell'Argentina, ha espresso chiaramente la sua condanna del regime di Nicolás Maduro in Venezuela e ha respinto gli epiteti con cui il leader chavista lo chiamava dopo la sua vittoria alle elezioni di domenica scorsa.

“Condanniamo la dittatura di Maduro, nonostante i termini molto inappropriati che lui (Nicolás Maduro) ha usato per descrivermi. Mi sembra che alcuni termini debbano essere sradicati, questa banalizzazione dell'Olocausto mi irrita", ha detto l'economista in un'intervista al quotidiano argentino La Nación.

Lunedì, nel corso del suo programma settimanale Con Maduro +, il funzionario ha affermato che in Argentina "ha vinto l'estrema destra neonazista" e ha precisato che "si tratta di un progetto coloniale" che intende realizzare in tutta l'America Latina e nei Caraibi.

“Dal Venezuela diremo sempre la nostra verità. Rispettiamo il voto del popolo argentino, ha voluto darsi quel governo; Agli argentini diciamo: avete deciso, ma non rimarremo in silenzio perché l'arrivo di un estremista di destra con un progetto assolutamente coloniale, inginocchiato al colonialismo nordamericano, che cerca di porre fine allo Stato e ai diritti sociali è un una minaccia tremenda", ha assicurato Maduro.

“Intende affermare nel continente quello che fu il progetto ultraneoliberale che si impose negli anni '70 con i colpi di stato (in Cile) di Augusto Pinochet, di Jorge Rafael Videla in Argentina, in Uruguay, imponevano un modello di Stato , hanno negato tutti i diritti sociali e hanno attuato uno Stato repressivo, paramilitare e parapoliziesco. Dobbiamo averlo come riferimento. Quindi il Venezuela rimane una trincea di verità, giustizia e diritti", ha aggiunto.

"Sono tutti ugualmente poveri"

Negli ultimi mesi, Javier Milei aveva già espresso il suo disappunto nei confronti di Maduro e delle sue politiche imprevedibili che hanno portato il Paese in rosso. In un'intervista a El Trece, il presidente eletto ha criticato il caos economico nel paese causato dal regime socialista in Venezuela.

“Il Venezuela era un Paese in cui ogni abitante aveva sotto i piedi 1 milione di dollari in petrolio. Da sei anni non smette di cadere e perde il 70% del suo prodotto interno lordo. Non solo, ha il 96% di poveri, il 79% di indigenti; Vivono con uno stipendio di 0,72 centesimi al giorno. Ma sì, hanno raggiunto l’uguaglianza: sono tutti ugualmente poveri”, ha detto.

Read 598 times Last modified on Giovedì, 23 Novembre 2023 10:43

Utenti Online

Abbiamo 1014 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine