ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 12 Giugno 2024 21:02

Macron, "il voto Ue è stato chiaro. Inevitabile riconvocare nuove elezioni"

Written by  Francesca Venturi
Rate this item
(0 votes)
Il presidente francese Macron in conferenza stampa Il presidente francese Macron in conferenza stampa

Il presidente propone un 'patto' con chi dice no ai blocchi estremi, e vuole convincere i francesi: "Il Rassemblement National è inadeguato".

Davanti al 50% degli elettori che hanno espresso un voto di "rabbia" scegliendo i partiti estremisti alle elezioni europee in Francia, il presidente Emmanuel Macron non poteva far finta di niente, ignorandoli. Di qui la decisione di sciogliere le camere e convocare nuove elezioni. "Credo nella democrazia - ha detto durante la lunga conferenza stampa in cui ha lanciato la più breve campagna elettorale della storia della Quinta repubblica - In Europa non si può governare nonostante il popolo abbia votato chi non la pensa come me. Ora la nostra responsabilità è quella di lavorare perché lo scenario di un governo estremista non si verifichi, convincendo i francesi". 

Durante il botta e risposta con i giornalisti, il capo dell'Eliseo ha perso la pazienza ogni volta che qualcuno gli chiedeva se avrebbe dato l'incarico di formare un governo a Jordan Bardella, dando per scontata la vittoria del Rassemblement National. "Non vi capisco, vedete solo il disastro. A me invece interessa che i francesi capiscano che cosa succederà ai loro salari, alle loro pensioni, ai loro mutui, ai valori repubblicani, se vince il RN. Bisogna essere lucidi dopo i risultati di domenica e prendere atto della sconfitta, della rabbia della gente. Occorrerà governare diversamente, con fierezza e calma. Questo non solo è possibile, ma auspicabile ma tutto da conquistare". 

"Non voglio dare le chiavi del potere all'estrema destra nel 2027 - ha argomentato Macron - il sussulto deve avvenire adesso", ha aggiunto, sostenendo che occorre interrompere il processo di avvicinamento al potere del RN. Macron è anche tornato a escludere che si dimetterà, comunque vadano le elezioni. "La Costituzione parla chiaro", ha chiosato. Questa volta Macron non è disponibile a un confronto diretto con Marine Le Pen, che lo stesso presidente aveva proposto senza successo nella campagna per le europee. Quanto alla France Insoumise, il capo dell'Eliseo l'accusa di "antisemitismo" e "antiparlamentarismo" e giudica con sorpresa la possibilità che possa fare un'alleanza con il Partito socialista, viste le distanze che li separano su molte questioni a partire dalla guerra in Ucraina e i rapporti con la Russia. 

"Se c'è qualcuno che oggi si rivolta nella tomba, questo è Leon Blum", ha commentato riferendosi al Front Populaire che negli anni '30 del secolo scorso sconfisse i nazionalisti e il cui nome è riproposto dall'alleanza di sinistra: "Alleanze contronatura", le ha chiamate riferendosi anche a quella dal lato opposto dell'emiciclo francese. "Le maschere cadono", ha aggiunto commentando l'annuncio del presidente dei repubblicani di volersi alleare con RN. "Ha girato le spalle al generale De Gaulle, a Jacques Chirac e a Nicolas Sarkozy", lo ha accusato, citando i suoi illustri predecessori all'Eliseo Il RN è stato accusato dal presidente di ambiguità verso la Russia, della volontà di uscire dalla Nato e di discorsi contraddittori sulle pensioni. 

Il presidente ha parlato con i giornalisti davanti agli esponenti del governo che da gennaio è guidato da Gabriel Attal e della maggioranza che lo sostiene con la sola eccezione di Edouard Philippe. Secondo l'ex primo ministro, "non è del tutto sano" che il presidente si impegni nella campagna elettorale. D'ora in poi, sarà infatti Attal a gestirla per conto di Ensemble, maggioranza presidenziale, un blocco centrale "unito e chiaro nel suo rapporto con la Repubblica, l'Europa e sulle sue priorita'", secondo il capo dell'Eliseo. Riconoscendo di "non essere perfetti e di non avere fatto bene tutto", Macron ha fatto appello a un raggruppamento di "socialdemocratici, radicali, ecologisti, democristiani, gollisti e, allargando, ai compatrioti e responsabili politici che non si riconoscono nella febbre estremista".  AGI 

Read 431 times Last modified on Mercoledì, 12 Giugno 2024 21:47

Utenti Online

Abbiamo 1063 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine