ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 23 Febbraio 2024 13:30

Si teme una strage per il rogo che ha devastato due grattacieli a Valencia. Già 4 morti, ma i dispersi sono 14

Written by 
Rate this item
(0 votes)
 L'incendio a Valencia L'incendio a Valencia

L'incendio, divampato ieri pomeriggio, non è ancora stato domato e non è possibile entrare negli edifici. I corpi delle vittime individuati grazie ai droni. Le fiamme, che si sono sviluppate in un palazzo di 14 piani, si sono rapidamente estese a una costruzione vicina.

Sono 14 i dispersi nell'incendio che ha devastato due condomini di Valencia, in Spagna. Il numero delle vittime accertate resta fermo a 4, anche se i vigili del fuoco non sono ancora riusciti a entrare nella struttura dove, ha detto il sindaco Maria Jose Catala vivono degli stranieri, il che rende più difficile la localizzazione. 

I feriti che sono stati curati sono 15, di cui solo sei sono ricoverati in ospedale - cinque dei quali vigili del fuoco - ma nessuno di loro e' in pericolo di vita, come ha spiegato il presidente della Generalitat, Carlos Mazon, che ha riferito decreto' tre giorni di lutto in tutta la Comunità Valenciana. 

Le vittime non sono state finora identificate e sono stati istituiti due punti di assistenza, uno per assistere i parenti delle persone scomparse e un altro per aiutare le persone che hanno perso tutto nell'incendio, mentre sono 36 gli abitanti dell'edificio colpito che hanno trascorso la notte in un albergo. 

Incendio a Valencia

L'incendio, di grandi proporzioni, ha consumato due condomini contigui di 14 e 10 piani che contavano 138 appartamenti e dove vivevano circa 450 persone.

L'incendio, scrive El Pais, ha generato una grande colonna di fiamme e fumo denso. In appena mezz'ora le fiamme hanno interessato l'intero edificio, terminato nel 2008 all'incrocio tra i viali Maestro Rodrigo e Rafael Alberti. Poi si sono propagate con una velocità vertiginosa attraverso le lastre di alluminio della facciata, rivestite di poliuretano, materiale altamente infiammabile, come ha confermato Esther Puchades, vicepresidente del Collegio degli Ingegneri tecnici industriali di Valencia, che ha effettuato una perizia nello stesso edificio. Ad alimentare l'incendio ha contribuito anche il forte vento da ponente. Immediatamente si è formata una densa ed enorme colonna di fumo nero che ha reso difficile la respirazione e offuscato la vista. 

Un ospedale da campo è stato allestito sul posto in previsione della possibilità che il numero di feriti fosse elevato. Verso le nove di sera, la polizia ha iniziato a radunare gli inquilini dell'immobile per procedere alla loro identificazione. I servizi medici di emergenza hanno assistito 14 feriti dall'incendio di Campanar, sei di questi sono vigili del fuoco, nove sono uomini, di età compresa tra i 25 e i 57 anni; 4 sono donne, tra i 27 e gli 81 anni e un minore di nemmeno 7 anni. A eccezione di due donne che sono state curate sul posto, gli altri feriti sono stati trasferiti in diversi centri ospedalieri della città. 

Il complesso residenziale distrutto dalle fiamme era costituito da due blocchi uniti e occupano un isolato indipendente, separato dal resto degli edifici del quartiere, che non sono stati interessati dalle fiamme. 

Sette ore dopo l'inizio dell'incendio, iniziato al settimo piano, le fiamme erano ancora alte e la temperatura è così elevata che è impossibile entrare nell'edificio. Frammenti incendiati di copertura del palazzo sono stati spinti dal vento a diversi metri di distanza.

Gli abitanti della zona si sono mobilitati per portare vestiti, coperte e cibo alle persone colpite.  AGI

Read 554 times

Utenti Online

Abbiamo 897 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine