ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 10 Aprile 2024 23:03

La Sapienza tra le migliori università al mondo in studi classici

Written by 
Rate this item
(0 votes)
 Università di Roma La Sapienza Università di Roma La Sapienza

Lo storico ateneo è tra le eccellenze citate nella classifica QS Quacquarelli Symonds. Nella lista figurano Harvard, Oxford e l'MIT. La Luiss si conferma nella Top 20 mondiale e fa il suo ingresso nelle migliori 50 al mondo per il Marketing. Il nostro Paese settimo al mondo, secondo in Ue. Tra le eccellenze Medicina a Milano.

QS Quacquarelli Symonds, l'analista internazionale della formazione universitaria, ha pubblicato la quattordicesima edizione della QS World University Rankings by Subject. La classifica fornisce un'analisi comparativa indipendente sulle prestazioni di oltre 1500 università in 96 Paesi e territori, in 55 discipline accademiche e cinque ampie aree di studio. Fanno parte della serie annuale di QS World University Rankings, che nel 2023 è stato consultato oltre 60 milioni di volte su TopUniversities.com e coperto 124.000 volte dai media di tutto il mondo. I risultati vedono le università statunitensi in testa in 32 discipline, il doppio del concorrente internazionale più vicino, il Regno Unito, con 16 discipline. L'Università di Harvard è l'istituzione più performante al mondo, con il primo posto in 19 discipline. 

Segue il MIT Massachusetts Institute of Technology, che primeggia in 12 discipline. In Europa la prima in numero di materie è l'Università di Oxford con 4 discipline (il doppio della storica rivale Cambridge e del Royal College of Music) mentre unica italiana è La Sapienza di Roma (per studi classici e storia antica). La classifica QS comprende ora 56 università italiane, per un totale di 577 piazzamenti in classifica - con un aumento netto di 47 rispetto all'edizione precedente - in 55 discipline accademiche, tra cui Musica, la new-entry di questa edizione. Si conferma nella Top 20 mondiale la Libera università internazionale degli studi sociali (Luiss) e prima a livello nazionale per gli studi politici e internazionali. Inoltre la Luiss fa il suo ingresso nelle migliori 50 al mondo per il Marketing

Tra questi elenchi, ci sono 71 nuovi piazzamenti italiani. Per quanto riguarda le performance, il 45% dei posti italiani in classifica è rimasto stabile, il 19% ha registrato un miglioramento, mentre il 24% ha subito un calo, con una leggera flessione complessiva del -5% rispetto all'anno scorso. Inoltre, le università italiane si sono aggiudicate 99 posizioni (3 in più rispetto alla scorsa edizione) nelle cinque grandi aree di studio: arti e scienze umane, ingegneria e tecnologia, scienze della vita, scienze naturali e scienze sociali. A livello globale, l'Italia si colloca al settimo posto per numero di ingressi in classifica e all'ottavo per numero di università presenti. Una ripartizione dettagliata delle classifiche per livello - tra cui n. 1, top 10, top 20, top 50, top 100 e top 200 - per i Paesi dell'Unione Europea presenti in questo studio vede l'Italia occupare la seconda posizione per numero di posti in classifica complessivi, dietro solo alla Germania. 

Tra questi spicca La Sapienza - Università di Roma, che mantiene la sua leadership mondiale negli studi classici e di storia antica, a testimonianza dell'eccellenza accademica italiana. 

In un confronto più mirato all'interno dell'Ue, l'Italia si colloca al secondo posto per numero di inserimenti nella top ten mondiale delle materie, con otto inserimenti, subito dopo i Paesi Bassi, in testa con 13 inserimenti. In particolare, l'Italia risulta essere il nono miglior sistema di formazione universitaria a livello globale tra i 96 Paesi e territori classificati, in termini di piazzamenti nelle prime 10 posizioni. I suoi otto posti in classifica eguagliano quelli della Cina - nonostante la Cina abbia un numero di università classificate più che doppio rispetto all'Italia - e superano di tre posizioni quelle di Germania, Francia e Giappone. 

Al di fuori dell'Ue, nell'Europa continentale, la Svizzera si distingue per essere al terzo posto a livello globale per numero di piazzamenti nella top ten, con 31 voci. Questo dato colloca la Svizzera subito dopo il Regno Unito e gli Stati Uniti, evidenziando il suo impatto significativo sulla formazione universitaria globale. La Sapienza di Roma, Bologna e Padova sono le università italiane più rappresentate nella classifica, con rispettivamente 47, 46 e 37 voci.

Seguono da vicino l'Università degli Studi di Milano e l'Università degli Studi di Napoli - Federico II, che completano la top five con una gamma diversificata di materie classificate. Il Politecnico di Milano si distingue per il maggior numero di nuovi ingressi in Italia quest'anno, per un totale di otto, che portano il suo totale a 23. In particolare, entra al 12 posto per Ingegneria del Petrolio, al 23 posto per Data Science e Intelligenza Artificiale e rientra nella fascia 51-100 per Studi sullo Sviluppo. L'Università Bocconi vede un'espansione significativa con l'aggiunta di sei nuove discipline, più che raddoppiando il suo precedente totale a 11. 

Debutta tra i primi 50 al mondo in Politica e amministrazione sociale, con la 38a posizione, e in Giurisprudenza, con la 57a. L'Università di Padova e l'Università di Torino introducono ciascuna cinque nuove discipline in classifica, potenziando il proprio riconoscimento accademico internazionale. Ora sono presenti rispettivamente in 37 e 26 materie. Il Politecnico di Torino segna un debutto importante assicurandosi una posizione tra le prime 20 al mondo in Storia dell'arte, conquistando il 18 posto. 

Nel frattempo, Sapienza Università di Roma fa una notevole apparizione tra i primi 50 al mondo in Data Science and Artificial Intelligence, assicurandosi la 46esima posizione. L'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna entra nella top 100 mondiale per Lingua e Letteratura Inglese, al 71 posto.  AGI

Read 786 times

Utenti Online

Abbiamo 1191 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine