ANNO XVIII Giugno 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 10 Maggio 2024 16:28

Pestaggio dello studente italiano a Miami, la procura di Roma apre un'inchiesta

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Matteo Falcinelli Matteo Falcinelli

Il procedimento per il momento è senza indagati e senza ipotesi di reato.

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo a modello 45, senza indagati e senza ipotesi di reato, in relazione all'episodio avvenuto a Miami dove il giovane Matteo Falcinelli e' stato legato e malmenato dalla polizia nel febbraio scorso dopo un arresto. Il procedimento e' stato avviato alla luce della segnalazione arrivata a piazzale Clodio dal Consolato italiano di Miami. In attesa della denuncia da parte del ragazzo, in cui si potrebbero ipotizzare i reati di tortura e lesioni, gli inquirenti dovranno valutare le questioni legate alla competenza e alla giurisdizione. 

"Abbiamo riscontrato la massima disponibilita' del procuratore capo Francesco Lo Voi e del procuratore aggiunto Ilaria Calo' e quindi, nei prossimi giorni, presenteremo una denuncia. Al momento qui a piazzale Clodio c'e' solo segnalazione del Consolato". Cosi' l'avvocato Francesco Maresca, legale della famiglia di Matteo Falcinelli, dopo l'incontro, negli uffici della procura di Roma, con il procuratore Lo Voi e l'aggiunto Calo' in relazione all'episodio avvenuto a Miami dove il giovane e' stato legato e malmenato dalla polizia nel febbraio scorso dopo un arresto. "Matteo tornera' in Italia, secondo quanto abbiamo appreso, la settimana prossima", aggiunge il penalista. L'incontro, al quale ha partecipato anche il parlamentare del Pd David Ermini, e' durato una quarantina di minuti. 

Del rientro in Italia di Matteo aveva scritto la madre Vlasta Studenicova in una nota ai giornalisti. "Vi comunico che ieri mattina (9/5/2024) e' stata concessa dal giudice a Matteo l'estensione dell'attuale permesso di viaggiare con possibilita' per lui di rimanere in Italia fino al 30 Giugno 2024. Stiamo aspettando l'emissione del documento ufficiale, sperando di ricevere prima della nostra partenza anche il file con tutte le registrazioni audio e video riguardanti il caso di Matteo. Pensiamo quindi di riuscire a rientrare in Italia verso la fine della settimana prossima".   AGI

Read 421 times

Utenti Online

Abbiamo 508 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine