ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 10 Aprile 2024 16:22

Il Venezuela arresta Tareck El Aissami, ex ministro del Petrolio venezuelano, per “crimini molto gravi”

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Tareck El Aissami, ex ministro del Petrolio venezuelano Tareck El Aissami, ex ministro del Petrolio venezuelano

Accusato di partecipazione a un complotto per colpire l'economia.

Colpo di scena in Venezuela dove oggi il procuratore generale Tarek William Saab ha annunciato l'arresto dell'ex ministro del Petrolio, Tareck El Aissami, di cui non si avevano notizie da un anno, con l'accusa di partecipazione ad un complotto di corruzione nel settore petrolifero contro l'economia venezuelana.
   

In una conferenza stampa a Caracas, il procuratore ha aggiunto che insieme a El Aissami è stato anche arrestato uno dei suoi uomini di massima fiducia, Simón Alejandro Zerpa, ex ministro dell'Economia e delle Finanze ed ex presidente del Fondo nazionale di sviluppo (Fonden).
   

Inoltre, è finito in cella anche una terza personalità di rilievo nel ruolo di prestanome, l'uomo d'affari Samark López Bello, che ha agito attraverso una banca digitale, in qualità di operatore finanziario del gruppo, per fornire denaro e contanti digitali "per le operazioni dell'associazione mafiosa".

Davanti ai giornalisti il procuratore Saab ha assicurato che il piano del gruppo, che aveva agenti anche a Washington e a Miami, "era di demolire l'economia venezuelana, già in ginocchio per le sanzioni".

Mostrando la foto dell'ex ministro El Aissami ammanettato e scortato da agenti della sicurezza, il procuratore ha sostenuto che questo prova che in Venezuela "nessuno è al di sopra della legge". cosi riporta l'Ansa.

L'ex ministro del Petrolio venezuelano ed ex presidente dell'azienda statale Petróleos de Venezuela (PDVSA) Tareck El Aissami è stato arrestato a Caracas accusato di aver commesso “crimini molto gravi”, ha annunciato il procuratore generale del Paese caraibico, Tarek William Saab. Allo stesso modo, sono stati arrestati Simón Zerpa e Samark López, entrambi legati a El Aissami nel complotto di corruzione cripto-PDVSA. "Sulla base delle recenti denunce di almeno cinque testimoni che sono stati successivamente ascoltati dai nostri pubblici ministeri, siamo riusciti a rivelare la partecipazione" dei suddetti all'appropriazione indebita della compagnia petrolifera venezuelana, ha detto il pubblico ministero in un discorso trasmesso dallo Stato. di proprietà della compagnia petrolifera venezuelana della televisione (VTV). “Ricordiamo che questo caso è iniziato nel marzo 2023. A quel tempo, è stato possibile individuare e smantellare una rete di funzionari, molti dei quali presidenti della PDVSA, che hanno utilizzato le loro posizioni per effettuare operazioni petrolifere illegali. Ciò è stato fatto attraverso l’assegnazione di carichi di petrolio greggio alla Soprintendenza Nazionale delle Criptoattive e a privati, senza alcun tipo di controllo o garanzia amministrativa, non rispettando le norme contrattuali di Petróleos de Venezuela”, ha aggiunto Saab. Su questa base ha sottolineato che i detenuti hanno attuato una “cospirazione economica per generare l’ascesa del dollaro parallelo” attraverso l’uso di valute digitali. Allo stesso modo, ha sostenuto che tutti hanno “legami” con “l’asse Miami-Washington”. “Appena li hanno arrestati ci hanno informato da lì che erano già a conoscenza”. Il procuratore generale ha sostenuto che tutti coloro che sono coinvolti nel complotto corrotto ricevano una punizione “esemplare e implacabile”. “Potrebbero arrivare una terza fase (dell’indagine) e nuovi arresti”, ha avvertito. Cosi da la notizia la stampa venezuelana

Read 761 times

Utenti Online

Abbiamo 931 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine