ANNO XVIII Giugno 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 07 Maggio 2024 15:51

Rivelato il volto di una donna di Neanderthal di 75.000 anni fa

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Studi della BBC/Jamie Simonds - La testa ricreata di Shanidar Z, realizzata dai fratelli Kennis per il documentario Netflix ‘Secrets of the Neanderthal’ sulla base delle scansioni 3D del cranio ricostruito Studi della BBC/Jamie Simonds - La testa ricreata di Shanidar Z, realizzata dai fratelli Kennis per il documentario Netflix ‘Secrets of the Neanderthal’ sulla base delle scansioni 3D del cranio ricostruito

In un nuovo documentario su Netflix si racconta il lavoro di un gruppo di ricercatori che hanno trovato la femmina di Neanderthal nel 2018 in una grotta nel Kurdistan iracheno, dove la specie era tornata ripetutamente a deporre i propri morti.

In un nuovo documentario su Netflix è stato ricreato il volto di una donna di Neanderthal di 75.000 anni fa, il cui cranio appiattito è stato scoperto e ricostruito da centinaia di frammenti ossei da una squadra di archeologi e conservatori guidati dall’Università di Cambridge. 

Il gruppo di ricerca ha trovato la femmina di Neanderthal nel 2018 all’interno di una grotta nel Kurdistan iracheno, dove la specie era tornata ripetutamente a deporre i propri morti. La grotta è divenuta famosa nella fine degli anni ’50, quando sono stati portati alla luce diversi Neanderthal che sembravano essere stati sepolti in successione. 

“Secrets of the Neanderthal”, prodotto dalla BBC Studios Science Unit,  sarà distribuito su Netflix in tutto il mondo. Il documentario segue il gruppo guidato dalle università di Cambridge e Liverpool John Moores  mentre torna alla grotta di Shanidar per continuare gli scavi. 

“I crani dei Neanderthal e degli esseri umani hanno un aspetto molto diverso - ha dichiarato Emma Pomeroy, paleoantropologa del Dipartimento di Archeologia di Cambridge, che compare nel nuovo documentario. I crani dei Neanderthal hanno enormi creste sopraccigliari e mancano di mento, con una faccia centrale sporgente che dà luogo a nasi più prominenti. Ma, il volto ricreato suggerisce che queste differenze non erano così nette nella vita. È forse più facile capire come si siano verificati incroci tra le nostre specie, al punto che quasi tutti i vivi di oggi hanno ancora il DNA di Neanderthal”, ha proseguito Pomeroy. Si pensa che l’uomo di Neanderthal si sia estinto circa 40.000 anni fa e le scoperte di nuovi resti sono poche e rare. 

Il Neanderthal presentato nel documentario è il primo proveniente dalla grotta da oltre cinquant’anni, e forse l’individuo meglio conservato ritrovato in questo secolo. Mentre i reperti precedenti erano numerati, questo è chiamato Shanidar Z, anche se i ricercatori pensano che possa essere la metà superiore di un individuo trovato nel 1960. La testa era stata schiacciata, forse da una frana, relativamente presto dopo la morte, dopo che il cervello si era decomposto ma, prima che il cranio si riempisse di terra e poi ulteriormente compattata da decine di migliaia di anni di sedimenti. Quando gli archeologi lo hanno trovato, il cranio era appiattito a circa due centimetri di spessore. La squadra di scienziati ha esposto con cura i resti, tra cui uno scheletro articolato che arrivava quasi alla vita, e ha usato un consolidante simile a una colla per rafforzare le ossa e il sedimento circostante.

I ricercatori hanno rimosso Shanidar Z in decine di piccoli blocchi avvolti in fogli di alluminio da sette metri e mezzo di terreno e roccia nel cuore della grotta. Nel laboratorio di Cambridge, i ricercatori hanno effettuato scansioni micro-CT di ciascun blocco prima di diluire gradualmente la colla e utilizzare le scansioni per guidare l’estrazione dei frammenti ossei. La conservatrice Lucía López-Polín ha ricucito a  mano libera oltre 200 pezzi di cranio per restituirgli la forma originale, comprese le mascelle superiori e inferiori. “Ogni frammento di cranio viene pulito delicatamente, mentre la colla e il consolidante vengono aggiunti nuovamente per stabilizzare l’osso, che può essere molto morbido, simile alla consistenza di un biscotto inzuppato nel tè - ha detto Pomeroy -. È come un puzzle 3D di alta qualità: la lavorazione di un singolo blocco può richiedere più di quindici giorni”. 

La squadra di ricerca ha persino fatto riferimento alla scienza forense, studi su come le ossa si spostano dopo un trauma da corpo contundente e durante la decomposizione, per capire se i resti erano stati sepolti e i modi in cui i denti si erano staccati dalle mascelle. Il cranio ricostruito è stato sottoposto a scansione superficiale e stampato in 3D, costituendo la base di una testa creata da paleoartisti di fama mondiale e da due gemelli identici, Adrie e Alfons Kennis, che hanno costruito strati di muscoli e pelle fabbricati per rivelare il volto. Le nuove analisi suggeriscono fortemente che Shanidar Z fosse una donna più anziana, forse sulla quarantina secondo i ricercatori, un’età significativa da raggiungere così in profondità nella preistoria. Senza ossa pelviche, il gruppo di scienziati si è affidato al sequenziamento delle proteine dello smalto dei denti per determinare il sesso. I denti sono stati utilizzati anche per misurare la sua età attraverso i livelli di usura, con alcuni denti anteriori consumati fino alla radice. Con un’altezza di circa un metro e mezzo e alcune delle ossa delle braccia adulte più piccole tra i fossili di Neanderthal, la sua corporatura fa pensare a una femmina. Mentre i resti di almeno dieci diversi Neanderthal sono stati rinvenuti nella grotta, Shanidar Z è il quinto ad essere stato trovato in un gruppo di corpi sepolti in un momento simile nella stessa posizione: proprio dietro un’enorme roccia verticale, alta oltre due metri all’epoca, che si trova al centro della grotta. La roccia era scesa dal soffitto molto prima che i corpi venissero inumati.

Secondo i ricercatori, potrebbe essere servita agli uomini di Neanderthal come punto di riferimento per identificare un particolare sito per ripetere le sepolture. “L’uomo di Neanderthal ha avuto una cattiva stampa da quando sono stati trovati i primi esemplari più di 150 anni fa”, ha detto Graeme c del McDonald Institute for Archaeological Research di Cambridge, che guida gli scavi nella grotta. “Le nostre scoperte dimostrano che i Neanderthal di Shanidar potrebbero aver pensato alla morte e alle sue conseguenze in modi non molto diversi dai loro cugini evolutivi più vicini, cioè noi”, ha aggiunto Barker. Gli altri quattro corpi del gruppo sono stati scoperti dall’archeologo Ralph Solecki nel 1960. Uno di essi era circondato da ammassi di polline antico. Solecki e la specialista di pollini Arlette Leroi-Gourhan hanno sostenuto che i reperti erano la prova di rituali funerari in cui il defunto veniva deposto su un letto di fiori. Questo lavoro archeologico è stato tra i primi a suggerire che i Neanderthal erano molto più sofisticati delle creature primitive che molti avevano ipotizzato, sulla base della loro struttura tozza e delle loro sopracciglia scimmiesche. Decenni dopo, la squadra guidata da Cambridge ha ripercorso gli scavi di Solecki, con l’obiettivo di utilizzare le tecniche più recenti per recuperare ulteriori prove a sostegno delle sue controverse affermazioni, nonché dell’ambiente e delle attività dei Neanderthal e dei successivi esseri umani moderni che vivevano in quel luogo, quando hanno scoperto Shanidar Z. 

“La grotta di Shanidar è stata utilizzata prima dai Neanderthal e poi dalla nostra specie, quindi rappresenta un laboratorio ideale per affrontare una delle più grandi questioni dell’evoluzione umana”, ha dichiarato Barker. Uno studio guidato da Chris Hunt, dell’Università John Moores di Liverpool, suggerisce ora che il polline sia stato lasciato dalle api che scavavano nel pavimento della grotta. Tuttavia, i resti della grotta di Shanidar mostrano ancora i segni di una specie empatica. Ad esempio, un maschio aveva un braccio paralizzato, sordità e un trauma cranico che probabilmente lo rendeva parzialmente cieco, ma era vissuto a lungo e doveva essere stato curato. L’analisi del sito suggerisce che Shanidar Z è stata deposta in un canale formato dall’acqua corrente che è stato ulteriormente scavato a mano per accogliere il corpo. La postura indica che è stata appoggiata al fianco, con la mano sinistra rannicchiata sotto la testa e una roccia dietro la testa come un piccolo cuscino, che potrebbe essere stata posizionata lì. Sebbene Shanidar Z sia stato sepolto in un arco di tempo simile a quello degli altri corpi del gruppo, i ricercatori non possono dire quanto siano contemporanei, ma solo che risalgono tutti a circa 75.000 anni fa. Infatti, durante le riprese in loco per il nuovo documentario nel 2022, il gruppo di archeologi ha trovato i resti di un altro individuo nello stesso gruppo di sepolture, scoprendo la scapola sinistra, alcune costole e una mano destra abbastanza completa. Nei sedimenti, alcuni metri più in alto, Solecki aveva trovato altri tre Neanderthal, risalenti a circa 50.000 anni fa, che sono stati recuperati dall’attuale squadra. Ulteriori ricerche condotte dopo il ritrovamento di Shanidar Z hanno rilevato tracce microscopiche di cibo carbonizzato nel terreno intorno all’antico gruppo di corpi. Questi pezzetti carbonizzati di semi, noci ed erbe selvatiche suggeriscono non solo che i Neanderthal preparavano il cibo, ammollando e pestando legumi, e poi lo cucinavano, ma lo facevano in presenza dei loro morti. “Il corpo di Shanidar Z era a portata di mano di individui vivi che cucinavano con il fuoco e mangiavano - ha evidenziato Pomeroy -. Per questi Neanderthal non sembra esserci una netta separazione tra la vita e la morte. I Neanderthal tornavano in un punto particolare per seppellire i loro morti, a distanza di decenni o addirittura di migliaia di anni. È solo una coincidenza o è intenzionale e, in tal caso, cosa li fa tornare? Come donna anziana, Shanidar Z sarebbe stata un deposito di conoscenze per il suo gruppo, ed eccoci qui, settantacinquemila anni dopo, a imparare ancora da lei”, ha concluso Pomeroy. AGI

Read 1972 times

Utenti Online

Abbiamo 1028 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine