ANNO XVIII Giugno 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 09 Aprile 2024 16:17

La mostra su Manzù a Palazzo Ripetta, nuova linfa alla Fondazione

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Mostra a Palazzo Ripetta Mostra a Palazzo Ripetta

Centinaia di persone hanno affollato ieri gli spazi di quello che nel Seicento era un antico convento nell'ambito di Open House, la tradizionale rassegna che ormai da 12 anni apre per una settimana luoghi di solito chiusi al pubblico.

Centinaia di persone hanno affollato ieri Palazzo Ripetta, a Roma, e con l'occasione molti di loro hanno goduto di una mostra dedicata a Giacomo Manzu'. Nell'ambito di Open House, la tradizionale rassegna, che ormai da 12 anni apre per una settimana luoghi di solito chiusi al pubblico (dimore, ambasciate, giardini), Palazzo Ripetta ha messo a disposizione del pubblico gli spazi di quello che nel Seicento era un antico convento e le opere della collezione d'arte aziendale. E contemporaneamente ha aperto una mostra dedicata allo scultore, una mostra costruita attorno a uno dei 'pezzi' nella collezione, un Cardinale, e presentata insieme a Giulia, la figlia dell'artista. Proprio Giulia Manzu' ha annunciato "importanti novita'" inerenti la Fondazione voluta dalla famiglia per tutelare e conservare il patrimonio di documenti e opere dell'artista: non ha reso noto la natura dei cambiamenti avvenire ma ha anticipato che saranno presto resi pubblici e che garantiranno "passi in avanti costruttivi", probabilmente la sistematizzazione dell'archivio documentale e del patrimonio artistico. 

La rassegna dedicata allo scultore che ha creato le famose Porte (quella di Salisburgo, dedicata all'Amore; quella di Rotterdam sulla Pace e la Guerra, quella celeberrima della Morte, per la Basilica di San Pietro) ruota attorno ad alcuni dei temi iconici della sua produzione artistica. Sono esposti bronzi, una rara acquaforte, uno straordinario 'Busto di Inge' in resina e gesso, ritratto della musa ispiratrice, la moglie tanto amata, Inge. 

"E' pezzo mai uscito di casa", ha raccontato Giulia Manzu', che ha ricordato anche la fatica di posare quando era bambina, insieme al fratello (bellissima la serie che Manzu' dedico' a Giulia e Mileto che giocano in carrozza). "Era rigoroso, esigente, anche burbero e per noi non era facile comprendere il significato di quello che chiedeva", ha detto. La mostra, realizzata anche grazie alla sponsorship di Credem Euromobiliare, sara' aperta al pubblico anche nel prossimo week-end di aprile; ed e' stata presentata con un vernissage, ospiti Barbara Cinelli, storica dell'arte e Miriam Mirolla, docente di psicologia dell'arte alla vicina Accademia di Belle Arti. Proprio Cinelli ha ricordato il tortuoso cammino che porto' Manzu' a creare la Porta della Morte: prima le difficolta' con la Commissione dei Vaticano, che non digeriva temi giudicati scandalosi nella sua produzione artistica; poi lo sprone e l'incitamento arrivato da Giovanni Paolo XXIII, grande amico dell'artista e suo conterraneo (erano entrambi originari di Bergamo). La mostra si accompagna a un concorso aperto agli studenti dell'Accademia di Belle Arti di via di Ripetta e delle universita' La Sapienza e Roma Tre: un 'contest' per giovani artisti che potranno esprimersi liberamente reinterpretando il Cardinale attraverso qualsiasi media (fotografico/tool digitale). L'opera prescelta sara' esposta temporaneamente al museo Giacomo Manzu': un'occasione per gli studenti ma anche un modo efficace di declinare il mecenatismo, come ha osservato Miriam Mirolla. AGI

Read 471 times

Utenti Online

Abbiamo 640 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine