ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 21 Aprile 2024 15:47

Artista argentina La Chola Poblete è la prima artista queer premiata alla Biennale di Venezia

Written by 
Rate this item
(0 votes)
L'artista argentina La Chola Poblete è stata premiata una menzione d'onore alla Biennale d'Arte di Venezia L'artista argentina La Chola Poblete è stata premiata una menzione d'onore alla Biennale d'Arte di Venezia

Con il suo lavoro nel padiglione argentino della Biennale denuncia abusi e pregiudizi nei confronti delle popolazioni indigene, così come gli stereotipi dei popoli nativi.

L'artista argentina La Chola Poblete è stata premiata una menzione d'onore alla Biennale d'Arte di Venezia, che si è aperta questo sabato, e diventa la prima artista queer a essere premiato in questo concorso.

Nella menzione speciale della rassegna si legge “Si impegna in un gioco critico con le storie di rappresentazione coloniale da una prospettiva trans indigena. La sua arte polivalente – che comprende acquarelli, tessuti e fotografia – resiste all’esotismo delle donne indigene mentre insiste sul potere della sessualità”.

"Spero di aprire altre porte affinché altre persone come me possano conquistare spazi e liberarsi dalle etichette", ha detto l'artista ricevendo il premio. 

La Chola Poblete, lavora con performance, videoarte, fotografia o pittura, recupera, attraverso l'immaginario 'queer', la conoscenza ancestrale dei territori dell'America Latina, e con il suo lavoro nel padiglione argentino della Biennale denuncia abusi e pregiudizi nei confronti degli indigeni popolazioni, così come gli stereotipi dei popoli nativi. 

Il Leone d'Oro della Biennale è andato al Mataaho Collective, formato dalle artiste maori Bridget Reweti, Erena Baker, Sarah Hudson e Terri Te Tau. 

"Ringraziamo (il curatore brasiliano della Biennale) Adriano Pedrosa per aver fatto esprimere così tante voci queer e indigene in questa Biennale, è importante avere una piattaforma espressiva a Venezia", ​​hanno detto gli artisti, dedicando il premio "al nostro famiglie, che hanno lavorato così duramente affinché fossimo qui. 

La nigeriana Karimah Ashadu ha ricevuto il Leone d'Argento alla 60esima edizione della Biennale di Venezia mentre il padiglione australiano ha ricevuto il Leone d'Oro per il suo monumentale albero genealogico disegnato con il gesso. 

La seconda menzione è andata all'artista di origine palestinese Samia Halaby, 87 anni, pioniera dell'arte digitale, mentre la menzione speciale per la partecipazione nazionale è andata alla Repubblica del Kosovo 

I Leoni d'Oro della corsa sono andati all'artista turca Nil Yalter, pioniera del movimento femminista globale, e ad Anna Maria Maiolino, nata in Italia, calabrese, ed emigrata in Brasile. 

"L'arte è un'avventura dell'anima e io ci ho sempre creduto", ha commentato Maiolino, dedicando il premio "all'arte brasiliana". 

La 60esima Biennale di Venezia ha aperto le sue porte al pubblico questo sabato e fino al 24 novembre per mostrare attraverso l'arte che ci sono "stranieri ovunque" in un'edizione segnata, oltre che dalla guerra in Palestina, dall'arte indigena, dagli artisti 'queer' e dalla decolonizzazione. 

Molti degli oltre 300 artisti presenti in questa edizione presentano le loro opere per la prima volta in una Biennale che, come ha spiegato il suo curatore, il brasiliano Adriano Pedrosa, si concentra sugli artisti "stranieri", rifugiati e immigrati, sull'universo queer ' -gli 'stranieri' come primo significato di quella parola legata alla comunità LGTBI+-, gli 'outsider' -ai margini del mondo artistico ufficiale- o gli indigeni. AGI

Read 404 times

Utenti Online

Abbiamo 638 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine