ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 02 Aprile 2024 15:17

Sostituire Edmundo con Yoris, la strategia di María Corina alle elezioni presidenziali

Written by 
Rate this item
(0 votes)
il candidato ammesso dal CNE Edmundo González, Maria Corina Machado leader dell'Opposizione Venezuelana, Corina Yoris candidata dell'Opposizione non ammessa dal CNE il candidato ammesso dal CNE Edmundo González, Maria Corina Machado leader dell'Opposizione Venezuelana, Corina Yoris candidata dell'Opposizione non ammessa dal CNE

Le leggi venezuelane sono molto chiare, abbiamo fino a 10 giorni prima delle elezioni per sostituire il candidato e la lotta è dura", ha detto il leader dell'opposizione. La sua alternativa, basata sull'articolo 63 della Lopre, non sarebbe priva di pericoli. L'ingresso di Yoris alle elezioni dipenderà dalla decisione del CNE. 

María Corina Machado, in un messaggio alla nazione questa domenica 31 marzo, ha spiegato che la strada da seguire verso le elezioni presidenziali è quella di mantenere il periodo di sostituzione dei candidati, che inizierà lunedì 1 aprile e terminerà il 20 stesso mese. 

 

Anche se non ha fatto un nome specifico, si capisce che si tratta di Edmundo González, iscritto all'organo di governo dal Democratic Unity Roundtable (MUD) e considerato un “candidato di copertura” in attesa di finalizzare il suo cambio per Corina Yoris. 

 

Machado ha sottolineato che, secondo la legge venezuelana, il cambio di candidato è consentito fino a 10 giorni prima delle elezioni. 

 

A questo proposito, il giornalista e direttore di Votoscopio, Eugenio Martínez, ha sottolineato che l'alternativa sarebbe possibile, anche se con i dovuti rischi. “La proposta di MCM di aspettare fino al 18 luglio si concentra sull'articolo 63 della Lopre. Questa strategia non è priva di pericoli. 

 

Nessuna sostituzione o modifica dei candidati dopo il 20A si rifletterà negli strumenti di voto (e ovviamente dovrà essere approvata dal CNE)”, ha spiegato lo specialista. Il processo, anche se realizzabile, sarà deciso dal Consiglio Elettorale Nazionale (CNE). 

 

In una prima fase bisognerà attendere la reale accettazione da parte dell'organo direttivo della richiesta di González di iscriversi alla corsa. Ciò avverrà lunedì 1 aprile, quando il rettore Elvis Amoroso annuncerà quali candidature sono state respinte e quali sono state ammesse dall'organizzazione. Una volta completato questo passaggio, Edmundo potrà richiedere la sua dovuta sostituzione con Corina Yoris. 

 

Tuttavia, il politologo assicura che "la prima cosa è ricordare che questa è una decisione politica del governo venezuelano". Nella direzione che Nicolás Maduro permette, direttamente o indirettamente, c'è anche un ultimo dettaglio di cui ha parlato il deputato Diosdado Cabello: il CNE potrebbe esigere che il sostituto di González sia un candidato precedentemente registrato nel processo elettorale. Ciò comporterebbe l'esclusione di Corina Yoris ancora una volta. 

 

“Se il CNE ammetterà la nomina di González (la decisione dovrà essere comunicata tra oggi e il 1° aprile), il MUD potrà chiedere la sostituzione di González con Yoris seguendo le disposizioni dell'articolo 64 della Legge Organica sui Processi Elettorali, ma, in via informale, il Governo ha informato la Piattaforma Unitaria che non ammetterà sostituzione di candidature se non in caso di adesioni da parte di candidati ammessi. #27M Diosdado Cabello ha assicurato che questo tipo di sostituzione non è consentita dalla legge", ha aggiunto Martínez sul social network X. 

 

Tuttavia, María Corina ha invitato questa domenica ad attendere i 122 giorni che mancano all'incontro elettorale. “Non è vero che loro (il governo venezuelano) possono fare quello che vogliono e imporci le loro condizioni, cambiando le regole. Le leggi venezuelane sono molto chiare, abbiamo fino a 10 giorni prima delle elezioni per sostituire il candidato e la lotta è dura. Adesso c’è tempo”, ha detto Machado. 

 

Nella migliore delle ipotesi, dice Eugenio Martínez, la Piattaforma Unitaria riuscirebbe a cambiare il candidato da Edmundo González a Corina Yoris, ma senza effetti immediati sullo scrutinio elettorale. 

 

Ciò avrebbe come conseguenza che, al momento del voto del 28 luglio, la macchina del CNE manterrebbe il nome del politico, ma indicherebbe Yoris come beneficiario. “Anche se la legge lo consente, va notato che qualsiasi cambiamento dopo il 20 aprile non si rifletterà negli strumenti di voto”, ha detto il direttore di Votoscopio.

Read 591 times

Utenti Online

Abbiamo 721 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine