ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 28 Novembre 2023 09:47

Filippo Turetta oggi davanti al gip. L'avvocato: "Non chiederò i domiciliari"

Written by  Manuela D'Alessandro
Rate this item
(0 votes)
 Filippo Turetta Filippo Turetta

L'interrogatorio di garanzia fissato alle 10. Il 21enne, accusato dell'omicidio di Giulia Cecchettin, ha incontrato ieri in carcere il proprio difensore. 

L'inchiesta sull'omicidio di Giulia Cecchettinpotrebbe essere giunta oggi a un punto di svolta. Questa mattina alle 10 l'ex fidanzato Filippo Turetta, arrestato in Germania dopo una fuga di mille chilometri, sarà chiamato a dare la sua versione dei fatti nell'interrogatorio di garanzia davanti al gip Benedetta Vitolo.

Tre le strade possibile che ha l'indagato, difeso da Giovanni Caruso: rispondere al magistrato, restare il silenzio oppure rendere dichiarazioni spontanee. Dopo averlo incontrato nel carcere di Verona, il legale ha fatto riferimento esplicito con i giornalisti solo alle prime due opzioni: "Non anticipo alcunché per rispetto dell'autorità giudiziaria, se si avvarrà o meno della facoltà di non rispondere".

L'incontro in cella di ieri tra lo studente ventunenne e il penalista è durato circa tre ore. Togliendo la parte burocratica che sempre si accompagna alle visite in carcere e al tempo dedicato dall'avvocato a sincerarsi delle condizioni del detenuto, non ne è rimasto molto per 'preparare' un interrogatorio che si presenterebbe assai complicato visto il 'peso' degli indizi raccolti contro Turetta dall'accusa. L'avvocato Caruso, docente di diritto penale all'Università di Padova, potrebbe orientarsi sulla scelta più prudente, prendere tempo e far decantare anche a livello mediatico l'attenzione su un caso che ha scosso l'opinione pubblica.

Nel frattempo, ha assicurato che non avanzerà alcuna istanza al Tribunale del Riesame, nemmeno per ottenere gli arresti domiciliari che molto difficilmente sarebbero accolti. E neppure ha fatto cenno a una possibile richiesta di perizia psichiatrica da sollecitare in questa fase con la formula dell'incidente probatorio.

Più 'facile' potrebbe essere la strada della richiesta per una consulenza di parte sulle condizioni psichiche del ragazzo che ha incontrato nel carcere di Montorio uno psicologo, un educatore e il cappellano ed è apparso, stando a quanto riferito all'AGI, in buone condizioni compatibilmente a quanto successo e allo choc della prigione.

Nei giorni successivi al confronto col gip, il pm Andrea Petroni lo riconvocherà. Anche in quel caso, potrebbe decidere di sfruttare la possibilità, che spetta a ogni indagato, di non rispondere.

Proseguono le indagini, asse Roma-Berlino

Nel frattempo proseguono le indagini, anche sull'asse Italia-Germania. Saranno i Ris di Parma a svolgere gli accertamenti sui due coltelli, uno trovato nel parcheggio di Vigonovo e l'altro nell'auto di Turetta, sul guanto, sulle tracce repertate sull'asfalto e sulle macchie di sangue che sarebbero state trovate nella Punto dell'indagato. In corso anche gli accertamenti sul libro per bambini posato accanto al corpo senza vita di Giulia e per capire se la ragazza avesse le mani legate col nastro adesivo, ipotesi al momento smentita dagli inquirenti.

A quanto viene spiegato da una fonte qualificata "il capo d'imputazione è fluido", non cristallizzato alle accuse di sequestro di persona e omicidio aggravato dal vincolo affettivo tra Turetta e Cecchettin.

Se Turetta non dovesse scegliere la facoltà di non rispondere dopo che il gip avrà esaurito le sue domande, il pm stesso potrebbe incalzare l'indagato con quesiti attinenti alle novità investigative.

Tra queste, il coltello, i 300 euro e il guanto trovati nella Grande Punto nera del ragazzo che potrebbero portare a contestare l'aggravante della premeditazione assieme ad altri elementi affiorati con gli accertamenti più recenti, tra cui l'acquisto di un nastro adesivo alcuni giorni prima dei fatti che sarebbe stato usato per 'zittire' Giulia durante l'aggressione. Al momento il capo d'imputazione non contiene l'aggravante della premeditazione. AGI

Read 414 times

Utenti Online

Abbiamo 839 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine