ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 12 Gennaio 2024 10:42

Per l'ex Ilva si valuta un "divorzio consensuale" con ArcelorMittal

Written by  Andrea Managò, Stefano Benfenati
Rate this item
(0 votes)
stabilimento Ilva, Taranto stabilimento Ilva, Taranto

Incontro tra governo e sindacati a Palazzo Chigi. Il colosso siderurgico indiano detiene il 62% di Acciaierie d'Italia, mentre la partecipazione pubblica di Invitalia è al 38%. L'obiettivo dell'esecutivo è la continuità produttiva dello stabilimento. Nuovo tavolo il 18 gennaio. 

Il governo lavora alla possibilità di un '"divorzio consensuale" da ArcelorMittal per provare a dare un futuro all' ex Ilva. L'ipotesi ha preso forma nel corso del vertice che si è tenuto in serata a Palazzo Chigi tra il governo e le parti sociali. Si starebbe studiando lo scenario di una soluzione negoziale che eviti un probabile lungo contenzioso legale. I legali sono al lavoro, esecutivo e parti sociali torneranno a incontrarsi mercoledì 18 gennaio per riferire l'esito delle trattative in corso. Il governo sottolinea che il suo primo obiettivo è "la continuità produttiva dell'azienda".

Il colosso indiano detiene il 62% di Acciaierie d'Italia, il più grande polo siderurgico nazionale, mentre la partecipazione pubblica al momento è al 38% tramite Invitalia. L'azienda da mesi ha necessità di una iniezione di liquidità per andare avanti e garantire la stabilità occupazionale di un polo che complessivamente conta 20 mila lavoratori incluso l'indotto. Nei giorni scorsi ArcelorMittal ha prima comunicato al governo la sua indisponibilità a far salire al 66% le quote in mano ad Invitalia tramite un aumento di capitale da 320 milioni, poi ha aperto a questo scenario chiedendo però che il controllo societario rimanesse condiviso. Ora si apre la strada di un possibile controllo pubblico, magari in amministrazione straordinaria, accompagnato dalla ricerca di nuovi investitori.

Per il Governo al tavolo a Palazzo Chigi i ministri per gli Affari europei Raffaele Fitto, delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso, del Lavoro Marina Calderone, dell'Economia Giancarlo Giorgetti (in videocollegamento) e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano. Per le parti sociali i segretari generali di Fiom-Cgil, Fim-Cisl, Uilm, Usb e Ugl.

Il governo intende "invertire la rotta cambiando equipaggio e delineando un piano siderurgico nazionale che sia costruito su quattro poli complementari attraverso un progressivo rinnovamento, modernizzazione e specializzazione degli impianti esistenti", sottolinea Urso. Il titolare del Mimit auspica: "Una svolta netta rispetto alle vicende per nulla esaltanti degli ultimi dieci anni".

Le reazioni delle parti sociali

"Il governo ha detto che l'incontro con i vertici di Mittal ha chiarito che non si può proseguire con la gestione condivisa di Acciaierie d'Italia e ci ha confermato che in queste ore i tecnici di Invitalia e i tecnici di Mittal stanno lavorando su 3 punti: il divorzio consensuale, che ridurrebbe il pericolo di un contenzioso futuro, la continuità aziendale e produttiva, anche se la forma ancora non è stata definita, che è pronto anche senza i Mittal a mettere le risorse necessarie per il rilancio", chiarisce il segretario Generale Fim Cisl Roberto Benaglia.

"Da oggi e fino a mercoledì il Governo lavorerà per divorziare da ArcelorMittal, si spera in maniera consensuale. Si attende il parere dei legali per arrivare alla scelta definitiva", aggiunge Rocco Palombella, segretario generale Uilm.

"Finalmente il governo ha deciso di non tornare indietro e di procedere sulla strada di assumere la gestione dell'azienda. Questo è il punto su cui con i lavoratori e le lavoratrici abbiamo insistito: salvaguardare il futuro occupazionale dell'azienda e l'ambiente. Oggi il governo ha risposto anche alla nostra richiesta di mettere in sicurezza anche da un punto di vista della salute", argomenta il segretario della Fiom-Cgil Michele De Palma. Palazzo Chigi riferisce di aver dato "massima disponibilità, una volta chiuso il confronto con ArcelorMittal, a far partire presso il Ministero del Lavoro un tavolo per approfondire tutti gli aspetti legati all'occupazione e alla sicurezza sul lavoro".

Per il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, invece, "la nazionalizzazione dell'ex Ilva ha un senso se tu hai in mente delle proposte del futuro. Non credo sia la strada finale, se è un ponte ha un senso. Se invece deve essere solo in una logica elettorale allora non va bene". Per il leader degli industriali: "Si sono trovate soluzione per comprare tempo, ora i nodi vengono al pettine. Da 4 anni continuo a dire che il Paese deve scegliere se l'acciaio è importante o meno". AGI

Read 801 times

Utenti Online

Abbiamo 819 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine